Bitcoin Forum
December 17, 2017, 08:21:42 PM *
News: Latest stable version of Bitcoin Core: 0.15.1  [Torrent].
 
   Home   Help Search Donate Login Register  
Pages: [1]
  Print  
Author Topic: Brevi note in tema di bitcoin e imposizione fiscale  (Read 780 times)
oraziorosso
Jr. Member
*
Offline Offline

Activity: 30

Mine medicine, not hash


View Profile WWW
September 19, 2016, 11:02:54 AM
 #1

SOMMARIO: 1. Il Bitcoin – 2. Dinamiche fiscali applicate al Bitcoin negli U.S.A. – 3. L’esenzione delle operazioni di cambio bitcoin secondo le istituzioni europee – 4. Riflessioni conclusive

Il Bitcoin
Prima di approfondire la tematica tributaristica oggetto della presente pubblicazione giuridica occorre fornire alcuni cenni nozionistici basilari riguardo questa peculiare valuta.
Il bitcoin è una valuta virtuale ideata nel 2008 e completamente slegata ed esonerata da qualsivoglia vincolo di natura economica e fiscale imposto da qualsiasi Paese o banca mondiale poiché generato attraverso un processo computerizzato noto come mining e basato su un sistema di pagamento detto “peer to peer” poiché estraneo a qualsiasi forma fisica di valuta, avvenendo il tutto online. Trattasi più precisamente di criptovaluta, ossia una valuta virtuale e complementare che permette lo scambio di valore tra utenti senza intermediari, in forma  pseudo-anonima grazie all’attribuzione per ciascuna transazione di un codice alfanumerico che racchiude in sé tutti i passaggi effettuati durante il decorso storico dei bitcoin oggetto di transazione, dalla loro creazione sino all’ultimo passaggio. Tale garanzia matematica potrebbe essere violata soltanto attraverso sofisticate verifiche informatiche, che comunque non potrebbero portare ad un risultato valido in tempi utili.

Dinamiche fiscali applicate al Bitcoin negli  U.S.A.
Sulla base di questa fondamentale premessa iniziale, ne consegue che il bitcoin, trattandosi di valuta digitale emessa da un sistema decentralizzato del tutto estraneo a qualsivoglia banca centrale mondiale, è completamente esonerato dalle dinamiche fiscali ed economiche tipiche delle valute di emissione statale o comunitaria (ad es. dollaro, euro ecc.).
Ne consegue che il plusvalore guadagnato dalle transazioni nel circuito specifico delle criptovalute non è suscettibile né risponde di qualsivoglia imposizione fiscale da parte di alcuno Stato.
Premesso che ancora non vi sono norme specifiche che regolamentino dal punto di vista fiscale le operazioni effettuate attraverso valuta virtuale, attualmente è possibile disquisire della materia soltanto sulla base di mere supposizioni rinvenienti da radici empiriche.
Invero, è necessario considerare a livello mondiale le modalità con cui ciascuno Stato o Comunità ha gestito l’argomento.  Gli U.S.A. sono tra i primi a livello mondiale ad aver regolamentato i fenomeno Bitcoin, stabilendo che le operazioni ad esso connesse tra cui l’emissione, distribuzione, scambio, trasferimento sono suscettibili dell’applicazione delle norme di Bank Secrecy Act del 1970. Con tale disposizione normativa, il Ministero del Tesoro statunitense (Financial Crimes Enforcement Network) ha provveduto ad assoggettare le operazioni vitali inerenti il bitcoin all’obbligo di registrazione delle operazioni finanziarie effettuate, al fine di agevolare le indagini su eventuali frodi fiscali o altre attività illecite come il riciclaggio.
Si precisa che la ridetta normativa viene applicata, tuttavia, soltanto nel caso specifico di speculazione finanziaria ossia soltanto per i cosiddetti  money transmitter ossia coloro i quali fanno uso del bitcoin per commercio/professione al solo fine di trarne guadagno utile strettamente connesso alla valuta, lungi dall’utilizzarla quale mezzo di scambio alternativo alla valuta corrente per l’acquisto/vendita di beni o servizi. In tale ottica, infatti, alcun obbligo od onere fiscale può essere attribuito nei confronti dei comuni users (utenti non professionali) i quali fanno uso del Bitcoin strettamente  quale mezzo di acquisto/vendita di beni o servizi. In quest’ultimo caso la normativa vigente negli U.S.A. si limita a richiedere agli users soltanto la mera dichiarazione degli eventuali guadagni percepiti dalle transazioni a mezzo bitcoin.
La normativa oggetto di analisi, tuttavia, nel caso degli users si appalesa piuttosto vaga, non esplicitando se a seguito della ridetta dichiarazione venga applicata una tassazione specifica e, in tal caso, di quale importo e genere.
Invero, va precisato che qualora concettualmente il bitcoin venisse considerato come una forma di investimento azionario, subirebbe negli U.S.A. una tassazione del 24% (con deducibilità limitata in caso di perdite), mentre nel caso in cui venisse considerato come valuta allora si applicherebbe un’aliquota superiore al 43% circa (ma con piena deducibilità in caso di perdite).
Ne consegue che la tassazione del bitcoin, considerato quale valuta, seppur digitale, si profilerebbe sotto molteplici evidenti aspetti pocanzi enucleati, come pseudo-anonima in riferimento  all’elemento dell’occultamento dell’identità dell’users codificata attraverso una sequenza alfanumerica.

L’esenzione delle operazioni di cambio bitcoin secondo le istituzioni europee
Tale neonata e dibattuta questione dell’imposizione fiscale sul bitcoin ed altre criptovalute non riguarda soltanto il Ministero delle Finanze d’oltre oceano bensì è stata recentemente portata all’evidenza anche della Corte di Giustizia dell’Unione Europea la quale con Sentenza pubblicata il 22 Ottobre 2015, si è espressa evidenziando l’esenzione delle operazioni di cambio concernenti i bitcoin e le altre valute virtuali in Europa.
La Corte di Giustizia Europea ha chiarito che i bitcoin rappresentano una valuta virtuale, generata in rete e scambiata tra gli utenti attraverso un “indirizzo bitcoin” (equiparabile al numero di un conto corrente bancario).
Dal canto suo, la Banca Centrale Europea ha definito il ridetto scambio tra users “a flusso bidirezionale”, differente dalla moneta elettronica, perché si esprime in unità di calcolo virtuale e non tradizionale.
Per tali ragioni, secondo la Corte di Giustizia Europea il bitcoin, in qualità di valuta virtuale, non può considerarsi “bene materiale”, così come definito dall’art. 14 della Direttiva 2006/112/ce giacchè non trasferisce alcun diritto di proprietà ed è utilizzato unicamente per il cambio fra vari mezzi di pagamento, e come tale è esente dall’imposta sul valore aggiunto per le transazioni compiute all’interno del territorio europeo.
La finalità primaria rinvenibile nella ridetta pronuncia della Corte di Giustizia è senza ombra di dubbio quella di apportare benefici e facilitare gli scambi interni al mercato comunitario attraverso l’utilizzo della moneta virtuale come mezzo di pagamento alternativo a quello legale.
In quest’ottica  le attività di cambio di bitcoin in moneta a corso legale e viceversa, rientrano a pieno titolo tra le attività esenti dall’applicazione dell’Iva per le transazioni compiute all’interno del territorio europeo.

Riflessioni conclusive
Ad avviso di chi scrive, le criptovalute in generale ed il Bitcoin in particolare, in quanto avulse dal controllo di qualsivoglia authority, costituiscono una vera e propria opportunità rivoluzionaria finalizzata a muovere denaro, in qualsiasi parte del mondo, più rapidamente, con modalità più efficienti e con maggiori garanzie di privacy rispetto alla valuta statale comunemente utilizzata. Invero, al contrario del sistema bancario, trattandosi di valute virtuali del tutto decentralizzate, non è possibile da parte di alcun governo statale effettuare verifiche fiscali o controlli concernenti la tracciabilità della valuta mossa online.

A cura di:
Avv. Romina Centrone
Vicepresidente Bitcoin Foundation Puglia


Si ringrazia per la collaborazione:
Giuseppe Grisorio - Presidente Bitcoin Foundation Puglia
Stefano Capaccioli - Dottore Commercialista ed Esperto Contabile

Bitcoin Foundation Puglia
bitcoin-puglia.org
1513542102
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1513542102

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1513542102
Reply with quote  #2

1513542102
Report to moderator
Advertised sites are not endorsed by the Bitcoin Forum. They may be unsafe, untrustworthy, or illegal in your jurisdiction. Advertise here.
ghibly79_temp
Jr. Member
*
Offline Offline

Activity: 37

ghibly79, vedi trust/see trust


View Profile
September 19, 2016, 05:34:53 PM
 #2

"Ad avviso di chi scrive, le criptovalute in generale ed il Bitcoin in particolare, in quanto avulse dal controllo di qualsivoglia authority, costituiscono una vera e propria opportunità rivoluzionaria finalizzata a muovere denaro"

questo è vero e falso: puoi farlo ma se qualsiasi cosa va "storta" sei solo. La mancanza di norme specifiche e chiare permette un sacco di arbitrio a chi vuole accusarti di qualcosa. Poi magari ne esci, in Italia dopo molto tempo.
Molta cautela, purtroppo.

(Account temporaneo di ghibly79, vedi trust)
gbianchi
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1428



View Profile
September 19, 2016, 07:39:46 PM
 #3


Riflessioni conclusive
Ad avviso di chi scrive, le criptovalute in generale ed il Bitcoin in particolare, in quanto avulse dal controllo di qualsivoglia authority, costituiscono una vera e propria opportunità rivoluzionaria finalizzata a muovere denaro, in qualsiasi parte del mondo, più rapidamente, con modalità più efficienti e con maggiori garanzie di privacy rispetto alla valuta statale comunemente utilizzata. Invero, al contrario del sistema bancario, trattandosi di valute virtuali del tutto decentralizzate, non è possibile da parte di alcun governo statale effettuare verifiche fiscali o controlli concernenti la tracciabilità della valuta mossa online.

A cura di:
Avv. Romina Centrone
Vicepresidente Bitcoin Foundation Puglia


Si ringrazia per la collaborazione:
Giuseppe Grisorio - Presidente Bitcoin Foundation Puglia
Stefano Capaccioli - Dottore Commercialista ed Esperto Contabile


Auguro a tutti che queste riflessioni conclusive siano di buon auspicio.

RIcordo pero' che la giustizia dello stato italiano NON funziona come la giustizia dei privati, e che lo stato spesso
si muove in due modi che ai privati non sono concessi  (e i vari dottori commercialisti e avvocati lo sanno bene)

1) per presunzione

2) in modo retroattivo

In pratica lo stato e il suo "braccio armato" equitalia possono tranqullamente permettersi di emettere multe su presunti reati
(anche non documentati, vedi gli studi di settore o la presunzione di reato multata IMMEDIATAMENTE mentre ci si avvia all'iter dalla difesa processuale)
Inoltre lo stato puo' tranquillamente emettere norme e poi contraddisrsi in modo plateale nella legislazione successiva.

Morale, tutto cio' e' sicuramente vero, pero' invito tutti a muoversi con particolare circospezione visto che parliamo di
soldi e quindi un argomento particolarmente caro allo stato e ed equitalia.


GUIDA PER NUOVI UTENTI https://bitcointalk.org/index.php?topic=1241459.0
DO NOT HOLD YOUR BTC ON THIRD PARTY EXCHANGES – BE YOUR OWN BANK https://bitcointalk.org/index.php?topic=945881.0
Donazioni: 17ykWbCHG6eMfLt42zCJVw5bZE1YxRMihL
oraziorosso
Jr. Member
*
Offline Offline

Activity: 30

Mine medicine, not hash


View Profile WWW
September 20, 2016, 09:21:36 AM
 #4

"Ad avviso di chi scrive, le criptovalute in generale ed il Bitcoin in particolare, in quanto avulse dal controllo di qualsivoglia authority, costituiscono una vera e propria opportunità rivoluzionaria finalizzata a muovere denaro"

questo è vero e falso: puoi farlo ma se qualsiasi cosa va "storta" sei solo. La mancanza di norme specifiche e chiare permette un sacco di arbitrio a chi vuole accusarti di qualcosa. Poi magari ne esci, in Italia dopo molto tempo.
Molta cautela, purtroppo.

Sono d'accordo e conosco anche la vicenda, ma questo modesto contributo è esclusivamente di natura civilistico/fiscale. Per quanto riguarda il campo del diritto penale c'è ancora tanto lavoro da fare!

Bitcoin Foundation Puglia
bitcoin-puglia.org
oraziorosso
Jr. Member
*
Offline Offline

Activity: 30

Mine medicine, not hash


View Profile WWW
September 20, 2016, 09:30:59 AM
 #5


Riflessioni conclusive
Ad avviso di chi scrive, le criptovalute in generale ed il Bitcoin in particolare, in quanto avulse dal controllo di qualsivoglia authority, costituiscono una vera e propria opportunità rivoluzionaria finalizzata a muovere denaro, in qualsiasi parte del mondo, più rapidamente, con modalità più efficienti e con maggiori garanzie di privacy rispetto alla valuta statale comunemente utilizzata. Invero, al contrario del sistema bancario, trattandosi di valute virtuali del tutto decentralizzate, non è possibile da parte di alcun governo statale effettuare verifiche fiscali o controlli concernenti la tracciabilità della valuta mossa online.

A cura di:
Avv. Romina Centrone
Vicepresidente Bitcoin Foundation Puglia


Si ringrazia per la collaborazione:
Giuseppe Grisorio - Presidente Bitcoin Foundation Puglia
Stefano Capaccioli - Dottore Commercialista ed Esperto Contabile


Auguro a tutti che queste riflessioni conclusive siano di buon auspicio.

RIcordo pero' che la giustizia dello stato italiano NON funziona come la giustizia dei privati, e che lo stato spesso
si muove in due modi che ai privati non sono concessi  (e i vari dottori commercialisti e avvocati lo sanno bene)

1) per presunzione

2) in modo retroattivo

In pratica lo stato e il suo "braccio armato" equitalia possono tranqullamente permettersi di emettere multe su presunti reati
(anche non documentati, vedi gli studi di settore o la presunzione di reato multata IMMEDIATAMENTE mentre ci si avvia all'iter dalla difesa processuale)
Inoltre lo stato puo' tranquillamente emettere norme e poi contraddisrsi in modo plateale nella legislazione successiva.

Morale, tutto cio' e' sicuramente vero, pero' invito tutti a muoversi con particolare circospezione visto che parliamo di
soldi e quindi un argomento particolarmente caro allo stato e ed equitalia.


Trovo più che condivisibile anche questo commento, ma occorre pur iniziare da qualche parte altrimenti si rischia l'immobilismo. Giustamente vengono riportate prassi poco ortodosse da parte dell'amministrazione finanziaria, ma questo non devo deludere nè scoraggiare chi, con argomentazioni in punta di diritto, mira ad interpretare il fenomeno in una chiave diversa e ad offrire tale interpretazione a chi, un domani, sarà chiamato a legiferare o applicare tali normative.

Bitcoin Foundation Puglia
bitcoin-puglia.org
Pages: [1]
  Print  
 
Jump to:  

Sponsored by , a Bitcoin-accepting VPN.
Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines Valid XHTML 1.0! Valid CSS!