Bitcoin Forum
April 25, 2018, 02:39:07 PM *
News: Latest stable version of Bitcoin Core: 0.16.0  [Torrent]. (New!)
 
   Home   Help Search Donate Login Register  
Pages: « 1 [2]  All
  Print  
Author Topic: Se tu fossi il legislatore, come tasseresti le cryptovalute?  (Read 181 times)
icio
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 380
Merit: 252


View Profile
April 24, 2018, 06:29:10 AM
 #21

Ti piace vincere facile, esentasse....  Roll Eyes (comunque la privacy del cittadino va a farsi benedire quando si parla di soldi, quindi penso che sarà impossibile scamparla).

Le tasse bisogna pagarle...quante è un altro discorso...quanto sento persone che dicono ..io non pago niente..e qua e la, francamente mi girano un po Grin
Poi questi Signori se un giorno hanno un brutto male .però l'ospedale che ti opera gratuitamente lo esigono....la scuola pubblica la esigono...se c'è un buco sulla strada
s'incazzano etc etc etc..per cui su questo aspetto io dico solo questo...è una questione di visione...pago le tasse per avere una redistribuzione del reddito?
o pago le tasse per avere in cambio servizi, possibilmente efficienti?..ognuno la pensi come crede...certo è che da queste due semplici domande... poi le conseguenze sono estremamente diverse..visioni politiche..e ognuno ha il diritto di avere le sue.

Per la privacy, anche qui devo dire che mi ha scassato un po sta storia...certo è una cosa importantissima....ma da pseudoanonimo a ciò che abbiamo oggi...direi che sia un grande miglioramento...oggi basta avere un cell perchè si possa sapere chi sei e anche dove sei....tra un po basta aprire un frigorifero e mi sa che si sa anche dove sei in casa tua....cmq...io penso che il compito principale di uno Stato dovrebbe essere la Sicurezza... e se per avere la Sicurezza devo rinunciare un po alla mia privacy..io rinuncio volentieri....stesso dicasi per l'aspetto fiscale...ma purchè la cosa valga per tutti... e non per far pagare i sempre i soliti
1524667147
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1524667147

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1524667147
Reply with quote  #2

1524667147
Report to moderator
1524667147
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1524667147

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1524667147
Reply with quote  #2

1524667147
Report to moderator
1524667147
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1524667147

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1524667147
Reply with quote  #2

1524667147
Report to moderator
Advertised sites are not endorsed by the Bitcoin Forum. They may be unsafe, untrustworthy, or illegal in your jurisdiction. Advertise here.
1524667147
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1524667147

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1524667147
Reply with quote  #2

1524667147
Report to moderator
1524667147
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1524667147

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1524667147
Reply with quote  #2

1524667147
Report to moderator
1524667147
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1524667147

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1524667147
Reply with quote  #2

1524667147
Report to moderator
icio
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 380
Merit: 252


View Profile
April 24, 2018, 06:41:45 AM
 #22

L'aspetto fiscale in generale delle cripto può essere affrontato solo dopo un preciso inquadramento...questo è chiaro.
Equiparare il bit alle valute è uno spunto di partenza...ma non si riesce ad applicare le norme vigenti ad un qualcosa per cui queste norme quando son state fatte non esisteva.
Da qui si ritorna a bomba...si può gestire sotto l'aspetto fiscale la cripto come una valuta o altro come definito da altri organismi...ma non si riesce a completare altri passaggi..
monitoraggio etc etc...se non si fanno norme specifiche...qui però ritorniamo a ribomba...per la sua natura senza confini..una cripto regolamentata solo a livello nazionale
non risolve la questione..giusto esempio quello del possesso...il luogo, dove cavolo sono sti bit?..son con me..sono a casa nel cell se me lo dimentico?
sono all'estero o in una cassetta di sicurezza dove uno tiene le sue chiavi?

La cosa non è facile
picchio
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1596
Merit: 1008



View Profile
April 24, 2018, 06:48:24 AM
 #23

... l'oro da investimento ...
Non riesco a trovarlo ma mi pare di aver visto che si contempla anche il caso in cui non hai il prezzo di acquisto dell'oro (minatori per BTC) e quindi come calcoli il capital gain sul quale applicare la tassa ...


Consideri prezzo d'acquisto zero e il profitto diventa il prezzo di vendita


Io mi ricordo qualcosa di piu' articolato e meno penalizzante, a naso considerava il valore dell'oro di X anni fa e calcolava sulla differenza o considerava solo una percentuale del valore di vendita come tassabile.


Se io invece scambiassi, diciamo, 1 lingotto d'oro per una casa, al di la delle spese notarili, la mia operazione è esente da capital gain?
Se tu facessi il contrario: dipende da quanti anni hai acquistato la casa, se sono passati N (5?; 10? non saprei) anni non paghi.
Per l'oro non so ma io farei valere la stessa regola ... il problema e' che il valore dell'oro, pur avendo una quotazione, io lo poso vendere alla cifra che voglio. Anche la casa ha un valore ma la vendo anche a molto meno (entro certi limiti).
Non semplice.
L'unica cosa certa e' che le tasse per l'acquisto di una casa, dal notaio, le paghi sul valore catastale in euro.


 
 
           ▄████▄
         ▄████████▄
       ▄████████████▄
     ▄████████████████▄
    ████████████████████      ▄█▄                 ▄███▄                 ▄███▄                 ▄████████████████▀   ▄██████████

  ▄▄▄▀█████▀▄▄▄▄▀█████▀▄▄▄     ▀██▄             ▄██▀ ▀██▄             ▄██▀ ▀██▄             ▄██▀                   ██
▄█████▄▀▀▀▄██████▄▀▀▀▄█████▄     ▀██▄         ▄██▀     ▀██▄         ▄██▀     ▀██▄         ▄██▀        ▄█▄          ▀██████████████▄
████████████████████████████       ▀██▄     ▄██▀         ▀██▄     ▄██▀         ▀██▄     ▄██▀          ▀█▀                        ██
 ▀████████████████████████▀          ▀██▄ ▄██▀             ▀██▄ ▄██▀     ▄█▄     ▀██▄ ▄██▀                                       ██
   ▀████████████████████▀              ▀███▀                 ▀███▀       ▀█▀       ▀███▀      ▄███████████████████████████████████▀
     ▀████████████████▀
       ▀████████████▀
         ▀████████▀
           ▀████▀
║║


║║
.
.

║║
██
║║
.
.

║║
██
║║
.
║║


║║
duesoldi
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 378
Merit: 311


View Profile
April 24, 2018, 12:07:36 PM
 #24

Tasse:
a mio parere (come già dicevo tempo fa in altro thread) le tasse avrebbe senso pagarle solo se lo stato mi riconoscesse dei servizi (parlo sempre del mondo cripto) e/o mi tutelasse in qualche forma. Ad esempio contro il rischio di chiusura di un Exchange. Diversamente non avrebbe senso parlare di tasse ma - eventualmente - solo di imposte. Le quali però dovrebbero a quel punto essere molto basse, altro che 30/40%.
Se no poi mi piacerebbe capire perché a noi potrebbero decidere di imporre una tassazione alta, mentre ad altri proporre esenzioni di questo tipo (scandalose!!):
https://www.corriere.it/economia/18_aprile_21/flat-tax-100-mila-euro-l-anno-fa-traslocare-italia-160-paperoni-281f4ac0-4597-11e8-ae70-70c19cb6c123.shtml


Quindi per me prima di parlare di tasse - e premettendo che sono d'accordo con chi sottolinea l'impossibilità di riferirsi a norme già in essere - sarebbe utile definire normativamente in modo preciso il concetto di cripto. Tolta l'Italia (che da anni sta perdendo tempo per parlare solo di legge elettorale) credo che la UE stia prendendo tempo proprio perché stanno capendo che il tema è ampio e va approfondito bene prima di legiferare. Penso questo sia un bene.....

Mi piace molto il concetto di proprietà di cripto richiamato sopra: in estrema sintesi sono proprietario se riesco a disporre/movimentare la cripto in oggetto. E per estensione arriviamo anche all'essere comproprietario insieme ad altri.

Sulla necessità di dichiarare il possesso: perché dichiarare il possesso di cripto quando non sono obbligato a dichiarare il possesso di Euro ? tolti quelli che ho in banca, potrei detenere in casa mia 100 k€ senza dover dichiarare nulla (a mio rischio e pericolo ovvio). Perché allora doverlo fare per le cripto ? per il monitoraggio? quando si sa che il maggior veicolo per riciclare soldi sporchi sono proprio i contanti ?  Non regge.....

Comunque sono arrivato sin qui senza rispondere alla domanda iniziale, quindi ci provo anch'io:

1) tassazione: solo sulla plus e per una percentuale bassa (esempio 5 o 10% fisso) fatta solo nel caso in cui lo stato si impegni a coprire determinati rischi su movimenti che si appoggiano a determinati Exchange (i dex saranno credo impossibili da controllare). Esenzione negli altri casi, ad es quando riconverto con localbitcoin oppure usando un Exchange cinese per il quale lo stato non offra alcuna garanzia.
Certo rimarrebbe il problema di come calcolare (e documentare) la plus. Aspetto non facile da definire....  perché sarebbe un incubo dover seguire tutti i movimenti. Per questo un'ipotesi potrebbe essere una tassazione con % bassa su tutto ciò che riconverto in euro, a prescindere dal fatto che possa essere frutto di un grande guadagno oppure le briciole che decido di riconvertire dopo aver perso quasi tutto quanto investito all'inizio.
2) obbligo dichiarativo: nessuno, così come non devo dichiarare il possesso di euro. Del resto l'intenzione sarebbe proprio quella di utilizzare le cripto come veicolo per pagamenti, no ?
3) invece regolamentazione molto più stringente per le Ico  (prima di aprirne una devo dimostrare di avere i requisiti necessari), così da offrire un minimo di salvaguardia agli investitori più sprovveduti

Alcuni sono punti che uno stato da solo non può affrontare, il terzo per esempio.



Per la privacy, anche qui devo dire che mi ha scassato un po sta storia...certo è una cosa importantissima....ma da pseudoanonimo a ciò che abbiamo oggi...direi che sia un grande miglioramento...oggi basta avere un cell perchè si possa sapere chi sei e anche dove sei....tra un po basta aprire un frigorifero e mi sa che si sa anche dove sei in casa tua....cmq...io penso che il compito principale di uno Stato dovrebbe essere la Sicurezza... e se per avere la Sicurezza devo rinunciare un po alla mia privacy..io rinuncio volentieri....stesso dicasi per l'aspetto fiscale...ma purchè la cosa valga per tutti... e non per far pagare i sempre i soliti

Mi sa che ci manca proprio poco....:
http://www.lettera35.it/amazon-brevettata-una-tecnologia-in-grado-di-spiare-e-la-sicurezza/
redsn0w
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1414
Merit: 1019


#Free market


View Profile
April 24, 2018, 04:51:58 PM
Merited by alexrossi (10), trader34 (1)
 #25

....io penso che il compito principale di uno Stato dovrebbe essere la Sicurezza... e se per avere la Sicurezza devo rinunciare un po alla mia privacy..io rinuncio volentieri....stesso dicasi per l'aspetto fiscale...ma purchè la cosa valga per tutti... e non per far pagare i sempre i soliti

Ti rispondo con questa citazione:

"They that can give up essential liberty to obtain a little temporary safety deserve neither liberty nor safety. Those Who Sacrifice Liberty For Security Deserve Neither. He who would trade liberty for some temporary security, deserves neither liberty nor security."
  ~ Benjamin Franklin

Con liberta = privacy, il senso è comunque lo stesso.
icio
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 380
Merit: 252


View Profile
April 24, 2018, 05:06:40 PM
 #26

....io penso che il compito principale di uno Stato dovrebbe essere la Sicurezza... e se per avere la Sicurezza devo rinunciare un po alla mia privacy..io rinuncio volentieri....stesso dicasi per l'aspetto fiscale...ma purchè la cosa valga per tutti... e non per far pagare i sempre i soliti

Ti rispondo con questa citazione:

"They that can give up essential liberty to obtain a little temporary safety deserve neither liberty nor safety. Those Who Sacrifice Liberty For Security Deserve Neither. He who would trade liberty for some temporary security, deserves neither liberty nor security."
  ~ Benjamin Franklin

Con liberta = privacy, il senso è comunque lo stesso.

C'è sempre da imparare....le massime però vanno interpretate e capite in base al contesto...di chi e quando le ha scritte e di chi e quando le ha letto
icio
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 380
Merit: 252


View Profile
April 24, 2018, 05:16:30 PM
 #27

Duesoldi...quoto in toto o quasi
Il problema di definire il possesso ed il luogo...si è evidenziato chiaramente in questi giorni con il quadro rw..che tu ben conosci e hai già scritto in passato se non sbaglio
Definizioni diverse da valuta...ma che rimangono in un concetto finanziario simile...cioè asset...non cambia la problematica.
L'indirizzo 2013 dell'europa...crea lo stesso impegno per un governo che sia valuta o asset...se trattasi di attività patrimoniale o finanziaria estera o con possibili proventi esteri ci obbliga ad una gestione diversa rispetto ad una definizione di bene, valuta, asset,  proprio all'interno del proprio stato.

Sull'aspetto puramente numerico ..percentuale tasse, faccio estrema fatica a esprimermi con numeri o percentuali..perchè l'è un casin Grin
icio
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 380
Merit: 252


View Profile
April 24, 2018, 05:40:44 PM
 #28

Scusami mi son dimenticato...sul tuo ultimo punto le Ico...oltre a restringenti, io aggiungerei che ci metti del tuo all'inizio in percentauale.
Sicuramente vengo bacchettato come vecchietto rimbambito...ed è pure vero Grin..ma come nel contesto bancario quando ti finanziano in parte...chi emette la ico dovrebbe
essere il primo a crederci...e se così è  ci metti una percentuale di tuo come fondo a garanzia...troppo comodo far tutto con i soldini degli altri
e poi magari fare il botto e sparire sfruttando la mancanza di regole
trader34
Member
**
Offline Offline

Activity: 154
Merit: 33

Private Banking & Trading Platform


View Profile
April 24, 2018, 06:20:36 PM
 #29


1) tassazione: solo sulla plus e per una percentuale bassa (esempio 5 o 10% fisso) fatta solo nel caso in cui lo stato si impegni a coprire determinati rischi su movimenti che si appoggiano a determinati Exchange (i dex saranno credo impossibili da controllare). Esenzione negli altri casi, ad es quando riconverto con localbitcoin oppure usando un Exchange cinese per il quale lo stato non offra alcuna garanzia.
Certo rimarrebbe il problema di come calcolare (e documentare) la plus. Aspetto non facile da definire....  perché sarebbe un incubo dover seguire tutti i movimenti. Per questo un'ipotesi potrebbe essere una tassazione con % bassa su tutto ciò che riconverto in euro, a prescindere dal fatto che possa essere frutto di un grande guadagno oppure le briciole che decido di riconvertire dopo aver perso quasi tutto quanto investito all'inizio.

Non posso essere d'accordo sulla parte in grassetto, perchè non è possibile pagare tasse su un guadagno che non c'è stato, ma solo giustamente sui guadagni effettivamente realizzati e quindi sul capital gain. Se no è una patrimoniale sulle transazioni e non una legittima tassazione sui guadagni.


2) obbligo dichiarativo: nessuno, così come non devo dichiarare il possesso di euro. Del resto l'intenzione sarebbe proprio quella di utilizzare le cripto come veicolo per pagamenti, no ?

Come non quotare? Infatti non mi pare che nessuno dichiari euro o dollari che tiene in casa.


3) invece regolamentazione molto più stringente per le Ico  (prima di aprirne una devo dimostrare di avere i requisiti necessari), così da offrire un minimo di salvaguardia agli investitori più sprovveduti

Assolutamente sì e sono d'accordo su tutta la linea. Basta scam e miriadi di progetti inutili. Le ICO, ma è questione di tempo, dovranno sottostare ad una certa regolamentazione (ma minore chiaramente alla quotazioni in Borsa) per poter essere proposte al pubblico.

Le norma da implementare dovranno poi essere diverse a seconda se si parla di un utility token (come la maggioranza di quelli attuali) o di una security, cioè un token che dà un dividendo ai propri detentori (NEX - per fare un esempio attualissimo).


....io penso che il compito principale di uno Stato dovrebbe essere la Sicurezza... e se per avere la Sicurezza devo rinunciare un po alla mia privacy..io rinuncio volentieri....stesso dicasi per l'aspetto fiscale...ma purchè la cosa valga per tutti... e non per far pagare i sempre i soliti

Ti rispondo con questa citazione:

"They that can give up essential liberty to obtain a little temporary safety deserve neither liberty nor safety. Those Who Sacrifice Liberty For Security Deserve Neither. He who would trade liberty for some temporary security, deserves neither liberty nor security."
  ~ Benjamin Franklin

Con liberta = privacy, il senso è comunque lo stesso.

Grande! La tua citazione di Benjamin Franklin meritava di ben più di solo un merit da parte mia (ma ne ho pochi ancora a disposizione!!!  Cheesy).

Occorre sempre tenere bene a mente questa cosa, per evitare di sfociare in derive dittatoriali e costruire una società sempre migliore nel futuro. D'altronde sono sempre le dittature e non gli stati almeno sulla carta democratici, che hanno barattato (effimera) sicurezza con la libertà.

duesoldi
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 378
Merit: 311


View Profile
April 24, 2018, 08:58:30 PM
 #30

...si è evidenziato chiaramente in questi giorni con il quadro rw..che tu ben conosci e hai già scritto in passato se non sbaglio

Non sbagli, ma l'RW non lo conosco affatto, anzi più ci ragiono sopra e più (come disse qualcuno tempo fa) "so di non sapere".
Non lo dico per falsa modestia....  Angry

Circa la risposta sulle Ico: bel suggerimento   Wink   anche se sarebbe solo uno dei punti da garantire perché da solo non basterebbe. Immagina lo scenario: ti obbligo a mettere  l' 1% del capitale che intendi raccogliere. Per una Ico che voglia raccogliere 100 mln € vorrebbe dire metterci un capitale a garanzia di 1 mln?  pochi riuscirebbero, quindi bisognerebbe abbassare la % chiesta all'inizio.... ma a quel punto converrebbe davvero mettere il fondo iniziale e scammare i 100 mln !  Grin
Insomma buona l'idea ma da arricchire con altre garanzie.


Tornando in tema:


1) tassazione: solo sulla plus e per una percentuale bassa (esempio 5 o 10% fisso) fatta solo nel caso in cui lo stato si impegni a coprire determinati rischi su movimenti che si appoggiano a determinati Exchange (i dex saranno credo impossibili da controllare). Esenzione negli altri casi, ad es quando riconverto con localbitcoin oppure usando un Exchange cinese per il quale lo stato non offra alcuna garanzia.
Certo rimarrebbe il problema di come calcolare (e documentare) la plus. Aspetto non facile da definire....  perché sarebbe un incubo dover seguire tutti i movimenti. Per questo un'ipotesi potrebbe essere una tassazione con % bassa su tutto ciò che riconverto in euro, a prescindere dal fatto che possa essere frutto di un grande guadagno oppure le briciole che decido di riconvertire dopo aver perso quasi tutto quanto investito all'inizio.

Non posso essere d'accordo sulla parte in grassetto, perchè non è possibile pagare tasse su un guadagno che non c'è stato, ma solo giustamente sui guadagni effettivamente realizzati e quindi sul capital gain. Se no è una patrimoniale sulle transazioni e non una legittima tassazione sui guadagni.

Sì qui mi ero espresso un po' troppo sbrigativamente, hai ragione sul non essere d'accordo. Provo a rifare il ragionamento con più calma.
L'idea di fondo era trovare una forma di imposizione (sigh!!!) che potesse far incassare qualcosina allo stato (ri-sigh!) senza per questo gravare il criptonista con burocrazia varia e documenti da produrre. Come per esempio il dover tener traccia delle tx per documentare quanto movimentato. Questo è un punto che proprio vorrei evitare.
Quindi mi sono domandato: come farebbe uno stato a farmi pagare un'imposta sulle sole plus senza chiedermi le tx? dovrebbe fidarsi di quel che dichiaro ?  figuriamoci!! non accadrebbe mai.... anche perché io potrei dichiarare di non aver avuto plus e se lui non avesse mezzi per controllare (abbiamo detto che non mi dovrà chiedere le tx) saremmo punto e a capo.

Perciò l'unica strada alternativa che ho visto (ripeto: per tener fermo il punto di non dover produrre documentazione) è stata quella che ho scritto; far pagare un'imposta su ciò che riconverto in euro.
- ho investito 10k€, compro btc, poi riconverto e ottengo 30k€: ho una plus di 20k e su essa mi fai pagare il 5% di imposte. Sono contento io ed è contento lo stato che incassa.
- ho investito 10k€, compro btc, poi riconverto e ottengo 3k€ (ci ho quindi smenato alla grande): non importa calcolare plus o minus perché secondo il mio ragionamento pagherò sempre  il 5% di imposte sui 3k che faccio rientrare. Lo stato è contento perché incassa lo stesso, io mi sono preso la mazzata (e devo pure pagarci l'imposta!) ma mi servirà di lezione per investimenti futuri.
Però almeno non ho cartaccia da dover produrre per documentare il tutto, né noiosi calcoli di plus/minus da fare.

Sarebbe giusto? nel caso di guadagni sì, nel caso di perdite no, però tenendo la linea dell' "investire in cripto solo quel che sei disposto a perdere" non sarebbe una tragedia, ed avrebbe il pregio di non avere oneri (documentazione) aggiuntivi.

Rimane da chiarire una cosa in questo mio ragionamento, ovvero perché ci tenga tanto a evitare di dover produrre documentazione.
Risposta: perché se (ci) obbligassero a documentare tutti i movimenti, che mass-adoption potremmo sperare di avere con le cripto ? nessuna...! figuriamoci se la signora Maria le potrebbe usare per comperare il latte sapendo che dovrà tenere traccia della tx!   alla fine le userebbero solo i 3 gatti che si comperano nel deep web la cicoria da fumare perché tanto loro se ne fregherebbero per definizione degli obblighi dichiarativi.
icio
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 380
Merit: 252


View Profile
April 24, 2018, 09:21:56 PM
 #31

Se si eliminano scartoffie..son sempre d'accordo, usi il tempo per te e non per la burocrazia.
Una tassa fissa bassa sempre ritornando in fiat,mi piace, però....c'è un però secondo me
Hai una plus quando converti o minus, ma hai una plus o minus anche quando non converti in fiat, ma paghi un qualcosa
trader34
Member
**
Offline Offline

Activity: 154
Merit: 33

Private Banking & Trading Platform


View Profile
April 24, 2018, 09:44:43 PM
 #32


1) tassazione: solo sulla plus e per una percentuale bassa (esempio 5 o 10% fisso) fatta solo nel caso in cui lo stato si impegni a coprire determinati rischi su movimenti che si appoggiano a determinati Exchange (i dex saranno credo impossibili da controllare). Esenzione negli altri casi, ad es quando riconverto con localbitcoin oppure usando un Exchange cinese per il quale lo stato non offra alcuna garanzia.
Certo rimarrebbe il problema di come calcolare (e documentare) la plus. Aspetto non facile da definire....  perché sarebbe un incubo dover seguire tutti i movimenti. Per questo un'ipotesi potrebbe essere una tassazione con % bassa su tutto ciò che riconverto in euro, a prescindere dal fatto che possa essere frutto di un grande guadagno oppure le briciole che decido di riconvertire dopo aver perso quasi tutto quanto investito all'inizio.

Non posso essere d'accordo sulla parte in grassetto, perchè non è possibile pagare tasse su un guadagno che non c'è stato, ma solo giustamente sui guadagni effettivamente realizzati e quindi sul capital gain. Se no è una patrimoniale sulle transazioni e non una legittima tassazione sui guadagni.

Quote
Sì qui mi ero espresso un po' troppo sbrigativamente, hai ragione sul non essere d'accordo. Provo a rifare il ragionamento con più calma.
L'idea di fondo era trovare una forma di imposizione (sigh!!!) che potesse far incassare qualcosina allo stato (ri-sigh!) senza per questo gravare il criptonista con burocrazia varia e documenti da produrre. Come per esempio il dover tener traccia delle tx per documentare quanto movimentato. Questo è un punto che proprio vorrei evitare.
Quindi mi sono domandato: come farebbe uno stato a farmi pagare un'imposta sulle sole plus senza chiedermi le tx? dovrebbe fidarsi di quel che dichiaro ?  figuriamoci!! non accadrebbe mai.... anche perché io potrei dichiarare di non aver avuto plus e se lui non avesse mezzi per controllare (abbiamo detto che non mi dovrà chiedere le tx) saremmo punto e a capo.

Perciò l'unica strada alternativa che ho visto (ripeto: per tener fermo il punto di non dover produrre documentazione) è stata quella che ho scritto; far pagare un'imposta su ciò che riconverto in euro.
- ho investito 10k€, compro btc, poi riconverto e ottengo 30k€: ho una plus di 20k e su essa mi fai pagare il 5% di imposte. Sono contento io ed è contento lo stato che incassa.
- ho investito 10k€, compro btc, poi riconverto e ottengo 3k€ (ci ho quindi smenato alla grande): non importa calcolare plus o minus perché secondo il mio ragionamento pagherò sempre  il 5% di imposte sui 3k che faccio rientrare. Lo stato è contento perché incassa lo stesso, io mi sono preso la mazzata (e devo pure pagarci l'imposta!) ma mi servirà di lezione per investimenti futuri.
Però almeno non ho cartaccia da dover produrre per documentare il tutto, né noiosi calcoli di plus/minus da fare.

Sarebbe giusto? nel caso di guadagni sì, nel caso di perdite no, però tenendo la linea dell' "investire in cripto solo quel che sei disposto a perdere" non sarebbe una tragedia, ed avrebbe il pregio di non avere oneri (documentazione) aggiuntivi.

Rimane da chiarire una cosa in questo mio ragionamento, ovvero perché ci tenga tanto a evitare di dover produrre documentazione.
Risposta: perché se (ci) obbligassero a documentare tutti i movimenti, che mass-adoption potremmo sperare di avere con le cripto ? nessuna...! figuriamoci se la signora Maria le potrebbe usare per comperare il latte sapendo che dovrà tenere traccia della tx!   alla fine le userebbero solo i 3 gatti che si comperano nel deep web la cicoria da fumare perché tanto loro se ne fregherebbero per definizione degli obblighi dichiarativi.


Interessante, emergono alcuni punti utili, in particolare sulle differenze tra le criptovalute come valuta e come asset finanziario.

In primo luogo secondo me è del tutto inevitabile produrre lo storico delle transazioni, come lo è ora (se le si ha a disposizone) e come lo sarà in futuro. Questo se si fa speculazione finanziaria (trading), esattamente come si fa per qualsiasi altro asset. Non credo sarà in nessun modo evitabile, anche perchè tra le varie cose (come se ne parlava in passato nel thread sulle tasse), serve per evitare reati come il riciclaggio di denaro oltre che a sapere non sulla fiducia qual'è la tua plusvalenza. In America per esempio da quest'anno hanno chiesto tutto lo storico delle transazioni per poter pagare le tasse.

Se poi non fosse così, per esempio uno che opera nel forex perchè dovrebbe farlo e uno che opera in cripto no?

Questo non bloccherà la mass adoption futura, perchè un conto è l'attività speculativa, un conto è (ma meglio sarà) utilizzare le criptovalute come valuta nel futuro, allo scopo di acquistare beni e servizi.

Ora le tasse, quando sono dovute si pagano quando converti in fiat (beh chiaramente, finchè rimani in bitcoin su cosa paghi le tasse? Guadagni ancora non ne hai realizzati), ma la signora Maria in futuro quando dovrà comprare il latte o qualunque altro bene quotidiano, non avrà bisogno di convertire i suoi bitcoin in fiat, perchè il latte lo compra direttamente in bitcoin  Wink

E se uso il bitcoin come moneta, come valuta, che tasse dovrei mai pagare? Perchè tu paghi un costo sulle transazione quando fai la spesa al supermercato in euro?

Quidi abbiamo le 2 sfaccettature del bitcoin:
- Asset finanziario -> trading -> converto in fiat e pagherò una tassazione sulla plusvalenza;
- Valuta in futuro per comprare direttamente beni e servizi;

Interessante considerare come potranno evolvere questi aspetti in futuro e come verranno implementati dagli organi legislativi. Ora siamo ancora agli albori.

E poi? Un trader o semplice investitore che ha ottenuto guadagni sulle cripto, intese come asset, se poi spende direttamente parte quelle cripto (senza riconvertire in fiat) su quello non pagherà tasse? Boh, forse sarà così...

Si tratta di un mondo nuovo, difficilmente inquadrabile solo con quanto siamo stati abituati finora, proprio perchè il bitcoin stesso ha più aspetti: non è solo una valuta e non è solo un asset finanziario. Oltre a portare un notevole sapore di libertà nel potersi considerare veramente padrone del proprio denaro  Wink

icio
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 380
Merit: 252


View Profile
Today at 09:33:56 AM
 #33

ottimo Roll Eyes

E sul penultimo tuo passaggio....Boh, forse sarà così...che mi riferivo sopra chiaramente Wink

Non si può avere una tassa bassa e fissa solo quando ritorno in fiat....parto con 10k, me ne trovo 100, con 89 acquisto un auto e rientro in fiat con 1...che verrebbe tassato..
ma compro un auto da 89...della serie ti piace vincere facile esentasse Grin

Lo scambio bit su bit...pagamento, busta paga o altro non viene tassato, ma tasso....bassa fissa e sempre sia da fiat a bit che da bit a fiat Wink
Pages: « 1 [2]  All
  Print  
 
Jump to:  

Sponsored by , a Bitcoin-accepting VPN.
Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines Valid XHTML 1.0! Valid CSS!