Bitcoin Forum
November 20, 2018, 01:32:29 AM *
News: Latest Bitcoin Core release: 0.17.0 [Torrent].
 
   Home   Help Search Login Register More  
Pages: « 1 [2]  All
  Print  
Author Topic: Exchange e Wallet che supportano SegWit  (Read 274 times)
international.off
Member
**
Offline Offline

Activity: 379
Merit: 15


View Profile
July 29, 2018, 02:53:01 PM
 #21

Aggiunto Conio

1542677549
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1542677549

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1542677549
Reply with quote  #2

1542677549
Report to moderator
Some PGP public keys you should import: theymos, Wladimir, Gregory, Pieter
Advertised sites are not endorsed by the Bitcoin Forum. They may be unsafe, untrustworthy, or illegal in your jurisdiction. Advertise here.
international.off
Member
**
Offline Offline

Activity: 379
Merit: 15


View Profile
August 13, 2018, 11:56:35 PM
 #22

Aggiunto OKCoin

international.off
Member
**
Offline Offline

Activity: 379
Merit: 15


View Profile
September 21, 2018, 09:38:00 PM
 #23

Aggiunto Bither (v1.8.3)

international.off
Member
**
Offline Offline

Activity: 379
Merit: 15


View Profile
September 21, 2018, 10:00:48 PM
 #24

Aggiunto BitWallet

international.off
Member
**
Offline Offline

Activity: 379
Merit: 15


View Profile
September 21, 2018, 10:14:04 PM
 #25

Aggiunti Flyp.me e OpenBazaar

arulbero
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1090
Merit: 1178


View Profile
September 22, 2018, 02:44:16 PM
 #26

Comunque sostanzialmente Conio nasce come app wallet (io l'ho inserito nella mia lista wallet infatti) e in più come scritto da vincenzo ha integrata la possibilità di acquistare direttamente con carta (+ vendere, indicando iban dove ricevere bonifico).

"ti devi fidare che gli exchange abbiano i bitcoin promessi" presumo intenda che su Conio, essendo appunto un wallet, tu e solo tu possiedi le chiavi private dell'indirizzo su cui ti vengono accreditati i bitcoin e dunque a tutti gli effetti "li possiedi".
Come sai, sugli exchange non è così, e dunque si, "ti devi fidare" fino al momento in cui non fai withdraw.

Conio è un wallet particolare, i fondi sono legati ad address multisig del tipo 2 su 3, ovvero servono due chiavi private su tre per poter spendere i bitcoin. Una sola chiave privata risiede criptata nello smartphone, le altre due invece non sono sotto il controllo diretto dell'utente.
Conio utilizza una seconda chiave privata per autorizzare le transazioni del cliente, ed una terza chiave privata la lascia custodita su un server offline nel caso la seconda chiave privata venisse rubata o nel caso l'utente perdesse la propria chiave privata.

Non mi è chiaro cosa succederebbe se domani Conio improvvisamente fallisse/sparisse, come farebbe l'utente a spendere in autonomia i propri bitcoin?

Di per sè possedere i propri bitcoin vuol dire poterli spendere senza l'autorizzazione di nessun altro, e questo non mi pare il caso, se io possiedo una chiave privata e ne servono due per poter sbloccare i miei btc, allora tecnicamente non li possiedo.

La mia è solo una precisazione tecnica, poi trovo Conio un ottimo wallet per iniziare, è facile da usare ed è facile e veloce acquistare i bitcoin, ma non è un wallet tipo Electrum o Armory.
international.off
Member
**
Offline Offline

Activity: 379
Merit: 15


View Profile
September 22, 2018, 04:39:15 PM
 #27

Comunque sostanzialmente Conio nasce come app wallet (io l'ho inserito nella mia lista wallet infatti) e in più come scritto da vincenzo ha integrata la possibilità di acquistare direttamente con carta (+ vendere, indicando iban dove ricevere bonifico).

"ti devi fidare che gli exchange abbiano i bitcoin promessi" presumo intenda che su Conio, essendo appunto un wallet, tu e solo tu possiedi le chiavi private dell'indirizzo su cui ti vengono accreditati i bitcoin e dunque a tutti gli effetti "li possiedi".
Come sai, sugli exchange non è così, e dunque si, "ti devi fidare" fino al momento in cui non fai withdraw.

Conio è un wallet particolare, i fondi sono legati ad address multisig del tipo 2 su 3, ovvero servono due chiavi private su tre per poter spendere i bitcoin. Una sola chiave privata risiede criptata nello smartphone, le altre due invece non sono sotto il controllo diretto dell'utente.
Conio utilizza una seconda chiave privata per autorizzare le transazioni del cliente, ed una terza chiave privata la lascia custodita su un server offline nel caso la seconda chiave privata venisse rubata o nel caso l'utente perdesse la propria chiave privata.

Non mi è chiaro cosa succederebbe se domani Conio improvvisamente fallisse/sparisse, come farebbe l'utente a spendere in autonomia i propri bitcoin?

Di per sè possedere i propri bitcoin vuol dire poterli spendere senza l'autorizzazione di nessun altro, e questo non mi pare il caso, se io possiedo una chiave privata e ne servono due per poter sbloccare i miei btc, allora tecnicamente non li possiedo.

La mia è solo una precisazione tecnica, poi trovo Conio un ottimo wallet per iniziare, è facile da usare ed è facile e veloce acquistare i bitcoin, ma non è un wallet tipo Electrum o Armory.

Proprio per questo si è sempre consigliato di detenere le proprie crypto su wallet di cui si ha il pieno e totale controllo.

arulbero
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1090
Merit: 1178


View Profile
September 22, 2018, 04:55:32 PM
 #28

Proprio per questo si è sempre consigliato di detenere le proprie crypto su wallet di cui si ha il pieno e totale controllo.

Il senso del mio intervento era: non è affatto banale rendersi conto se si è nel pieno e totale controllo o meno dei propri bitcoin.

Alcuni wallet ti danno l'impressione di essere nel pieno controllo, ma non lo sono, e ho fatto l'esempio di Conio.

Parlando più in generale, se hai un wallet su smartphone per esempio che non ti fa mai vedere le tue chiavi private, che pure sono sempre presenti sul tuo smartphone, tu comunque non sei del tutto in controllo della situazione: se infatti domani c'è un fork e esce bitcoin cash2, tu non puoi gestire  anche le nuove coin perchè quelle chiavi private non le puoi gestire in autonomia e quindi non le puoi importare in un altro software. Eppure le chiavi private sono tutte sul tuo dispositivo, ma di fatto esse sono accessibili solo mediante una specifica app per uno specifico task.
lukax8
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 728
Merit: 265



View Profile
September 22, 2018, 06:54:58 PM
 #29

Proprio per questo si è sempre consigliato di detenere le proprie crypto su wallet di cui si ha il pieno e totale controllo.

Il senso del mio intervento era: non è affatto banale rendersi conto se si è nel pieno e totale controllo o meno dei propri bitcoin.

Alcuni wallet ti danno l'impressione di essere nel pieno controllo, ma non lo sono, e ho fatto l'esempio di Conio.

Parlando più in generale, se hai un wallet su smartphone per esempio che non ti fa mai vedere le tue chiavi private, che pure sono sempre presenti sul tuo smartphone, tu comunque non sei del tutto in controllo della situazione: se infatti domani c'è un fork e esce bitcoin cash2, tu non puoi gestire  anche le nuove coin perchè quelle chiavi private non le puoi gestire in autonomia e quindi non le puoi importare in un altro software. Eppure le chiavi private sono tutte sul tuo dispositivo, ma di fatto esse sono accessibili solo mediante una specifica app per uno specifico task.

L'importante è che ,in fase di registrazioni a servizi tipo conio, venga spiegato bene all'utente il parziale possesso della chiave privata.
Io non ho mai usato conio, tu arulbero come ti sei accorto del problema, leggendo clausole contrattuali o vedendo dall'indirizzo ?

             D   a   t   a

  ,o███████b.
  Y██████████b.          _od█████o.
   ''"█████████o        d██████████b
       Y█████████.    d████████P"''
         Y████████b ,d███████P'
          `Y████████████████P
            `Y████████████P
              Y██████████'
                Y████████L
            d██. `Y███████b.
          _d████b_ Y████████b
         d████████p  Y████████.
       d████████P'    `████████b_
     ,█████████P        `████████o_
chain















.B L O C K C H A I N  based......
.D E C E N T R A L I Z E D  data
.Trade S E R V I C E...................
..TOKEN  S A L E.......
......is LIVE........
..What is      D  a   t   a   X   c   h   a   i   n ?         
.
...DataXchain...provides a tailored-matching service
..........................between Data Owner and Data User with
..........................our unique “Intelligent Matching Engine (IME)”
LEARN..
.MORE..........
....F O L L O W........
..US...............................
.
.....WHITEPAPER.......
.TELEGRAM........
.
.TWITTER.....
.
.FACEBOOK.....
international.off
Member
**
Offline Offline

Activity: 379
Merit: 15


View Profile
September 22, 2018, 07:15:32 PM
 #30

Provate a contattare direttamente l'utente che ha citato Conio in questa discussione, magari potrà esservi utile.

Speculatoross
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 322
Merit: 218


this is not a bounty avatar


View Profile
September 22, 2018, 07:16:48 PM
 #31

L'importante è che ,in fase di registrazioni a servizi tipo conio, venga spiegato bene all'utente il parziale possesso della chiave privata.
Io non ho mai usato conio, tu arulbero come ti sei accorto del problema, leggendo clausole contrattuali o vedendo dall'indirizzo ?

Per quel che riguarda Conio è spiegato con trasparenza qui:
https://support.conio.com/hc/it/articles/115001172709-Come-viene-gestita-la-sicurezza-del-mio-portafoglio-Bitcoin-

Ammetto però che leggendo quell’articolo (da ignorante in materia tecnica) quello che ti resta è un senso di sicurezza “superiore” rispetto a un portafoglio “normale”.
Effettivamente ci sarebbe da porsi il problema che evidenzia arulbero: ok, ma se Conio sparisce io come spendo i btc in autonomia?


Provate a contattare direttamente l'utente che ha citato Conio in questa discussione, magari potrà esservi utile.

vincenzo credo sia il ceo (o comunque parte del team) di Conio. Quando si connette sicuramente potrà dare qualche info in più, fermo restando che ovviamente nessuno si sta augurando che Conio sparisca  Wink

international.off
Member
**
Offline Offline

Activity: 379
Merit: 15


View Profile
September 22, 2018, 07:43:06 PM
 #32

vincenzo credo sia il ceo (o comunque parte del team) di Conio. Quando si connette sicuramente potrà dare qualche info in più, fermo restando che ovviamente nessuno si sta augurando che Conio sparisca  Wink

Anzi. Si spera sempre in più realtà italiane simili nel settore. Wink

arulbero
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1090
Merit: 1178


View Profile
September 22, 2018, 08:49:12 PM
 #33

Per quel che riguarda Conio è spiegato con trasparenza qui:
https://support.conio.com/hc/it/articles/115001172709-Come-viene-gestita-la-sicurezza-del-mio-portafoglio-Bitcoin-

Ammetto però che leggendo quell’articolo (da ignorante in materia tecnica) quello che ti resta è un senso di sicurezza “superiore” rispetto a un portafoglio “normale”.
Effettivamente ci sarebbe da porsi il problema che evidenzia arulbero: ok, ma se Conio sparisce io come spendo i btc in autonomia?

La questione della sicurezza è sempre relativa: più sicuro rispetto a quale tipo di rischio?

Un conto in banca è molto più sicuro di un wallet bitcoin dal punto di vista del rischio che corro di dimenticarmi una password: con la banca non perdo definitivamente l'accesso ai miei fondi (sono assicurato contro quel tipo di rischio), con bitcoin perdo tutto (non sono assicurato contro quel rischio).

Stessa cosa con le mail: quando si imposta la classica domanda-risposta come autenticazione alternativa in caso di smarrimento della password, mi assicuro contro un rischio (dimenticarmi la password) ma al contempo aumento enormemente il rischio che qualcun altro riesca ad accedere alla mia mail.

Questo portafoglio Conio ti assicura contro la tua sbadataggine, ma è meno sicuro da altri punti di vista.

In generale l'uso di un wallet bitcoin ti dovrebbe assicurare al massimo grado contro la possibilità di perdere i tuoi soldi a causa di qualcun altro, ma ti lascia del tutto indifeso contro i tuoi stessi errori. Questo mi pare sia il nuovo paradigma nel mondo delle criptovalute: passare dall'assicurazione massima contro i tuoi errori (la banca che custodisce per te i tuoi/suoi soldi) all'assicurazione massima contro gli errori/tentativi di furto altrui (un bitcoin non te lo possono rubare in teoria a meno che tu stesso non faccia errori se tu possiedi le chiave private).
Vinsneuve
Member
**
Offline Offline

Activity: 210
Merit: 17


View Profile
November 03, 2018, 01:06:09 PM
 #34

L'exchange STEX (app.stex.com) supporta SegWit.
Pages: « 1 [2]  All
  Print  
 
Jump to:  

Sponsored by , a Bitcoin-accepting VPN.
Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines Valid XHTML 1.0! Valid CSS!