Bitcoin Forum
September 20, 2019, 08:34:08 AM *
News: Latest Bitcoin Core release: 0.18.1 [Torrent]
 
   Home   Help Search Login Register More  
Pages: [1] 2 »  All
  Print  
Author Topic: Bitfinex ed il polverone di Tether  (Read 449 times)
yesyoupump
Member
**
Offline Offline

Activity: 308
Merit: 13


View Profile WWW
October 16, 2018, 08:51:14 PM
 #1

Come molti sanno, parte dell'attuale fase orso è dovuta al presunto scandalo sulla mancata copertura / corrispondenza dei Tether con i dollari reali.

L'indagine della SEC è ancora in atto e non si sanno ancora i risultati della stessa.
Ultimo atto della vicenda è la news riguardante la chiusura del conto bancario su cui regge il sistema Tether con il conseguente blocco dei prelievi da Bitfinex.

In entrambi i casi le smentite da parte degli interessati sono state tardive, tanto da farmi venire seri dubbi.
Si perché gli insider hanno dumpato il mondo prima di tutti e prima che le notizie fossero pubbliche, scatenando il panico, forse più di quanto si aspettavano. Il che li ha avvantaggiati perché in molti hanno perso tantissimo con le puntate a leva nel periodo di massima crescita.
Allo stesso tempo hanno ammesso di aver comprato basso i Tether nel momento peggiore, dopo l'ultima news, e riscattato gli stessi su Bitfinex non appena la situazione si è ristabilita.

Dietro tutti questi eventi, chi detiene le informazioni ed è padrone delle dichiarazioni, fa i soldini. È chiaro. E questo accade perché il mercato delle crypto non è regolamentato.

Ed è proprio questo che non piace alla SEC.

Ed è questo che mi fa incazzare, perché sti tizi rischiano di affossare un mondo tecnologicamente innovativo, per badare solo e soltanto ai propri interessi, speculando sulla pelle di altri.

Scusate se vi ho tediato.

▀▀▀▀▀▀     │      BRIDGEX NETWORK      │      LEND · BORROW · CONVERT · SEND     ▀▀▀▀▀▀
▄▄▄▄▄▄       Whitepaper     Telegram     Twitter     Medium     Facebook     LinkedIn       ▄▄▄▄▄▄
Advertised sites are not endorsed by the Bitcoin Forum. They may be unsafe, untrustworthy, or illegal in your jurisdiction. Advertise here.
1568968448
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1568968448

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1568968448
Reply with quote  #2

1568968448
Report to moderator
1568968448
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1568968448

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1568968448
Reply with quote  #2

1568968448
Report to moderator
1568968448
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1568968448

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1568968448
Reply with quote  #2

1568968448
Report to moderator
babo
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1904
Merit: 1219


View Profile WWW
October 17, 2018, 12:04:36 PM
 #2


L'indagine della SEC è ancora in atto e non si sanno ancora i risultati della stessa.
Ultimo atto della vicenda è la news riguardante la chiusura del conto bancario su cui regge il sistema Tether con il conseguente blocco dei prelievi da Bitfinex.


rifletti su questa frase, chiusura del conto
perche dovevano chiudergli il conto? c sono interessi altissimi e giochi di potere enormi
sono due titani che si scontrano
1 ha i soldi
l'altro ha il potere e "la stampa" dalla propria
R@nda
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 376
Merit: 113


View Profile
October 17, 2018, 03:29:54 PM
 #3

Sarò ingenuo e magari mi sfugge qualcosa.
Il giorno che Bitfinex e Bitmex chiudono e usdt decade sarò solo contento...epperò mi sa che quel giorno non arriva, o no?
bubblebubble
Member
**
Offline Offline

Activity: 588
Merit: 23


View Profile WWW
October 17, 2018, 07:49:14 PM
 #4


L'indagine della SEC è ancora in atto e non si sanno ancora i risultati della stessa.
Ultimo atto della vicenda è la news riguardante la chiusura del conto bancario su cui regge il sistema Tether con il conseguente blocco dei prelievi da Bitfinex.


rifletti su questa frase, chiusura del conto
perche dovevano chiudergli il conto? c sono interessi altissimi e giochi di potere enormi
sono due titani che si scontrano
1 ha i soldi
l'altro ha il potere e "la stampa" dalla propria

Ok, nella "Italian view" il sistema di reciproco interesse pyo durare 1000 anni... ma Quando ficca il naso la SEC come.gestiscono questa "manipolazione" telecomandata del mercato?
babo
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1904
Merit: 1219


View Profile WWW
October 18, 2018, 06:47:37 AM
 #5

io onestamente non capisco in entrambi i sensi
- non capisco il motivo di inventare tether
- non capisco il motivo di scannarsi a vicenda per una supremazia che non potra MAI essere raggiunta
- non capisco il motivo per cui la gente compri sti cazzo di tether

era necessario accendere una bomba con un timer sotto al nostro deretano?
bubblebubble
Member
**
Offline Offline

Activity: 588
Merit: 23


View Profile WWW
October 18, 2018, 06:55:42 AM
Merited by babo (1), draculaaa (1)
 #6

io onestamente non capisco in entrambi i sensi
- non capisco il motivo di inventare tether
- non capisco il motivo di scannarsi a vicenda per una supremazia che non potra MAI essere raggiunta
- non capisco il motivo per cui la gente compri sti cazzo di tether

era necessario accendere una bomba con un timer sotto al nostro deretano?

Io mi sono dato le seguenti risposte:

- Tether serve per fare trading ed uscire momentaneamente dal mercato quando c'è estrema volatilità
- La supremazia sembra non interessare a nessuno
- La bomba è stata funzionale per fare cassa perché sono saltate un sacco di posizioni a leva a medio e lungo termine, che hanno svuotato i wallet di un sacco di utenti. L'operazione ha portato nuova liquidità nel conto bancario, migliorando il rating della banca stessa... ecco perché non capisco come possa aver dichiarato la chiusura...

Mancano le regole come scritto un questo post...
IlVeroNico
Member
**
Offline Offline

Activity: 346
Merit: 46


View Profile
October 18, 2018, 08:44:42 AM
 #7

Immagino (mai usato) che molte persone utilizzino Tether invece di FIAT per tentare di evitare "rotture di scatole" dal fisco.

Credo sia molto più facile tracciare €/£ che Tether
jack0m
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1932
Merit: 1089


View Profile
October 18, 2018, 09:39:39 AM
Merited by Micio (1)
 #8

Immagino (mai usato) che molte persone utilizzino Tether invece di FIAT per tentare di evitare "rotture di scatole" dal fisco.

Credo sia molto più facile tracciare €/£ che Tether

Concordo. Ultimamente si parla molto di stablecoin agganciate a un sottostante, che può essere teoricamente qualsiasi asset dall'oro a una valuta (o un paniere) fiat. Ammesso che possa esistere una coin di questo tipo realmente affidabile e stabile non solo di nome, ma di fatto, la prima cosa da chiedersi è perché si dovrebbe detenere al posto di USD piuttosto che EUR "veri". Una risposta potrebbe essere perché non li si vuole lasciare depositati su un conto in banca, soprattutto se la banca è italiana, dove sarebbero esposti al rischio di fallimento oltre che in bella vista e a disposizione del governo per prelievi forzosi, patrimoniali o altre porcate a tradimento, in caso di eventi catastrofici come default o uscita dall'euro e conversione dei depositi in lire-cartastraccia.

Le alternative sarebbero o tenere tutto in contanti sotto il materasso (che comporta comunque rischi per la sicurezza non trascurabili), o portare tutto all'estero (ma con gli accordi di interscambio sarebbe tutto comunque sotto gli occhi del fisco, a meno di non arrischiarsi a spostarli in qualche paese in blacklist), o convertire in bitcoin e altre cripto, con tutti i rischi associati alla volatilità, ecc.
Ovvio che il rischio 0 non esiste: anche una stablecoin si avvale di qualche intermediario su cui viene depositato il sottostante, quindi direi che va tutto valutato in ottica di diversificazione e gestione del rischio.

Money is a hoax. Debt is slavery. Consumerism is toxic.
duesoldi
Hero Member
*****
Offline Offline

Activity: 882
Merit: 567


View Profile
October 18, 2018, 11:15:28 AM
 #9

Io mi sono dato le seguenti risposte:

- Tether serve per fare trading ed uscire momentaneamente dal mercato quando c'è estrema volatilità
- La supremazia sembra non interessare a nessuno
- La bomba è stata funzionale per fare cassa perché sono saltate un sacco di posizioni a leva a medio e lungo termine, che hanno svuotato i wallet di un sacco di utenti. L'operazione ha portato nuova liquidità nel conto bancario, migliorando il rating della banca stessa... ecco perché non capisco come possa aver dichiarato la chiusura...

Mancano le regole come scritto un questo post...

Tutto giusto e aggiungo un quarto motivo:  prima che Bitfinex finisse nell'occhio del ciclone (diciamo prima di Dicembre 2017) c'è stato un lungo periodo nel quale Tether/Bitfinex hanno potuto stampare senza troppi vincoli (leggi: controlli)  e con questo manipolare il mercato a manetta.
Anche solo questo fatto penso abbia portato grandi guadagni a Bitfinex.

Aggiungo un quinto "vantaggio"  (uso il virgolettato perché anche per me Tether sarebbe da debellare): ovvero la velocità con la quale puoi spostarli tra Exchange mentre con fiat non sarebbe così veloce la cosa. A volte questo aspetto potrebbe essere significativo, ad es per chi voglia fare certi tipi di arbitraggio.

draculaaa
Member
**
Offline Offline

Activity: 234
Merit: 13


View Profile
October 18, 2018, 11:37:55 AM
 #10

Sai che non avevo mai pensato a spostare cifre con Tether?
Ottima soluzione. In genere usavo di Dogecoin che hanno tempi di trasferimento molto alti.

La libertà di stampa di Tether mi ha sempre spaventato...
Speculatoross
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 364
Merit: 228


this is not a bounty avatar


View Profile
October 18, 2018, 02:13:07 PM
 #11

Ovvio che il rischio 0 non esiste: anche una stablecoin si avvale di qualche intermediario su cui viene depositato il sottostante, quindi direi che va tutto valutato in ottica di diversificazione e gestione del rischio.

Su Tether penso solo male e sono d'accordo con quanto scritto fin qui, ma per quel che riguarda gli "intermediari" il discorso è diverso se parliamo di stablecoin decentralizzate.
A me ha stupito molto positivamente il sistema DAI (MakerDao) e ultimamente sto approfondendo la questione: https://bitcointalk.org/index.php?topic=5043840.0


Aggiungo che come scritto nei commenti di quel post non avevo invece mai pensato a Tether come un modo di "nascondere i soldi al fisco" e anzi sembra che effettivamente nessuno lo utilizzi così: dati i volumi di scambio giornalieri (praticamente 100% o + del circolante) viene utilizzato come già scritto qui sopra principalmente per
- trading + uscire temporaneamente dal mercato crypto, ma senza tornare fiat (costoso)
- spostare velocemente i capitali da un exchange all'altro

Invece credo che, dato il sistema descritto nel post che ho linkato qui sopra,
- non capisco il motivo di inventare tether
DAI ha più senso di esistere, funziona e sta funzionando, visto che nasce per (potrebbe / potrà) essere spesa come moneta

jack0m
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1932
Merit: 1089


View Profile
October 18, 2018, 02:35:26 PM
 #12

Ovvio che il rischio 0 non esiste: anche una stablecoin si avvale di qualche intermediario su cui viene depositato il sottostante, quindi direi che va tutto valutato in ottica di diversificazione e gestione del rischio.

Su Tether penso solo male e sono d'accordo con quanto scritto fin qui, ma per quel che riguarda gli "intermediari" il discorso è diverso se parliamo di stablecoin decentralizzate.
A me ha stupito molto positivamente il sistema DAI (MakerDao) e ultimamente sto approfondendo la questione: https://bitcointalk.org/index.php?topic=5043840.0


Aggiungo che come scritto nei commenti di quel post non avevo invece mai pensato a Tether come un modo di "nascondere i soldi al fisco" e anzi sembra che effettivamente nessuno lo utilizzi così: dati i volumi di scambio giornalieri (praticamente 100% o + del circolante) viene utilizzato come già scritto qui sopra principalmente per
- trading + uscire temporaneamente dal mercato crypto, ma senza tornare fiat (costoso)
- spostare velocemente i capitali da un exchange all'altro

Invece credo che, dato il sistema descritto nel post che ho linkato qui sopra,
- non capisco il motivo di inventare tether
DAI ha più senso di esistere, funziona e sta funzionando, visto che nasce per (potrebbe / potrà) essere spesa come moneta

Sono molto scettico su una stablecoin che ha come collaterale qualche altra cripto, che è volatile e quindi instabile per natura, come è appunto il caso di DAI.
Le perplessità sono quelle espresse anche qui: https://prestonbyrne.com/2017/12/10/stablecoins-are-doomed-to-fail/

Quote
Speaking generally, the system requires someone who wishes to obtain $100 worth of Dai to post, say, $150 Ethers’ worth of collateral. This, of course, is insane, because it would be easier for the user to simply go to Coinbase and sell his Ether for actual dollars, and he’d have $50 worth of Eth left over to go spend on other things.

The system also assumes that overcollateralising will protect the value of the Dai. Not so; it simply increases a Dai holder’s exposure to the price of the underlying Ether. If Ether gets wiped out, the Dai collateral will be worthless, so the user will have lost $150 in an effort to create $100.

Money is a hoax. Debt is slavery. Consumerism is toxic.
Speculatoross
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 364
Merit: 228


this is not a bounty avatar


View Profile
October 18, 2018, 02:57:57 PM
 #13

Grazie per il link @jack0m, vado ad leggere

Ad ogni modo, vedo che l'articolo è di Dicembre 2017 e se fino ad oggi invece Dai ha funzionato e non si è verificato quanto scritto li (a fronte di eth che perde il 70%+ del valore), un qualche motivo ci sarà...

Il quote che metti semplifica molto sia come funziona il sistema sia Dai sia come potrebbe essere "aggirato" e crollare, cosa che appunto non è vera ed è dimostrabile imho semplicemente dal fatto che non è ancora stato aggirato in quel modo.... o meglio, non è così scontato, e il sistema ad incentivi basato sulla teoria dei giochi, (per ora) regge (bene).

Continuo ad approfondire

jack0m
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1932
Merit: 1089


View Profile
October 18, 2018, 04:25:34 PM
Merited by Micio (1)
 #14

Grazie per il link @jack0m, vado ad leggere

Ad ogni modo, vedo che l'articolo è di Dicembre 2017 e se fino ad oggi invece Dai ha funzionato e non si è verificato quanto scritto li (a fronte di eth che perde il 70%+ del valore), un qualche motivo ci sarà...

Il quote che metti semplifica molto sia come funziona il sistema sia Dai sia come potrebbe essere "aggirato" e crollare, cosa che appunto non è vera ed è dimostrabile imho semplicemente dal fatto che non è ancora stato aggirato in quel modo.... o meglio, non è così scontato, e il sistema ad incentivi basato sulla teoria dei giochi, (per ora) regge (bene).

Continuo ad approfondire

ammetto che non ho avuto tempo di leggere il wp, ma c'è qualcosa che proprio non mi torna a livello concettuale. Il valore di un qualsiasi asset, se in un contesto di libero mercato, è soggetto alle normali leggi della domanda e dell'offerta. Una stablecoin ha la pretesa di "imporre" al mercato un valore prestabilito, ma per fare questo servono ingenti risorse messe come collaterale.
Nel caso di Tether o Gemini USD lo fanno direttamente con i dollari, e se ne hanno abbastanza da accantonare si può mantenere la parità 1:1. Ma se come collaterale usano ETH o altre cripto, come si può pensare di legare la quotazione a quella del dollaro in maniera algoritmica? Ci dev'essere per forza un limite alla quotazione di ETH sotto il quale diventa proibitivo mantenere fisso quel rapporto.

Money is a hoax. Debt is slavery. Consumerism is toxic.
yesyoupump
Member
**
Offline Offline

Activity: 308
Merit: 13


View Profile WWW
October 23, 2018, 07:37:54 PM
 #15

Grazie per il link @jack0m, vado ad leggere

Ad ogni modo, vedo che l'articolo è di Dicembre 2017 e se fino ad oggi invece Dai ha funzionato e non si è verificato quanto scritto li (a fronte di eth che perde il 70%+ del valore), un qualche motivo ci sarà...

Il quote che metti semplifica molto sia come funziona il sistema sia Dai sia come potrebbe essere "aggirato" e crollare, cosa che appunto non è vera ed è dimostrabile imho semplicemente dal fatto che non è ancora stato aggirato in quel modo.... o meglio, non è così scontato, e il sistema ad incentivi basato sulla teoria dei giochi, (per ora) regge (bene).

Continuo ad approfondire

ammetto che non ho avuto tempo di leggere il wp, ma c'è qualcosa che proprio non mi torna a livello concettuale. Il valore di un qualsiasi asset, se in un contesto di libero mercato, è soggetto alle normali leggi della domanda e dell'offerta. Una stablecoin ha la pretesa di "imporre" al mercato un valore prestabilito, ma per fare questo servono ingenti risorse messe come collaterale.
Nel caso di Tether o Gemini USD lo fanno direttamente con i dollari, e se ne hanno abbastanza da accantonare si può mantenere la parità 1:1. Ma se come collaterale usano ETH o altre cripto, come si può pensare di legare la quotazione a quella del dollaro in maniera algoritmica? Ci dev'essere per forza un limite alla quotazione di ETH sotto il quale diventa proibitivo mantenere fisso quel rapporto.

In effetti il collaterale non può che essere fiat o un bene come l'oro, sempre che ci siano agenzie di certificazione che assicuri i traders.
Legarlo ad eth può portarla ad un punto di rottura.

▀▀▀▀▀▀     │      BRIDGEX NETWORK      │      LEND · BORROW · CONVERT · SEND     ▀▀▀▀▀▀
▄▄▄▄▄▄       Whitepaper     Telegram     Twitter     Medium     Facebook     LinkedIn       ▄▄▄▄▄▄
Speculatoross
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 364
Merit: 228


this is not a bounty avatar


View Profile
October 24, 2018, 07:18:13 PM
Merited by Micio (1), Piggy (1)
 #16

Appena trovato questo in sezione internazionale, riporto:
https://tether.to/upcoming-usdt-redemption-october-24th-2018/

In pratica con due righe così, scrivono che dopo quello che è successo nelle ultime settimane hanno deciso di togliere dalla circolazione 500m di usdt (che al momento è 1/4 del circolante!)

Qui si vedono 500.000.000 “Revoke Property Tokens”
https://www.omniexplorer.info/address/3MbYQMMmSkC3AgWkj9FMo5LsPTW1zBTwXL
transazione 76cc7c991e61749d7f4bf6cc7fec63c2d0286c891e386d9c96b66aa939683859


Pareri?

Volevo riportarlo senza commentare ed in effetti non saprei nemmeno cosa dire.... non so, ho capito bene?
Mi sembra che a Bitfinex faccian proprio quello che gli pare, e con una certa leggerezza anche

Cioè.... mezzomiliardodidollari!
C’è, lo emettiamo, abbiamo le riserve, no dai, non c’è più
Boh

Paolo.Demidov
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 616
Merit: 276


View Profile
October 25, 2018, 12:40:44 AM
 #17

Immagino (mai usato) che molte persone utilizzino Tether invece di FIAT per tentare di evitare "rotture di scatole" dal fisco.

Credo sia molto più facile tracciare €/£ che Tether

Concordo. Ultimamente si parla molto di stablecoin agganciate a un sottostante, che può essere teoricamente qualsiasi asset dall'oro a una valuta (o un paniere) fiat. Ammesso che possa esistere una coin di questo tipo realmente affidabile e stabile non solo di nome, ma di fatto, la prima cosa da chiedersi è perché si dovrebbe detenere al posto di USD piuttosto che EUR "veri". Una risposta potrebbe essere perché non li si vuole lasciare depositati su un conto in banca, soprattutto se la banca è italiana, dove sarebbero esposti al rischio di fallimento oltre che in bella vista e a disposizione del governo per prelievi forzosi, patrimoniali o altre porcate a tradimento, in caso di eventi catastrofici come default o uscita dall'euro e conversione dei depositi in lire-cartastraccia.

Le alternative sarebbero o tenere tutto in contanti sotto il materasso (che comporta comunque rischi per la sicurezza non trascurabili), o portare tutto all'estero (ma con gli accordi di interscambio sarebbe tutto comunque sotto gli occhi del fisco, a meno di non arrischiarsi a spostarli in qualche paese in blacklist), o convertire in bitcoin e altre cripto, con tutti i rischi associati alla volatilità, ecc.
Ovvio che il rischio 0 non esiste: anche una stablecoin si avvale di qualche intermediario su cui viene depositato il sottostante, quindi direi che va tutto valutato in ottica di diversificazione e gestione del rischio.

Da tecnico ti posso dire che chi ha utili regolari, da attività regolari, ha una serie di strumenti giuridici ed assicurativi per gestire nonché incrementare la liquidità.

Ripararsi dentro alcune cellule dal rischio default, dal rischio inflazione, dal rischio del crollo dei mercati azionari.

Avevo letto da qualche parte, non ricordo dove al momento; che il problema di Bitfinex era dato dal fatto che la banca depositaria un istituto di terz'ordine... era andato verso un mezzo default... quindi avevano dovuto trovare una banca alternativa, ma non ho verificato se sia effettivamente così.


...è difficile competere in quei sistemi dove ci sono più ladri che cose da rubare
jack0m
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1932
Merit: 1089


View Profile
October 25, 2018, 10:24:37 AM
 #18

Immagino (mai usato) che molte persone utilizzino Tether invece di FIAT per tentare di evitare "rotture di scatole" dal fisco.

Credo sia molto più facile tracciare €/£ che Tether

Concordo. Ultimamente si parla molto di stablecoin agganciate a un sottostante, che può essere teoricamente qualsiasi asset dall'oro a una valuta (o un paniere) fiat. Ammesso che possa esistere una coin di questo tipo realmente affidabile e stabile non solo di nome, ma di fatto, la prima cosa da chiedersi è perché si dovrebbe detenere al posto di USD piuttosto che EUR "veri". Una risposta potrebbe essere perché non li si vuole lasciare depositati su un conto in banca, soprattutto se la banca è italiana, dove sarebbero esposti al rischio di fallimento oltre che in bella vista e a disposizione del governo per prelievi forzosi, patrimoniali o altre porcate a tradimento, in caso di eventi catastrofici come default o uscita dall'euro e conversione dei depositi in lire-cartastraccia.

Le alternative sarebbero o tenere tutto in contanti sotto il materasso (che comporta comunque rischi per la sicurezza non trascurabili), o portare tutto all'estero (ma con gli accordi di interscambio sarebbe tutto comunque sotto gli occhi del fisco, a meno di non arrischiarsi a spostarli in qualche paese in blacklist), o convertire in bitcoin e altre cripto, con tutti i rischi associati alla volatilità, ecc.
Ovvio che il rischio 0 non esiste: anche una stablecoin si avvale di qualche intermediario su cui viene depositato il sottostante, quindi direi che va tutto valutato in ottica di diversificazione e gestione del rischio.

Da tecnico ti posso dire che chi ha utili regolari, da attività regolari, ha una serie di strumenti giuridici ed assicurativi per gestire nonché incrementare la liquidità.

Ripararsi dentro alcune cellule dal rischio default, dal rischio inflazione, dal rischio del crollo dei mercati azionari.


e questi strumenti/cellule sono disponibili a costi ragionevoli anche per risparmiatori comuni mortali? Nel caso, sarebbe utile conoscerli Wink

Money is a hoax. Debt is slavery. Consumerism is toxic.
Paolo.Demidov
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 616
Merit: 276


View Profile
October 25, 2018, 11:02:34 AM
Merited by Micio (2)
 #19

Immagino (mai usato) che molte persone utilizzino Tether invece di FIAT per tentare di evitare "rotture di scatole" dal fisco.

Credo sia molto più facile tracciare €/£ che Tether

Concordo. Ultimamente si parla molto di stablecoin agganciate a un sottostante, che può essere teoricamente qualsiasi asset dall'oro a una valuta (o un paniere) fiat. Ammesso che possa esistere una coin di questo tipo realmente affidabile e stabile non solo di nome, ma di fatto, la prima cosa da chiedersi è perché si dovrebbe detenere al posto di USD piuttosto che EUR "veri". Una risposta potrebbe essere perché non li si vuole lasciare depositati su un conto in banca, soprattutto se la banca è italiana, dove sarebbero esposti al rischio di fallimento oltre che in bella vista e a disposizione del governo per prelievi forzosi, patrimoniali o altre porcate a tradimento, in caso di eventi catastrofici come default o uscita dall'euro e conversione dei depositi in lire-cartastraccia.

Le alternative sarebbero o tenere tutto in contanti sotto il materasso (che comporta comunque rischi per la sicurezza non trascurabili), o portare tutto all'estero (ma con gli accordi di interscambio sarebbe tutto comunque sotto gli occhi del fisco, a meno di non arrischiarsi a spostarli in qualche paese in blacklist), o convertire in bitcoin e altre cripto, con tutti i rischi associati alla volatilità, ecc.
Ovvio che il rischio 0 non esiste: anche una stablecoin si avvale di qualche intermediario su cui viene depositato il sottostante, quindi direi che va tutto valutato in ottica di diversificazione e gestione del rischio.

Da tecnico ti posso dire che chi ha utili regolari, da attività regolari, ha una serie di strumenti giuridici ed assicurativi per gestire nonché incrementare la liquidità.

Ripararsi dentro alcune cellule dal rischio default, dal rischio inflazione, dal rischio del crollo dei mercati azionari.


e questi strumenti/cellule sono disponibili a costi ragionevoli anche per risparmiatori comuni mortali? Nel caso, sarebbe utile conoscerli Wink

Sono disponibili anche per i comuni mortali, purtroppo moooolto spesso a costi irragionevoli Grin
quanto meno costi alti per la clientela retail, ragionevoli per la clientela private, di favore...
per HNWI ( https://it.m.wikipedia.org/wiki/High_net_worth_individual ) perché magari rientrano in un discorso di un pacchetto più ampio di gestione del risparmio.
Quasi tutti i prodotti finanziari hanno classi d'investimento differenziate, se guardi anche nei fondi comuni,
e vedi non so... FONDO BITBIT A, FONDO BITBIT C, FONDO BITBIT X,
la classe A magari sono gli istituzionali, sparo valori così: investimento minimo € 500.000, commissione d'entrata 0%, di gestione 0,5%, di uscita 0%, stesso fondo, stesse cose, stesso rendimento... classe C per retail: investimento minimo € 5.000, entrata 5%, gestione 1,5%, uscita 3%.


Altro difetto è che l'orizzonte temporale è e dovrebbe essere molto lungo, sono cose che principalmente sono pensate per... il patrimonio-familiare, più che per il singolo individuo, noi viviamo un po' nella società del tutto e subito... avevo 100 domani ho 1.000, così poi mi compro...

Se dovessi fare un grossolano schematico di un pensiero per un discorso patrimonio-famiglia, sarebbe:
abbiamo 100 milioni, dopo 25 anni ne abbiamo 125, con 25 milioni ricaviamo una rendita metà per reinvestire metà per vivere largheggiando... i 100 milioni originari li reimpieghiamo ancora...

altro ostacolo, direi ostacolo naturale, sono le somme da impiegare, € 100 a rendimento certo del 3% annuo,
dopo un anno solo € 103 euro... tre caffè... :|
100 milioni... ...

Tornando al discorso orizzonte temporale in Italia è consentito "programmare" e pianficare avanti a se fino a novanta anni.
L'ho scritto varie volte, è il motivo per cui quando sento parlare di riserva di valore, beni rifugio, gli istituzionali, le balene... tutto vero, ma alcuni... pochi, ma non pochissimi...
con masse estremamente consistenti, sono indirizzati altrove.
In queste pianificazioni come non c'è oro ( o poco ) non ci sono bitcoin, che non avendo legislazione non sarebbe nemmeno possibile acquistare anche volendo.

Su questo lato si dovranno ancora veder maturare gli eventi.



...è difficile competere in quei sistemi dove ci sono più ladri che cose da rubare
jack0m
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1932
Merit: 1089


View Profile
October 25, 2018, 11:31:37 AM
 #20

Immagino (mai usato) che molte persone utilizzino Tether invece di FIAT per tentare di evitare "rotture di scatole" dal fisco.

Credo sia molto più facile tracciare €/£ che Tether

Concordo. Ultimamente si parla molto di stablecoin agganciate a un sottostante, che può essere teoricamente qualsiasi asset dall'oro a una valuta (o un paniere) fiat. Ammesso che possa esistere una coin di questo tipo realmente affidabile e stabile non solo di nome, ma di fatto, la prima cosa da chiedersi è perché si dovrebbe detenere al posto di USD piuttosto che EUR "veri". Una risposta potrebbe essere perché non li si vuole lasciare depositati su un conto in banca, soprattutto se la banca è italiana, dove sarebbero esposti al rischio di fallimento oltre che in bella vista e a disposizione del governo per prelievi forzosi, patrimoniali o altre porcate a tradimento, in caso di eventi catastrofici come default o uscita dall'euro e conversione dei depositi in lire-cartastraccia.

Le alternative sarebbero o tenere tutto in contanti sotto il materasso (che comporta comunque rischi per la sicurezza non trascurabili), o portare tutto all'estero (ma con gli accordi di interscambio sarebbe tutto comunque sotto gli occhi del fisco, a meno di non arrischiarsi a spostarli in qualche paese in blacklist), o convertire in bitcoin e altre cripto, con tutti i rischi associati alla volatilità, ecc.
Ovvio che il rischio 0 non esiste: anche una stablecoin si avvale di qualche intermediario su cui viene depositato il sottostante, quindi direi che va tutto valutato in ottica di diversificazione e gestione del rischio.

Da tecnico ti posso dire che chi ha utili regolari, da attività regolari, ha una serie di strumenti giuridici ed assicurativi per gestire nonché incrementare la liquidità.

Ripararsi dentro alcune cellule dal rischio default, dal rischio inflazione, dal rischio del crollo dei mercati azionari.


e questi strumenti/cellule sono disponibili a costi ragionevoli anche per risparmiatori comuni mortali? Nel caso, sarebbe utile conoscerli Wink

Sono disponibili anche per i comuni mortali, purtroppo moooolto spesso a costi irragionevoli Grin
quanto meno costi alti per la clientela retail, ragionevoli per la clientela private, di favore...
per HNWI ( https://it.m.wikipedia.org/wiki/High_net_worth_individual ) perché magari rientrano in un discorso di un pacchetto più ampio di gestione del risparmio.
Quasi tutti i prodotti finanziari hanno classi d'investimento differenziate, se guardi anche nei fondi comuni,
e vedi non so... FONDO BITBIT A, FONDO BITBIT C, FONDO BITBIT X,
la classe A magari sono gli istituzionali, sparo valori così: investimento minimo € 500.000, commissione d'entrata 0%, di gestione 0,5%, di uscita 0%, stesso fondo, stesse cose, stesso rendimento... classe C per retail: investimento minimo € 5.000, entrata 5%, gestione 1,5%, uscita 3%.


Altro difetto è che l'orizzonte temporale è e dovrebbe essere molto lungo, sono cose che principalmente sono pensate per... il patrimonio-familiare, più che per il singolo individuo, noi viviamo un po' nella società del tutto e subito... avevo 100 domani ho 1.000, così poi mi compro...

Se dovessi fare un grossolano schematico di un pensiero per un discorso patrimonio-famiglia, sarebbe:
abbiamo 100 milioni, dopo 25 anni ne abbiamo 125, con 25 milioni ricaviamo una rendita metà per reinvestire metà per vivere largheggiando... i 100 milioni originari li reimpieghiamo ancora...

altro ostacolo, direi ostacolo naturale, sono le somme da impiegare, € 100 a rendimento certo del 3% annuo,
dopo un anno solo € 103 euro... tre caffè... :|
100 milioni... ...

Tornando al discorso orizzonte temporale in Italia è consentito "programmare" e pianficare avanti a se fino a novanta anni.
L'ho scritto varie volte, è il motivo per cui quando sento parlare di riserva di valore, beni rifugio, gli istituzionali, le balene... tutto vero, ma alcuni... pochi, ma non pochissimi...
con masse estremamente consistenti, sono indirizzati altrove.
In queste pianificazioni come non c'è oro ( o poco ) non ci sono bitcoin, che non avendo legislazione non sarebbe nemmeno possibile acquistare anche volendo.

Su questo lato si dovranno ancora veder maturare gli eventi.


eh alla fine è sempre quello il problema, arriva qualcuno che: io sono io, e voi non siete...

Money is a hoax. Debt is slavery. Consumerism is toxic.
Pages: [1] 2 »  All
  Print  
 
Jump to:  

Sponsored by , a Bitcoin-accepting VPN.
Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines Valid XHTML 1.0! Valid CSS!