Bitcoin Forum
May 15, 2021, 07:57:26 PM *
News: Latest Bitcoin Core release: 0.21.1 [Torrent]
 
   Home   Help Search Login Register More  
Pages: « 1 ... 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 [488] 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 ... 892 »
  Print  
Author Topic: BITCOIN PUMP!  (Read 782095 times)
fillippone
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1064
Merit: 5455


Merit Rascal wannabe Merit Cycler


View Profile
September 13, 2018, 05:46:50 AM
 #9741

Probabilmente questo sembra il fondo


C’è lo auguriamo tutti, anche se il supporto verde mi pare tracciato con un po’ di “allegria”.
Io nel breve non sono per nulla bullish, nonostante le buone notizie dal punto di vista tecnico (inteso come tecnologia) e “fondamentale” (“Bakkt, ETf, Vinkledollars, etc.)
F1

1621108646
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1621108646

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1621108646
Reply with quote  #2

1621108646
Report to moderator
Advertised sites are not endorsed by the Bitcoin Forum. They may be unsafe, untrustworthy, or illegal in your jurisdiction. Advertise here.
1621108646
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1621108646

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1621108646
Reply with quote  #2

1621108646
Report to moderator
Paolo.Demidov
Hero Member
*****
Offline Offline

Activity: 1218
Merit: 947


View Profile
September 13, 2018, 03:03:05 PM
 #9742

Non sono molto sicuro di aver compreso il tuo dubbio.

Nessuno è sicuro di quanto durerà il dominio di bitcoin (anche se rivendico l’affermazione, fatta non so più in quale thread, sul valore futuro di bitcoin e delle altre crypto tra 10 anni*) , e sicuramente è possibile che ad un certo punto venga sorpassato.

Questo non vuol dire che andrà a perdere integralmente il proprio valore.

Se è vero che bitcoin è oro digitale, allora succederà la medesima cosa che è successa per l’oro: per migliaia di anni l’oro è stata l’unica moneta,  quando poi sono state create monete “migliori” (es: la prima generazione di moneta rappresentativa convertibile direttamente o indirettamente in oro, es dollaro fino al 1970) , ed è stato da queste monete soppiantato nella funzione di pagamento e di store vf value, ma questo non ne ha comportato il collasso a zero del valore.
Probabilmente succederà lo stesso con bitcoin. Al momento bitcoin è l’unica crittovaluta che dispone di una qualche funzione e validità, non è detto che questa continuerà ad essere una condizione immutabile in futuro, ma non è neanche detto che una futura crittovaluta 2.0, (magari pegged al bitcoin stesso, dove il bitcoin costituirà l’asseti di riserva della futura “banca centrale” di questa nuova valuta) comporti l’azzeramento del valore del bitcoin medesimo.
Detto questo dubito fortemente che questa futura crittovaluta arriverà da una azienda esistente oggi, tanto meno da un FAANG. Non so, vedremo.
E di certo nel lungo termine BCH non costituisce minaccia alcuna al valore di BTC, ma solo un temporaneo attacco al valore (per ora perdente sotto ogni metrica umanamente considerabile).
F1   

*Non so se tra dieci anni bitcoin varrà zero o un milione di dollari, ma so per certo che tutte le crittovalute esistenti OGGI varranno zero.
 


Il dubbio è uno, si dice molto spesso che Bitcoin ha un valore che è quasi oro digitale, un bene rifugio... perché è una risorsa limitata, ma almeno in teoria, fare altra criptovaluta in vario modo è relativamente semplice.

E' una motivazione che sento da tanti, il discorso "Bitcoin è una risorsa limitata".
In proiezione futura, senza sviluppare nulla, è una motivazione estremamente debole.

Come si dice dalle mie parti... non mi ci scalderei molto con questa fascina di legna...

Cercherei più una unicità di Bitcoin che non sia affidata alla sola fiducia, consenso, consuetudine, storia, ecc...
ma la cercherei magari in una svolta tecnologica-normativa che riconosca a Bitcoin un ruolo "ufficiale", un ruolo come dire... istituzionale, qualcosa di concreto.

Gruppi di prep€$$ione...  Cool

https://it.cointelegraph.com/news/crypto-industry-leaders-establish-washington-based-lobby-group

...tradotto: ti do i soldi per andare a sedere in poltrona, fammi la legge, con le mie norme...  Grin

In Europa sono ancora tutti a fare merenda, poi il pisolino, poi la partitella a carte... un po' più comodi  Grin

Ciao, Lawrence ! - Noi non abbiamo alcuna fiducia nella tua capacità di individuare i trend macroeconomici. Eh... e sei venuto fin qui per dirmi questo... ? Perché ? Chiunque può vedere che c'è una bolla immobiliare. - A dire il vero nessuno vede una bolla, è questo che la rende una bolla. ( cit. )
Plutosky
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1246
Merit: 1820


View Profile
September 13, 2018, 04:18:16 PM
Merited by fillippone (4)
 #9743



Il dubbio è uno, si dice molto spesso che Bitcoin ha un valore che è quasi oro digitale, un bene rifugio... perché è una risorsa limitata, ma almeno in teoria, fare altra criptovaluta in vario modo è relativamente semplice.



Un pò come dire che l'oro non è limitato perchè esistono il tungsteno, lo stronzio e il bromio. E chissà quanti altri minerali.
Decentralizzazione , censorship resistance, immutabilità, sicurezza, assenza di controllo e innovazione (quest'ultima a condizione che non pregiudichi le caratteristiche precedenti) .
Queste sono le principali qualità che danno valore ad una criptovaluta e distinguono l'oro dallo stronzio.
Ora domandatevi quale cripto fra tutte è avanti anni luce alla concorrenza in queste qualità.


Minerali ce ne sono diversi ( bromio non esiste, immagino sia un errore per dire bromo Smiley ) elementi naturali meno di 92, metalli pochi, come l'oro uno, inteso come inalterabilità... caratteristiche chimico-fisiche ( un solo isotopo stabile ) e scarsità di quantità.
Per caratteristiche diciamo che rappresenta un unicum... ma non vorrei fare qui una lezione sulla configurazione elettronica dell'atomo dell'oro che ne condiziona poi le proprietà chimico-fisiche.

Oltre l'oro ci fermiamo a... ~ dieci elementi, tipicamente, oltre l'oro:
Rodio, Iridio, Palladio, Platino, Rutenio, Osmio, Renio, Argento, Indio.

Se vogliamo definire un limite di quantità e qualità, diamo questo limite.
Se l'oro fosse da solo... avrebbe ancora più valore.

Volendo, almeno in teoria, di cripto se ne fa quanta si vuole... Bitcoin, Bitcoin 1, Bitcoin 2... 10, 100, 10000...
parlo di un limite teorico, comunque non ci sono limiti fisici nemmeno tecnologici.

Ma non cambia poi lo stato di cose, se compro una moneta d'oro non avrò nessuna rendita al limite una modesta rivalutazione nel tempo al netto dell'inflazione.
A scanso di equivoci, mi ripeto, per una gestione patrimoniale, difesa, incremento, pianificazione nel futuro; l'oro è inutile quanto il Bitcoin; il Bitcoin ha l'aggravio che non  ha nessun riconoscimento ufficiale condiviso, Giappone sì, India no, la signora Maria in Italia non lo conosce.


Ma non voglio convincere nessuno, questo è solo il mio parere personale.

Devo dire che ho l'impressione che se indico qualcosa qualcuno mi guarda l'indice...  Smiley

Sempre detto fra noi, dico una assurdità estrema, per cercare di farmi capire, se esistesse una legge, una norma, qualcosa di riconosciuto a livello internazionale che determina e fissa che come criptovaluta si usano Bitcoin più max altre dieci cripto, ci sarebbe un valore più "sicuro", se volete certificato, sigillato, blindato... con una eventuale 11a cripto  che dovrebbe essere sottoposta ad esame, approvazione... ecc... ecc...

Ripeto, pensiero del tutto personale.


Il concetto per come lo vedo io è molto semplice, se non ti piace il paragone con i minerali considera quello fra oro e bigiotteria. Posso creare quante copie finte di oro voglio ma non avrò mai l'originale, perchè quello ha delle caratteristiche proprie, intrinseche, uniche che sono scimmiottabili ma non replicabili. La stessa identica cosa vale tra bitcoin e altcoins e se la prima oggi rappresenta quasi il 60% della market cap della somma di tutto il resto, pur con i limiti del concetto di market cap, qualcosa vorrà significare. E tutto questo nonostante bitcoin non benefici (rispetto ad esempio a ripple o le mille mila ico) di truffaldini uffici marketing intenti a svolgere un accurata campagna promozionale della crypto rappresentata.

Oggi basterebbe meno del  10% dell'hashrate dei bitcoin per lanciare un attacco 50+1 su tutte le altre valute SHA256, bcash compreso. Che garanzie di sicurezza danno queste monete? Nulle.

I nodi e gli utenti bitcoin lo scorso anno hanno respinto due attacchi portati avanti dai più ricchi miners (Bcash appunto) e dalle più ricche aziende del settore (Segwit2x). Quante altcoin sarebbero state in grado di fare altrettanto? Nessuna.

 Questo grado di "decentralizzazione" e assenza di controllo è il valore più importante che una rete p2p può offrire ai propri utenti, è ciò che le dà valore vero perchè permette alla criptovaluta di essere una forma di conservazione e trasferimento del valore alternativa ai sistemi tradizionali, che è il motivo per cui una moneta decentralizzata esiste. La più grossa minaccia al valore di una criptovaluta è invece la regolamentazione normativa che porterebbe al controllo e alla centralizzazione trasformandola in un'alternativa (più inefficiente) della Paypal o Visa di turno. Con i bitcoin questa regolamentazione è e sarà di fatto impossibile al livello di rete p2p fintanto che il livello di decentralizzazione lo permetterà.

Per essere un milionario bitcoin basta possedere un centesimo di bitcoin. Few....
Neo_Coin
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 1176
Merit: 289


"Be Your Own Bank"


View Profile
September 13, 2018, 08:27:41 PM
 #9744



Il concetto per come lo vedo io è molto semplice, se non ti piace il paragone con i minerali considera quello fra oro e bigiotteria. Posso creare quante copie finte di oro voglio ma non avrò mai l'originale, perchè quello ha delle caratteristiche proprie, intrinseche, uniche che sono scimmiottabili ma non replicabili. La stessa identica cosa vale tra bitcoin e altcoins e se la prima oggi rappresenta quasi il 60% della market cap della somma di tutto il resto, pur con i limiti del concetto di market cap, qualcosa vorrà significare. E tutto questo nonostante bitcoin non benefici (rispetto ad esempio a ripple o le mille mila ico) di truffaldini uffici marketing intenti a svolgere un accurata campagna promozionale della crypto rappresentata.

Oggi basterebbe meno del  10% dell'hashrate dei bitcoin per lanciare un attacco 50+1 su tutte le altre valute SHA256, bcash compreso. Che garanzie di sicurezza danno queste monete? Nulle.

I nodi e gli utenti bitcoin lo scorso anno hanno respinto due attacchi portati avanti dai più ricchi miners (Bcash appunto) e dalle più ricche aziende del settore (Segwit2x). Quante altcoin sarebbero state in grado di fare altrettanto? Nessuna.

 Questo grado di "decentralizzazione" e assenza di controllo è il valore più importante che una rete p2p può offrire ai propri utenti, è ciò che le dà valore vero perchè permette alla criptovaluta di essere una forma di conservazione e trasferimento del valore alternativa ai sistemi tradizionali, che è il motivo per cui una moneta decentralizzata esiste. La più grossa minaccia al valore di una criptovaluta è invece la regolamentazione normativa che porterebbe al controllo e alla centralizzazione trasformandola in un'alternativa (più inefficiente) della Paypal o Visa di turno. Con i bitcoin questa regolamentazione è e sarà di fatto impossibile al livello di rete p2p fintanto che il livello di decentralizzazione lo permetterà.

[/quote]

Concordo assolutamente.



- "Le decisioni giuste vengono dall'esperienza. L'esperienza viene dalle decisioni sbagliate".
Paolo.Demidov
Hero Member
*****
Offline Offline

Activity: 1218
Merit: 947


View Profile
September 13, 2018, 08:45:54 PM
 #9745



Il concetto per come lo vedo io è molto semplice, se non ti piace il paragone con i minerali considera quello fra oro e bigiotteria.

Posso creare quante copie finte di oro voglio ma non avrò mai l'originale, perchè quello ha delle caratteristiche proprie, intrinseche, uniche che sono scimmiottabili ma non replicabili. La stessa identica cosa vale tra bitcoin e altcoins e se la prima oggi rappresenta quasi il 60% della market cap della somma di tutto il resto, pur con i limiti del concetto di market cap, qualcosa vorrà significare. E tutto questo nonostante bitcoin non benefici (rispetto ad esempio a ripple o le mille mila ico) di truffaldini uffici marketing intenti a svolgere un accurata campagna promozionale della crypto rappresentata.

Oggi basterebbe meno del  10% dell'hashrate dei bitcoin per lanciare un attacco 50+1 su tutte le altre valute SHA256, bcash compreso. Che garanzie di sicurezza danno queste monete? Nulle.

I nodi e gli utenti bitcoin lo scorso anno hanno respinto due attacchi portati avanti dai più ricchi miners (Bcash appunto) e dalle più ricche aziende del settore (Segwit2x). Quante altcoin sarebbero state in grado di fare altrettanto? Nessuna.

 Questo grado di "decentralizzazione" e assenza di controllo è il valore più importante che una rete p2p può offrire ai propri utenti, è ciò che le dà valore vero perchè permette alla criptovaluta di essere una forma di conservazione e trasferimento del valore alternativa ai sistemi tradizionali, che è il motivo per cui una moneta decentralizzata esiste. La più grossa minaccia al valore di una criptovaluta è invece la regolamentazione normativa che porterebbe al controllo e alla centralizzazione trasformandola in un'alternativa (più inefficiente) della Paypal o Visa di turno. Con i bitcoin questa regolamentazione è e sarà di fatto impossibile al livello di rete p2p fintanto che il livello di decentralizzazione lo permetterà.

Appunto, anche io la vedo molto semplice, facciamola più breve, perché dico cuori, mi si risponde quadri... ma ripeto, non voglio convincere nessuno, non voglio cambiare l'opinione di nessuno.

Entriamo sempre in dettagli che non servono... si devia su strade secondarie che non ci portano a nulla; non è rilevante la reputazione o il miglior funzionamento di Bitcoin rispetto alle altre criptovalute... come accennavi, breve storia triste:
Domani, magia, Bitcoin a $ 500.000 l'uno, allarme;
l'UE su richiesta della Banca Centrale Europa insieme agli USA su spinta Federal Reserve decidono che le criptovalute non possono essere in mano dei privati oppure un divieto totale; direttiva europea, decreto legge, fine del Bitcoin e di tutta la baracca.

Fine breve storia triste.


È già successo con l'oro stesso, anche in Italia fino al 2000 ( http://www.camera.it/parlam/leggi/00007l.htm ) un privato non poteva avere oro da investimento in lingotti.
Si chiama rischio normativo.

A tal proposito rilancio il tema della notizia che i maggiori attori del mondo cripto si stiano unendo, consorziando per andare a chiedere una normativa... ungendo le ruote con volgare valuta fiat, normativa di favore.
Molto significativo.


Ad ogni modo, da tener presente che qualsiasi gestore di un patrimonio, piccolo o grande, sa che non può correre rischi inutili, allo stato attuale, nessun "istituzionale" si può avvicinare al Bitcoin, nemmeno confezionato con ETF o altro.

Non parlo di singoli miliardari che con la loro quota di contante in tasca possono fare quel che vogliono, parlo
di patrimoni, masse gestite... asset management ( https://it.wikipedia.org/wiki/Risparmio_gestito ), sia veramente
istituzionali ( https://it.fundspeople.com/news/ecco-i-maggiori-asset-manager-del-mondo ) ma anche prettamente privati;
la parte che fa la vera differenza.

A scanso di equivoci ritengo che anche inserire oro o altri beni rifugio sterili, in portafoglio, sia abbastanza inutile e controproducente, se non c'è qualche motivo per cui rifugiarsi... e se anche ci fosse, si potrebbero operare altre scelte e strategie.

A tal proposito un interessante articolo di pochi giorni fa, aver investito € 10.000, 10 anni fa, il giorno del famoso crack della Lehman Brothers, diversi risultati:
https://www.corriere.it/economia/leconomia/18_settembre_10/diecimila-euro-investiti-giorno-crac-lehman-oggi-sarebbero-45f3bf0c-b4fc-11e8-9795-182d8d9833a0.shtml


Tutto questo se si vuole porre Bitcoin come riserva di valore, oro digitale che per mio modo di vedere non serve, o peggio risorsa rara e limitata che ha un valore intrinseco... a prescindere... primo, sempre a mio parere, perché la sua rarità è relativa... secondo perché non vedo valore intrinseco.

Discorso diverso se ci fosse una qualsiasi criptovaluta che serva come moneta, mi viene in mente per esempio emettere azioni in valuta Bitcoin per evitare denominazioni in altre valute nazionali per eliminare un rischio di cambio, svalutazione, inflazione...
ma si dovrebbe parlare di un Bitcoin stabile, stabilizzabile, normato, controllato da organismi super partes.

Oppure prestiti in Bitcoin con interessi da pagarsi in Bitcoin, sempre a maggiore garanzia di stabilità per chi contrae un prestito, avere degli interessi per chi eroga il prestito.




Oltre tutto questo, mi domando sempre se oggi chi detiene Bitcoin è consapevole del rischio che corre ?
che domani la normativa può cambiare,
che si rilasciano notizie tendenziose... per manipolare il mercato,
che il mercato è piccolo e può essere manipolato da pochi con capitale e dati a disposizione,
che anche un futuro guadagno, potrebbe non essere un giusto guadagno in rapporto al rischio corso...
ecc... ecc... direi proprio di no.


Mentre vedo che ci sono pochi che sono consapevoli che molti non sono consapevoli...
e se ne approfittano, a piene mani...  Cool
le dinamiche di questi giorni su Ethereum... abbastanza ridicole, una notizia dal suo fondatore, poi la precisazione,
scusate sono stato capito male... intanto -15% / +15% in poche ore ( ora si tornerà di nuovo indietro ) se fosse accaduto
in un mercato regolamentato questo che qualcuno ha definito amichevolmente "frainteso"  Roll Eyes sarebbe costato molto, in sanzioni e una incriminazione per aggiotaggio.





Ciao, Lawrence ! - Noi non abbiamo alcuna fiducia nella tua capacità di individuare i trend macroeconomici. Eh... e sei venuto fin qui per dirmi questo... ? Perché ? Chiunque può vedere che c'è una bolla immobiliare. - A dire il vero nessuno vede una bolla, è questo che la rende una bolla. ( cit. )
Maicol792
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1260
Merit: 1010


View Profile
September 14, 2018, 07:25:30 AM
 #9746

Che tristezza, dopo l' ATH di dicembre si stanno concentrando tutte le menti e gli sforzi su trading mercati etc etc ... non si parla più di sviluppo e di tecnologia... è solo un trend di trading in giro ... i vecchi tempi erano diversi ... ci stava l euforia di quello che si stava creando, una nuova tecnologia; oggi tutti li attaccati alle candele rosse o verdi ... il bitcoin è altro non è speculazione ma la massa guarda la coppia btc/Fiat purtroppo è così  Sad buona fortuna ragazzi ... ma fino a quando stiamo così come stiamo allora penso invece di stare attaccati alle candele tenetevi le vs. Monetine Fiat centralizzate in banca e/o tardate se siete bravi come si sta facendo ora ... ma il bitcoin la blockchain pre mini boom del 2017 erano altre emozioni...

Ma leggo qualcosa che mi sembra di aver scritto io qualche post dietro... o sbaglio?
fillippone
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1064
Merit: 5455


Merit Rascal wannabe Merit Cycler


View Profile
September 14, 2018, 08:08:58 AM
 #9747

Che tristezza, dopo l' ATH di dicembre si stanno concentrando tutte le menti e gli sforzi su trading mercati etc etc ... non si parla più di sviluppo e di tecnologia... è solo un trend di trading in giro ... i vecchi tempi erano diversi ... ci stava l euforia di quello che si stava creando, una nuova tecnologia; oggi tutti li attaccati alle candele rosse o verdi ... il bitcoin è altro non è speculazione ma la massa guarda la coppia btc/Fiat purtroppo è così  Sad buona fortuna ragazzi ... ma fino a quando stiamo così come stiamo allora penso invece di stare attaccati alle candele tenetevi le vs. Monetine Fiat centralizzate in banca e/o tardate se siete bravi come si sta facendo ora ... ma il bitcoin la blockchain pre mini boom del 2017 erano altre emozioni...

Ma leggo qualcosa che mi sembra di aver scritto io qualche post dietro... o sbaglio?
Great minds think alike o plagio? Mah...nel dubbio segnalerei ad @HostFat

jack0m
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 2534
Merit: 1337


View Profile
September 14, 2018, 09:10:16 AM
 #9748

Che tristezza, dopo l' ATH di dicembre si stanno concentrando tutte le menti e gli sforzi su trading mercati etc etc ... non si parla più di sviluppo e di tecnologia... è solo un trend di trading in giro ... i vecchi tempi erano diversi ... ci stava l euforia di quello che si stava creando, una nuova tecnologia; oggi tutti li attaccati alle candele rosse o verdi ... il bitcoin è altro non è speculazione ma la massa guarda la coppia btc/Fiat purtroppo è così  Sad buona fortuna ragazzi ... ma fino a quando stiamo così come stiamo allora penso invece di stare attaccati alle candele tenetevi le vs. Monetine Fiat centralizzate in banca e/o tardate se siete bravi come si sta facendo ora ... ma il bitcoin la blockchain pre mini boom del 2017 erano altre emozioni...

Ma leggo qualcosa che mi sembra di aver scritto io qualche post dietro... o sbaglio?

LOL
Queste bounty whores ormai sono una delle piaghe del mondo cripto. Se si arriva a copiare commenti altrui pur di guadagnare qualche punto di activity, vuol dire che siamo alla frutta Roll Eyes

Money is a hoax. Debt is slavery. Consumerism is toxic.
balladofjpeg
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 289
Merit: 253


View Profile
September 14, 2018, 09:15:14 AM
 #9749

https://twitter.com/novogratz/status/1040288811643809798

che ne pensate di questa uscita di novogratz?
ricordo che plutosky lo riteneva uno dei trader piú influenti del settore
Prova123
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 222
Merit: 102


View Profile
September 14, 2018, 03:06:02 PM
 #9750

Appunto... influente... e adesso parla... e giù tutti a seguirlo... giusto?

Ci sono troppi soldi, affari, guadagni in giro per non sospettare di tutta questa gente!

Per chi crede nel Btc stia tranquillo, certo che i prezzi sono motivanti. Anche io penso che il trading sia fuorviante per la rivoluzione in atto .

Paolo.Demidov
Hero Member
*****
Offline Offline

Activity: 1218
Merit: 947


View Profile
September 14, 2018, 10:27:45 PM
 #9751

Mercato molto incerto...
in compenso è diminuita moltissimo la volatilità di Bitcoin.

Balene in attesa di tempi più propizi, tira una brutta aria per le balene di tutti i tipi... Grin

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/09/14/caccia-a-balene-negoziati-falliti-dopo-20-anni-no-di-islanda-giappone-norvegia-e-russia-a-riserve-in-atlantico-meridionale/4623673/

Ciao, Lawrence ! - Noi non abbiamo alcuna fiducia nella tua capacità di individuare i trend macroeconomici. Eh... e sei venuto fin qui per dirmi questo... ? Perché ? Chiunque può vedere che c'è una bolla immobiliare. - A dire il vero nessuno vede una bolla, è questo che la rende una bolla. ( cit. )
Neo_Coin
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 1176
Merit: 289


"Be Your Own Bank"


View Profile
September 15, 2018, 05:47:04 AM
 #9752

Se uno investe nei Btc lo dovrebbe fare soprattutto perchè crede nell'idea e nella novità rivoluzionaria portata dalle crypto e dalla blockchain.

Fare trading a breve / medio periodo senza un adeguato studio e preparazione di AT, sperando solo nell'intuito e nella fortuna vuol dire solo buttare via soldi, come con le scommesse o il gioco d'azzardo.

- "Le decisioni giuste vengono dall'esperienza. L'esperienza viene dalle decisioni sbagliate".
Prova123
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 222
Merit: 102


View Profile
September 15, 2018, 04:08:53 PM
 #9753

Scusami ma purtroppo è già fuorviante usare il termine "investire"... in questa ottica da puristi. Anzi, per dirla tutta, non si dovrebbe neanche permettere di avere neanche un "ponte" tra crypto e fiat! Questo sarebbe già un vero inizio rivoluzionario. Invece il BTC "vale" in rapporto alle fiat, ma non è vero neanche questo, perché è solo rispetto al dollaro.

Ci sono ancora troppi errori concettuali in questo "nuovo" mondo Wink

Per il trading, l'AT non vale molto, quando esistono gli squali.




Plutosky
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1246
Merit: 1820


View Profile
September 15, 2018, 08:49:19 PM
Last edit: September 16, 2018, 10:35:11 AM by Plutosky
Merited by Piggy (2), babo (1), coinlocket$ (1)
 #9754


Entriamo sempre in dettagli che non servono... si devia su strade secondarie che non ci portano a nulla; non è rilevante la reputazione o il miglior funzionamento di Bitcoin rispetto alle altre criptovalute... come accennavi, breve storia triste:
Domani, magia, Bitcoin a $ 500.000 l'uno, allarme;
l'UE su richiesta della Banca Centrale Europa insieme agli USA su spinta Federal Reserve decidono che le criptovalute non possono essere in mano dei privati oppure un divieto totale; direttiva europea, decreto legge, fine del Bitcoin e di tutta la baracca.

Fine breve storia triste.


È già successo con l'oro stesso, anche in Italia fino al 2000 ( http://www.camera.it/parlam/leggi/00007l.htm ) un privato non poteva avere oro da investimento in lingotti.
Si chiama rischio normativo.


Se un decreto non è riuscito a fermare un bene fisico come l'oro (c'hanno provato anche in tanti altri paesi oltre l'italia a bannare il possesso di oro, in alcuni è illegittimo anche oggi), figurati cosa potrebbero fare contro un bene immateriale che può essere portato oltre frontiera solo tenendo a mente una password.

Se per assurdo bitcoin fosse dichiarato illegittimo (e non accadrà mai), non sarebbe la fine di nulla.
Una rete decentralizzata non può essere fermata per decreto, altrimenti sai da quanto tempo avrebbero chiuso Tor o Bittorrent.
Nessun governo può impedire di fatto una transazione bitcoin. Nessuno potrebbe sequestrare i bitcoin. Nessuno potrebbe impedire il mining, l'esecuzione di un nodo, la condivisione della blockchain, lo scambio su un exchange decentralizzato.  

C'hanno già provato in Cina con effetti ridicoli: il volume che vedi sotto circondato nel riquadro rosso è l'effetto su Localbitcoin dopo la chiusura dei vari Okcoin, Btcchina e Huobi. Incrementi ancora maggiori ci sono stati su Paxful. In Cina ancora oggi dietro TOR ci sono oltre 1000 nodi della rete.  I governanti che volevano impedire l'uso dei bitcoin nel loro paese, sono riusciti solo a chiudere due o tre siti di scambio e a far fiorire le compravendite su altre piattaforme e l'uso in altre forme. Non è possibile fermare il vento con le mani.



 
Quote
A tal proposito rilancio il tema della notizia che i maggiori attori del mondo cripto si stiano unendo, consorziando per andare a chiedere una normativa... ungendo le ruote con volgare valuta fiat, normativa di favore.
Molto significativo.

Gli attori di cui parli sono i titolari delle aziende (Coinbase, Bitpay, Bitgo, Blockchain.info, Bitcoin.com.....) che hanno attaccato bitcoin lo scorso anno due volte (Segwit2x e bcash), venendo sconfitti entrambe le volte. Oltre probabilmente ai promotori di ICO e altre truffe assortite.

Quote
Ad ogni modo, da tener presente che qualsiasi gestore di un patrimonio, piccolo o grande, sa che non può correre rischi inutili, allo stato attuale, nessun "istituzionale" si può avvicinare al Bitcoin, nemmeno confezionato con ETF o altro.

Se nessun istituzionale "può avvicinarsi ai bitcoin nemmeno confezionati come ETF", perchè i più importanti mercati finanziari del mondo (es.CBOE, Nasdaq, SolidX ) chiedono a mani giunte alla SEC l'approvazione di un ETF ? . Strano che si attrezzino in tutti modi per assicurare un offerta, se non ci fosse domanda. Offerta che tra l'altro va nella direzione opposta a quella meno diretta dello strumento derivato puro, visto che tutte le suddette richieste includono un servizio di custodia fisica (come anche Bakkt).
Tutto questo senza che ce ne sia la necessità sia chiaro. I bitcoin non hanno bisogno di questi strumenti per prosperare e diffondersi, semmai sono gli operatori  tradizionali che non possono fare a meno di perdere questo mercato.

Quote
Oltre tutto questo, mi domando sempre se oggi chi detiene Bitcoin è consapevole del rischio che corre ?
che domani la normativa può cambiare,
che si rilasciano notizie tendenziose... per manipolare il mercato,
che il mercato è piccolo e può essere manipolato da pochi con capitale e dati a disposizione,
che anche un futuro guadagno, potrebbe non essere un giusto guadagno in rapporto al rischio corso...
ecc... ecc... direi proprio di no.


Mentre vedo che ci sono pochi che sono consapevoli che molti non sono consapevoli...
e se ne approfittano, a piene mani...  Cool
le dinamiche di questi giorni su Ethereum... abbastanza ridicole, una notizia dal suo fondatore, poi la precisazione,
scusate sono stato capito male... intanto -15% / +15% in poche ore ( ora si tornerà di nuovo indietro ) se fosse accaduto
in un mercato regolamentato questo che qualcuno ha definito amichevolmente "frainteso"  Roll Eyes sarebbe costato molto, in sanzioni e una incriminazione per aggiotaggio.

E chi detiene euro sa dei rischi che corre? Ha visto il bilancio della BCE, il debito pubblico dei paesi della garlic belt, ha mai pensato all'effetto di medio termine del QE? Ha visto cosa sta succedendo oggi a rand, peso, bolivar, lira, riyal?

Chi compra azioni sa che il mercato azionario è manipolato da sempre dagli enti che dovrebbero "controllarlo" e che si trova (quello si altro che bitcoin) in una delle massime bolle della sua storia?

I mass media generalisti (TG a reti unificate, quotidiani)  che hanno passato un intero inverno a mettere in allarme l'uomo qualunque dai pericoli mortali che si sarebbero corsi a comprare bitcoin, riempendoci gli orecchi di stupidaggini inenarrabili su bolle, tulipani e "non hanno una banca centrale alle spalle", dove erano dieci anni fa prima che arrivasse la tempesta dei mutui subprime? Qualcuno che ha messo in allarme il piccolo risparmiatore? Oppure lo ha invogliato a farsi spennare? E oggi c'è qualcuno che avvisa chi compra azioni o specula sui mercati valutari dei rischi che corre?

A me sembra che  il compratore di bitcoin sia stato letteralmente sommerso di allarmi sui pericoli e i rischi (la maggior parte dei quali inesistenti) insiti nel trading, mentre quello di forme tradizionali di risparmio venga quotidianamente sommerso di azioni promozionali che nascondono volutamente e in modo spesso penalmente rilevante i suddetti rischi, rischi evidenti (e per questo sottaciuti) soprattutto in un momento critico per la finanza tradizionale come quello attuale.


Per essere un milionario bitcoin basta possedere un centesimo di bitcoin. Few....
fillippone
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1064
Merit: 5455


Merit Rascal wannabe Merit Cycler


View Profile
September 15, 2018, 10:20:12 PM
 #9755

@Plutosky
Perfetto.
Sottoscrivo 100% ogni concetto o parola.
@Tutti: Il punto fondamentale è che non è Bitcoin ad avere bisogno dei mercati finanziari, ma i mercati finanziari ad aver bisogno di bitcoin.
Questo è il modo della questione. Bakkt, ETF e futures vari sono solo una piccola tappa (secondo me positiva, secondo altri più “integralisti” negativa) nel  processo inarrestabile ed inevitabile di diffusione del bitcoin.
F1
Ps. @Plutosky hai dei PM

Paolo.Demidov
Hero Member
*****
Offline Offline

Activity: 1218
Merit: 947


View Profile
September 16, 2018, 03:37:15 AM
Last edit: September 16, 2018, 11:53:17 AM by Paolo.Demidov
 #9756


Entriamo sempre in dettagli che non servono... si devia su strade secondarie che non ci portano a nulla; non è rilevante la reputazione o il miglior funzionamento di Bitcoin rispetto alle altre criptovalute... come accennavi, breve storia triste:
Domani, magia, Bitcoin a $ 500.000 l'uno, allarme;
l'UE su richiesta della Banca Centrale Europa insieme agli USA su spinta Federal Reserve decidono che le criptovalute non possono essere in mano dei privati oppure un divieto totale; direttiva europea, decreto legge, fine del Bitcoin e di tutta la baracca.

Fine breve storia triste.


È già successo con l'oro stesso, anche in Italia fino al 2000 ( http://www.camera.it/parlam/leggi/00007l.htm ) un privato non poteva avere oro da investimento in lingotti.
Si chiama rischio normativo.


Se un decreto non è riuscito a fermare un bene fisico come l'oro (c'hanno provato anche in tanti altri paesi oltre l'italia a bannare il possesso di oro, in alcuni è illegittimo anche oggi), figurati cosa potrebbero fare contro un bene immateriale che può essere portato oltre frontiera solo tenendo a mente una password.

Se per assurdo bitcoin fosse dichiarato illegittimo (e non accadrà mai), non sarebbe la fine di nulla.
Una rete decentralizzata non può essere fermata per decreto, altrimenti sai da quanto tempo avrebbero chiuso Tor o Bittorrent.
Nessun governo può impedire di fatto una transazione bitcoin. Nessuno potrebbe sequestrare i bitcoin. Nessuno potrebbe impedire il mining, l'esecuzione di un nodo, la condivisione della blockchain, lo scambio su un exchange decentralizzato.  

C'hanno già provato in Cina con effetti ridicoli: il volume che vedi sotto circondato nel riquadro rosso è l'effetto su Localbitcoin dopo la chiusura dei vari Okcoin, Btcchina e Huobi. Incrementi ancora maggiori ci sono stati su Paxful. In Cina ancora oggi dietro TOR ci sono oltre 1000 nodi della rete.  I governanti che volevano impedire l'uso dei bitcoin nel loro paese, sono riusciti solo a chiudere due o tre siti di scambio e a far fiorire le compravendite su altre piattaforme e l'uso in altre forme. Non è possibile fermare il vento con le mani.

https://i.imgur.com/CsTe5mv.jpg

 
Quote
A tal proposito rilancio il tema della notizia che i maggiori attori del mondo cripto si stiano unendo, consorziando per andare a chiedere una normativa... ungendo le ruote con volgare valuta fiat, normativa di favore.
Molto significativo.

Gli attori di cui parli sono i titolari delle aziende (Coinbase, Bitpay, Bitgo, Blockchain.info, Bitcoin.com.....) che hanno attaccato bitcoin lo scorso anno due volte (Segwit2x e bcash), venendo sconfitti entrambe le volte. Oltre probabilmente ai promotori di ICO e altre truffe assortite.

Quote
Ad ogni modo, da tener presente che qualsiasi gestore di un patrimonio, piccolo o grande, sa che non può correre rischi inutili, allo stato attuale, nessun "istituzionale" si può avvicinare al Bitcoin, nemmeno confezionato con ETF o altro.

Se nessun istituzionale "può avvicinarsi ai bitcoin nemmeno confezionati come ETF", perchè i più importanti mercati finanziari del mondo (es.CBOE, Nasdaq, SolidX ) chiedono a mani giunte alla SEC l'approvazione di un ETF ? . Strano che si attrezzino in tutti modi per assicurare un offerta, se non ci fosse domanda. Offerta che tra l'altro va nella direzione opposta a quella meno diretta dello strumento derivato puro, visto che tutte le suddette richieste includono un servizio di custodia fisica (come anche Bakkt).
Tutto questo senza che ce ne sia la necessità sia chiaro. I bitcoin non hanno bisogno di questi strumenti per prosperare e diffondersi, semmai sono gli operatori  tradizionali che non possono fare a meno di perdere questo mercato.

Quote
Oltre tutto questo, mi domando sempre se oggi chi detiene Bitcoin è consapevole del rischio che corre ?
che domani la normativa può cambiare,
che si rilasciano notizie tendenziose... per manipolare il mercato,
che il mercato è piccolo e può essere manipolato da pochi con capitale e dati a disposizione,
che anche un futuro guadagno, potrebbe non essere un giusto guadagno in rapporto al rischio corso...
ecc... ecc... direi proprio di no.


Mentre vedo che ci sono pochi che sono consapevoli che molti non sono consapevoli...
e se ne approfittano, a piene mani...  Cool
le dinamiche di questi giorni su Ethereum... abbastanza ridicole, una notizia dal suo fondatore, poi la precisazione,
scusate sono stato capito male... intanto -15% / +15% in poche ore ( ora si tornerà di nuovo indietro ) se fosse accaduto
in un mercato regolamentato questo che qualcuno ha definito amichevolmente "frainteso"  Roll Eyes sarebbe costato molto, in sanzioni e una incriminazione per aggiotaggio.

E chi detiene euro sa dei rischi che corre? Ha visto il bilancio della BCE, il debito pubblico dei paesi della garlic bend, ha mai pensato all'effetto di medio termine del QE? Ha visto cosa sta succedendo oggi a rand, peso, bolivar, lira, riyal?

Quote
Solo quelli che hanno currency swap, inflation swap, altri strumenti che proteggono dall'inflazione e dai movimenti anomali dei tassi d'interesse e quelli che hanno diversificato i portafogli anche a base di altre valute  Smiley

A medio termine e anche a lungo termine; ci sono per esempio contenitori finanziari ripieni di titoli di stato, protetti dal default della stessa società che li emette e detiene e dal default dei singoli stati europei, con un rendimento garantito minimo del +2% da consolidarsi ogni anno, indipendentemente dal reale rendimento sui mercati. Ovviamente il rendimento è superiore, viene attribuito ed accreditato di più; ma se fosse per assurdo negativo, verrebbe attribuito ed accreditato in ogni caso il +2%.

Ci avevano pensato già molti anni fa, visto che ci sono anche le emissioni dei BTp italiani di vari decenni fa.




Chi compra azioni sa che il mercato azionario è manipolato da sempre dagli enti che dovrebbero "controllarlo" e che si trova (quello si altro che bitcoin) in una delle massime bolle della sua storia?

Quote

Chi fa un serio investimento azionario, non punta al breve termine, ma a lungo termine, non punta al rialzo di singoli titoli, punta all'espansione generale del mercato, intendendosi per espansione il nascere di nuovi settori economici, corrispondenti a nuovi bisogni dell'uomo, da vedere negli ultimi anni, settore IT, internet, social network, telefonia mobile.

Chi investe in azioni, sa che oltre ai valori azionari, il vero guadagno è la riscossione dei dividendi annuali delle aziende che ovviamente ridistribuiscono gli utili; nonché il reinvestimento successivo dei guadagni.



I mass media generalisti (TG a reti unificate, quotidiani)  che hanno passato un intero inverno a mettere in allarme l'uomo qualunque dai pericoli mortali che si sarebbero corsi a comprare bitcoin, riempendoci gli orecchi di stupidaggini inenarrabili su bolle, tulipani e "non hanno una banca centrale alle spalle", dove erano dieci anni fa prima che arrivasse la tempesta dei mutui subprime? Qualcuno che ha messo in allarme il piccolo risparmiatore? Oppure lo ha invogliato a farsi spennare? E oggi c'è qualcuno che avvisa chi compra azioni o specula sui mercati valutari dei rischi che corre?


Quote


Quote

Io tutti i giorni, nel dettaglio ogni Giovedì; non al mondo intero ma solo per chi è seguito...
ogni secondo i bot e i Robot Advisor.
Ma anche migliaia di Financial Advisor in carne ed ossa nel mondo per la loro clientela.

Poi ci sono gli sprovveduti che comprano azioni come scommettere, dimenticando che per trasformare tante singole operazioni aleatorie in una operazione finanziaria che genera un profitto a rischio controllato... ci vuole un po' di esperienza.
Basta poco alla fine, veramente poco.
La primissima operazione, preliminare  prima di muovere un solo euro, non è guardare ai possibili rendimenti futuri, ma guardare ai costi del vivo presente.




A me sembra che  il compratore di bitcoin sia stato letteralmente sommerso di allarmi sui pericoli e i rischi (la maggior parte dei quali inesistenti) insiti nel trading, mentre quello di forme tradizionali di risparmio venga quotidianamente sommerso di azioni promozionali che nascondono volutamente e in modo spesso penalmente rilevante i suddetti rischi, rischi evidenti (e per questo sottaciuti) soprattutto in un momento critico per la finanza tradizionale come quello attuale.

Quote

Allo stato attuale non vedo nessuna criticità per la finanza tradizionale, intesa mercati.
Ci sono mercati che vanno meglio e mercati che vanno male, per esempio il FTSE MIB italiano perché composto da titoli bancari... è fatto noto, è molti anni che va male, infatti ci sono state pesanti posizioni short che hanno raccolto i massimi.

L'incertezza dei mercati è continua... è insita nei mercati, chi aspetta la calma piatta non compra mai niente.





Ciao, Lawrence ! - Noi non abbiamo alcuna fiducia nella tua capacità di individuare i trend macroeconomici. Eh... e sei venuto fin qui per dirmi questo... ? Perché ? Chiunque può vedere che c'è una bolla immobiliare. - A dire il vero nessuno vede una bolla, è questo che la rende una bolla. ( cit. )
Maicol792
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1260
Merit: 1010


View Profile
September 16, 2018, 08:14:56 AM
 #9757

Faccio i miei complimenti a @Plotosky e @Paolo.Demidov per il loro contributo a questo thread  Wink anche se sposo maggiormente le parole di Plutosky (perché sono più spostato sul credere in bitcoin) ma grazie anche a Paolo perché fa le sue osservazioni e mi fa vedere o meglio stare più con i piedi per terra ... ma entrambe molto oggettivi e ottimi osservatori .... complimenti.

Anzi la butto lì .. potrebbe essere interessante con i vostri contributi e insieme provare a scrivere un libricino in italiano sul mondo bitcoin ... come dire un titolo bitcoin pro&contro ... bitcoin il diavolo e l'acqua santa .. i punti di vista sul bitcoin dai 360 gradi ...  Grin che ne dite?
fillippone
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1064
Merit: 5455


Merit Rascal wannabe Merit Cycler


View Profile
September 16, 2018, 09:32:08 AM
Last edit: September 16, 2018, 09:43:27 AM by fillippone
 #9758

Faccio i miei complimenti a @Plotosky e @Paolo.Demidov per il loro contributo a questo thread  Wink anche se sposo maggiormente le parole di Plutosky (perché sono più spostato sul credere in bitcoin) ma grazie anche a Paolo perché fa le sue osservazioni e mi fa vedere o meglio stare più con i piedi per terra ... ma entrambe molto oggettivi e ottimi osservatori .... complimenti.

Anzi la butto lì .. potrebbe essere interessante con i vostri contributi e insieme provare a scrivere un libricino in italiano sul mondo bitcoin ... come dire un titolo bitcoin pro&contro ... bitcoin il diavolo e l'acqua santa .. i punti di vista sul bitcoin dai 360 gradi ...  Grin che ne dite?
Personalmente credo che solo uno dei due interlocutori abbia un punto di vista circostanziato dal punto di vista intellettuale e soprattutto logico, mentre l’altro oppone una serie di obiezioni che, seppur ben impaginate ed esposte, hanno secondo me poco valore e tradiscono una bassa o quasi nulla conoscenza dell’argomento bitcoin.
Questo è un forum, non è necessario essere amici di tutti o convincere tutti: si prova ad intavolare discussioni educate e civili, ma poi se non è possibile avere degli scambi interessanti, ognuno va per la propria strada.
Quindi l’idea del libro.. meh, c’è ne sono già tanti ottimamente scritti.
Mi permetto di consigliarne due,  uno a favore del bitcoin (consiglio assolutamente, comunque la si pensi) ed uno contro (scritto da uno che ne capisce di Bit pin, non da un Roubini qualsiasi).
Pro:
The Bitcoin Standard: The Decentralized Alternative to Central Banking https://www.amazon.it/dp/1119473861/ref=cm_sw_r_cp_api_wjINBbZRCEHMS
Contro:
Attack of the 50 Foot Blockchain: Bitcoin, Blockchain, Ethereum & Smart Contracts https://www.amazon.it/dp/1974000060/ref=cm_sw_r_cp_api_SkINBbE0K4XTZ

F1

Paolo.Demidov
Hero Member
*****
Offline Offline

Activity: 1218
Merit: 947


View Profile
September 16, 2018, 12:33:37 PM
 #9759

Faccio i miei complimenti a @Plotosky e @Paolo.Demidov per il loro contributo a questo thread  Wink anche se sposo maggiormente le parole di Plutosky (perché sono più spostato sul credere in bitcoin) ma grazie anche a Paolo perché fa le sue osservazioni e mi fa vedere o meglio stare più con i piedi per terra ... ma entrambe molto oggettivi e ottimi osservatori .... complimenti.

Anzi la butto lì .. potrebbe essere interessante con i vostri contributi e insieme provare a scrivere un libricino in italiano sul mondo bitcoin ... come dire un titolo bitcoin pro&contro ... bitcoin il diavolo e l'acqua santa .. i punti di vista sul bitcoin dai 360 gradi ...  Grin che ne dite?


Ti ringrazio dell'apprezzamento pubblico.

Ma la mia non era andare contro Bitcoin, come idea, era metterlo in confronto, nonché evidenziarne i rischi, per come è strutturato ad oggi, da un punto di vista normativo e tecnologico.

Credo che Bitcoin sia un po' come una casa in costruzione, in un area urbana che era sempre stata abbandonata.

Arriva un venditore e ti dice che le case saranno finite con finiture di alto pregio che verranno realizzati nel quartiere parchi, giardini, supermarket, impianti sportivi, ecc... ecc...

Per tutta questa elegante e bella prospettiva ti chiede una cifra a mq molto elevata... può anche essere, ma davanti è tutto da fare.

Credo che sui piccoli e grandi sogni futuri di detentori di Bitcoin, sull'aviditá di certi speculatori...
...qualcuno ancor più avido incassi per se, ora nel presente, valuta fiat, in primis exchange.

Sempre ammesso che Bitcoin possa operare una sorta di rivoluzione o liberare da chissà cosa...

Un po' come quando è arrivata la rivoluzione di internet, enorme innovazione, sostanzialmente chi era povero è rimasto povero chi era miliardario è diventato ultra-miliardario.
Nonché in alcuni casi, per esempio il lavoro, ha portato maggiori vincoli e barriere, vedere magazziniere da Amazon, figura un po' stereotipata ma significativa.


Lascio un link che avevo già lasciato:
https://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/temi-discussione/2016/2016-1060/en_tema_1060.pdf?language_id=1

...descrive alcuni eventi e concetti, oltre ogni tipo di moneta e strumento di rappresentazione di ricchezza.




Ciao, Lawrence ! - Noi non abbiamo alcuna fiducia nella tua capacità di individuare i trend macroeconomici. Eh... e sei venuto fin qui per dirmi questo... ? Perché ? Chiunque può vedere che c'è una bolla immobiliare. - A dire il vero nessuno vede una bolla, è questo che la rende una bolla. ( cit. )
Paolo.Demidov
Hero Member
*****
Offline Offline

Activity: 1218
Merit: 947


View Profile
September 16, 2018, 12:52:22 PM
 #9760

Faccio i miei complimenti a @Plotosky e @Paolo.Demidov per il loro contributo a questo thread  Wink anche se sposo maggiormente le parole di Plutosky (perché sono più spostato sul credere in bitcoin) ma grazie anche a Paolo perché fa le sue osservazioni e mi fa vedere o meglio stare più con i piedi per terra ... ma entrambe molto oggettivi e ottimi osservatori .... complimenti.

Anzi la butto lì .. potrebbe essere interessante con i vostri contributi e insieme provare a scrivere un libricino in italiano sul mondo bitcoin ... come dire un titolo bitcoin pro&contro ... bitcoin il diavolo e l'acqua santa .. i punti di vista sul bitcoin dai 360 gradi ...  Grin che ne dite?
Personalmente credo che solo uno dei due interlocutori abbia un punto di vista circostanziato dal punto di vista intellettuale e soprattutto logico, mentre l’altro oppone una serie di obiezioni che, seppur ben impaginate ed esposte, hanno secondo me poco valore e tradiscono una bassa o quasi nulla conoscenza dell’argomento bitcoin.
Questo è un forum, non è necessario essere amici di tutti o convincere tutti: si prova ad intavolare discussioni educate e civili, ma poi se non è possibile avere degli scambi interessanti, ognuno va per la propria strada.
Quindi l’idea del libro.. meh, c’è ne sono già tanti ottimamente scritti.
Mi permetto di consigliarne due,  uno a favore del bitcoin (consiglio assolutamente, comunque la si pensi) ed uno contro (scritto da uno che ne capisce di Bit pin, non da un Roubini qualsiasi).
Pro:
The Bitcoin Standard: The Decentralized Alternative to Central Banking https://www.amazon.it/dp/1119473861/ref=cm_sw_r_cp_api_wjINBbZRCEHMS
Contro:
Attack of the 50 Foot Blockchain: Bitcoin, Blockchain, Ethereum & Smart Contracts https://www.amazon.it/dp/1974000060/ref=cm_sw_r_cp_api_SkINBbE0K4XTZ

F1

Poche righe per ribadire che non ho niente da dimostrare e nessuno da convincere  Smiley
Non ho nessuna pretesa di essere o essere considerato esperto in Bitcoin.
Esprimo solo pensieri e idee del tutto personali che è anche facile non leggere se ritenute poco interessanti.

Aggiungo solo che personalmente penso che sfugga un po' il fatto che il problema non è la centralizzazione che opera il sistema bancario, ma la centralizzazione della ricchezza in generale... "balenismo" reale e totale.

Domani Bitcoin potrebbe quotare anche $ 100.000 cadauno, già oggi sappiamo che la maggior parte dei wallet ha meno di 1 BTC pochi sono sopra questa soglia, pochissimi hanno migliaia di BTC.

Potrebbe anche definirsi un nuovo sistema invece che in valuta fiat, in Bitcoin senza banche, non ci sarebbe automaticamente una ridistribuzione della ricchezza, maggior benessere, maggiore libertà.

Nemmeno se questo portasse a nuove forme di governo degli stati.

Ciao, Lawrence ! - Noi non abbiamo alcuna fiducia nella tua capacità di individuare i trend macroeconomici. Eh... e sei venuto fin qui per dirmi questo... ? Perché ? Chiunque può vedere che c'è una bolla immobiliare. - A dire il vero nessuno vede una bolla, è questo che la rende una bolla. ( cit. )
Pages: « 1 ... 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 [488] 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 ... 892 »
  Print  
 
Jump to:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines Valid XHTML 1.0! Valid CSS!