Bitcoin Forum
August 23, 2019, 10:28:12 AM *
News: Latest Bitcoin Core release: 0.18.0 [Torrent] (New!)
 
   Home   Help Search Login Register More  
Pages: « 1 ... 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587 588 589 590 591 592 593 594 595 596 597 598 599 600 601 602 603 604 605 606 607 608 609 610 611 612 613 614 615 616 617 618 619 620 621 622 623 624 625 [626] 627 628 629 630 631 632 633 634 »
  Print  
Author Topic: BITCOIN PUMP!  (Read 710912 times)
Paolo.Demidov
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 588
Merit: 269


View Profile
August 05, 2019, 06:06:39 AM
 #12501

Di tutti i focolai di tensione internazionale oggi è tornato in auge uno di quelli storicamente più importanti per le dinamiche di prezzo di btc: la svalutazione dello yuan che ha rotto all'improvviso ma non troppo la soglia dei 7 yuan per dollaro

Spingere questo dump per le autoritá cinesi significa contrastare i dazi americani ma con il rovescio della medaglia di incentivare le fughe di capitali e l'uso di bitcoin per tale scopo, attestato sul mercato otc almeno sin dal 2015. Sono dell' idea che tra i due mali preferiranno il primo anche se le dichiarazioni ufficiali andranno nell'altra direzione.

Alla faccia di chi dice che la Cina li ha bannati e non è più un fattore nel prezzo di bitcoin, la salita di 1000 dollari in poche ore ha la sua origine in gran parte in cosa è successo e sta succedendo da quelle parti.

La capitalizzazione di bitcoin è lo 0.7 percento dei depositi cinesi. Basta un utilizzo anche molto limitato in valore assoluto per incidere significativamente sul prezzo della criptovaluta.


Se dovessi estremizzare... io direi che la Cina, al momento, è l'unico fattore per Bitcoin... Grin

Ovviamente non è così... ma di certo le criptovalute non sono a trazione Europea.

...è difficile competere in quei sistemi dove ci sono più ladri che cose da rubare
1566556092
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1566556092

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1566556092
Reply with quote  #2

1566556092
Report to moderator
Advertised sites are not endorsed by the Bitcoin Forum. They may be unsafe, untrustworthy, or illegal in your jurisdiction. Advertise here.
1566556092
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1566556092

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1566556092
Reply with quote  #2

1566556092
Report to moderator
Paolo.Demidov
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 588
Merit: 269


View Profile
August 05, 2019, 06:16:50 AM
 #12502


Per la Svizzera il discorso è un po' a parte... chi compra franchi svizzeri attraverso quei titoli spera che 99 franchi futuri, abbiamo più potere d'acquisto di 100 attuali.

Qualcuno mi dirà... allora meglio tenersi 100 franchi di oggi senza comprare nulla, sì ma i franchi bisognerebbe averlo già... Smiley

Ho 100 monete e oggi ci compro titoli per 1 Franco Svizzero.
Fra 30 anni avrò 0,9 Franchi, ma ricambiandoli spero di avere 150 monete.


Rimane sempre il fatto che se con 100 monete oggi ci compro titoli per 1 Franco Svizzero, se vendo immediatamente il titolo ho già in tasca 1 Franco, non 0,9, quindi non avrebbe senso puntare ai 0,9 franchi tra 30 anni se già oggi posso averne 1 e conservarlo.

Il punto è  probabilmente proprio come conservare e proteggere il potere d'acquisto e più in generale come gestire la liquidità per un tempo medio-lungo, se ho dei soldi e nulla da comprare al momento, escludendo di conservarli nel materasso ho 2 possibilità:

1) investirli per attività proprie
2) investirli in attività altrui / lasciarli in gestione a qualcun altro

I titoli di Stato assolvono a questo compito. Quando c'era alta inflazione era scontato il ricorso ai titoli o alle azioni poichè il valore della liquidità evaporava rapidamente, ora in presenza di inflazione molto bassa anche dei rendimenti leggermente negativi possono avere un senso.

L'opzione apparentemente più ovvia oggi (gestire direttamente i propri soldi tramite la strategia "hodl", strategia che eliminerebbe il rischio di prestito non restituito, rischio altamente sottovalutato in questo momento) nel caso di fiat è molto meno praticabile di quanto non lo sia con bitcoin. Incassare euro in banconote fisiche non è certo pratico e lasciare euro sul conto corrente, specie somme superiori ai 100k euro, espone al rischio di perdere i propri soldi in caso di fallimento della banca.

Perché a vendere immediatamente un titolo si fa un Franco intero... ? chi non aspetta la scadenza potrebbe avere anche una penalizzazione più forte.


In regime di deflazione chi ha liquidità ha più potere...
...li potrebbe tenere anche nel materasso.
È il motivo per cui le banche centrali stanno attuando politiche per de-materassare la società... Grin

Se avete degli euro che non vi è comodo tenere su un conto corrente, io li prendo... Grin

È il mestiere del presente, il parcheggiatore di liquidità... Grin
venga dottò, venga...   Cool

...è difficile competere in quei sistemi dove ci sono più ladri che cose da rubare
Plutosky
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 630
Merit: 450


View Profile
August 05, 2019, 07:33:06 AM
 #12503


Per la Svizzera il discorso è un po' a parte... chi compra franchi svizzeri attraverso quei titoli spera che 99 franchi futuri, abbiamo più potere d'acquisto di 100 attuali.

Qualcuno mi dirà... allora meglio tenersi 100 franchi di oggi senza comprare nulla, sì ma i franchi bisognerebbe averlo già... Smiley

Ho 100 monete e oggi ci compro titoli per 1 Franco Svizzero.
Fra 30 anni avrò 0,9 Franchi, ma ricambiandoli spero di avere 150 monete.


Rimane sempre il fatto che se con 100 monete oggi ci compro titoli per 1 Franco Svizzero, se vendo immediatamente il titolo ho già in tasca 1 Franco, non 0,9, quindi non avrebbe senso puntare ai 0,9 franchi tra 30 anni se già oggi posso averne 1 e conservarlo.

Il punto è  probabilmente proprio come conservare e proteggere il potere d'acquisto e più in generale come gestire la liquidità per un tempo medio-lungo, se ho dei soldi e nulla da comprare al momento, escludendo di conservarli nel materasso ho 2 possibilità:

1) investirli per attività proprie
2) investirli in attività altrui / lasciarli in gestione a qualcun altro

I titoli di Stato assolvono a questo compito. Quando c'era alta inflazione era scontato il ricorso ai titoli o alle azioni poichè il valore della liquidità evaporava rapidamente, ora in presenza di inflazione molto bassa anche dei rendimenti leggermente negativi possono avere un senso.

L'opzione apparentemente più ovvia oggi (gestire direttamente i propri soldi tramite la strategia "hodl", strategia che eliminerebbe il rischio di prestito non restituito, rischio altamente sottovalutato in questo momento) nel caso di fiat è molto meno praticabile di quanto non lo sia con bitcoin.  Incassare euro in banconote fisiche non è certo pratico e lasciare euro sul conto corrente, specie somme superiori ai 100k euro, espone al rischio di perdere i propri soldi in caso di fallimento della banca.

I rendimenti negativi non hanno mai un senso nemmeno in situazione di bassa inflazione. A meno che chi compra un titolo non lo faccia con lo scopo di rivenderlo prima della scadenza ad un prezzo maggiore a qualcun altro. In modo da compensare il rendimento negativo. Che è quello che sta succedendo.

Non tenete in euro più soldi di quelli che siete disposti a perdere.
www.bitcoinedintorni.org
icedevil
Member
**
Offline Offline

Activity: 228
Merit: 10


View Profile
August 05, 2019, 08:52:23 AM
 #12504

mi stavo rileggendo i post di pagina 1 ...  Grin
Neo_Coin
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 728
Merit: 176


"Be Your Own Bank"


View Profile
August 05, 2019, 09:15:58 AM
 #12505

Salita del 6% in relazione ai problemi con la Cina, e lo S&P cala del 10%:   Shocked Shocked

https://finance.yahoo.com/news/bitcoin-price-dollar-pound-exchange-rate-us-china-trade-war-tariffs-tensions-080908220.html

https://www.forbes.com/sites/naeemaslam/2019/08/05/bitcoin-to-break-this-years-high-sp-500-may-drop-by-10/#766111b41f62

- "Le decisioni giuste vengono dall'esperienza. L'esperienza viene dalle decisioni sbagliate".
icio
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 559
Merit: 273


View Profile
August 05, 2019, 10:29:14 AM
 #12506

14.202 dollari in chiusura giornaliera adesso serve

il discorso sul Franco è complesso, economia legata ad una parte importante Europea ma anche ad il resto del mondo, Usa in testa, conti
in ordine, franco visto spesso come bene rifugio..le logiche fanno si, che i tassi in svizzera siano negativi più per difesa che per situazione macroeconomica

la politica monetaria dimostra in continuazione ormai da un bel po di anni i suoi limiti, servirebbe un lavoro di squadra tra politica monetaria e politica governi, ma gli ultimi ahimè in molti stati ...diciamo è così così..mi vien da ridere..ma sarebbe da piangere.

qui si verifica chiaramente quanto il ruolo "uomo" sia un bel limite, strumenti diversi sono da valutare sicuramente, ma quelli attuali prima o poi fanno il botto.

Botti ne abbiamo gia visti un po, Lehmann, Grecia..qui aggiungerei che il suo salvataggio sia servito piú al sistema bancario tedesco e francese, che avrebbe probabilmente avuto ripercussioni peggiori che "scaricare" tutto sulla Grecia.

certo l'Italia preoccupa un pochino di piu, visti i numeri, ma così avanti tanto non credo si andrà.
Aggiungiamo il Qe e i debiti mostruosi lasciati ai giovani e quelli che devono ancora venire al mondo...boh, direi che qualcosina si debba fare


Beh... a livello azionariato mondiale, nella top10 ci sono 9 aziende USA e UNA Svizzera, Nestlé che da sola vale un po' più di tutta la borsa italiana messa insieme... Wink

Il Franco moneta molto forte non favorisce le esportazioni, ma di certo non tutta la produttività Svizzera è in Svizzera...

C'è inoltre, in Svizzera, una qualità media molto alta, in tutto, proprio come standard di vita.

Non è un mondo perfetto, ma come sistema nel complesso, è una macchina molto efficiente, sicuramente molto più dell'Italia.

Non vi è dubbio alcuno su ciò che affermi, pensa solo che l'iva massima dall'8 è passata al 7,7 al 01/01...questo vuol dire aumentare il potere di acquisto
Ho fatto un incontro all'agenzia delle entrate a Bellinzona qualche settimana fa..evito di spiegare oltre, io volevo pagare, loro non volevano i soldi Cheesy Cheesy
icio
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 559
Merit: 273


View Profile
August 05, 2019, 10:37:31 AM
 #12507

Di tutti i focolai di tensione internazionale oggi è tornato in auge uno di quelli storicamente più importanti per le dinamiche di prezzo di btc: la svalutazione dello yuan che ha rotto all'improvviso ma non troppo la soglia dei 7 yuan per dollaro

Spingere questo dump per le autoritá cinesi significa contrastare i dazi americani ma con il rovescio della medaglia di incentivare le fughe di capitali e l'uso di bitcoin per tale scopo, attestato sul mercato otc almeno sin dal 2015. Sono dell' idea che tra i due mali preferiranno il primo anche se le dichiarazioni ufficiali andranno nell'altra direzione.

Alla faccia di chi dice che la Cina li ha bannati e non è più un fattore nel prezzo di bitcoin, la salita di 1000 dollari in poche ore ha la sua origine in gran parte in cosa è successo e sta succedendo da quelle parti.

La capitalizzazione di bitcoin è lo 0.7 percento dei depositi cinesi. Basta un utilizzo anche molto limitato in valore assoluto per incidere significativamente sul prezzo della criptovaluta.


Se dovessi estremizzare... io direi che la Cina, al momento, è l'unico fattore per Bitcoin... Grin

Ovviamente non è così... ma di certo le criptovalute non sono a trazione Europea.

Non sarei così sicuro...è un'azzardo chiaramente, ma interpreta questo passaggio
La regolamentazione è un passo inevitabile nel processo di maturazione del mercato, ed è un passo significativo verso un'adozione molto più ampia.
https://it.cointelegraph.com/news/fatf-regulations-is-it-the-end-of-crypto-anonymity
Paolo.Demidov
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 588
Merit: 269


View Profile
August 05, 2019, 12:32:08 PM
 #12508


Per la Svizzera il discorso è un po' a parte... chi compra franchi svizzeri attraverso quei titoli spera che 99 franchi futuri, abbiamo più potere d'acquisto di 100 attuali.

Qualcuno mi dirà... allora meglio tenersi 100 franchi di oggi senza comprare nulla, sì ma i franchi bisognerebbe averlo già... Smiley

Ho 100 monete e oggi ci compro titoli per 1 Franco Svizzero.
Fra 30 anni avrò 0,9 Franchi, ma ricambiandoli spero di avere 150 monete.


Rimane sempre il fatto che se con 100 monete oggi ci compro titoli per 1 Franco Svizzero, se vendo immediatamente il titolo ho già in tasca 1 Franco, non 0,9, quindi non avrebbe senso puntare ai 0,9 franchi tra 30 anni se già oggi posso averne 1 e conservarlo.

Il punto è  probabilmente proprio come conservare e proteggere il potere d'acquisto e più in generale come gestire la liquidità per un tempo medio-lungo, se ho dei soldi e nulla da comprare al momento, escludendo di conservarli nel materasso ho 2 possibilità:

1) investirli per attività proprie
2) investirli in attività altrui / lasciarli in gestione a qualcun altro

I titoli di Stato assolvono a questo compito. Quando c'era alta inflazione era scontato il ricorso ai titoli o alle azioni poichè il valore della liquidità evaporava rapidamente, ora in presenza di inflazione molto bassa anche dei rendimenti leggermente negativi possono avere un senso.

L'opzione apparentemente più ovvia oggi (gestire direttamente i propri soldi tramite la strategia "hodl", strategia che eliminerebbe il rischio di prestito non restituito, rischio altamente sottovalutato in questo momento) nel caso di fiat è molto meno praticabile di quanto non lo sia con bitcoin.  Incassare euro in banconote fisiche non è certo pratico e lasciare euro sul conto corrente, specie somme superiori ai 100k euro, espone al rischio di perdere i propri soldi in caso di fallimento della banca.

I rendimenti negativi non hanno mai un senso nemmeno in situazione di bassa inflazione. A meno che chi compra un titolo non lo faccia con lo scopo di rivenderlo prima della scadenza ad un prezzo maggiore a qualcun altro. In modo da compensare il rendimento negativo. Che è quello che sta succedendo.

Ma non siamo stati in bassa inflazione, siamo stati in deflazione...

In ogni caso, almeno per i BTp italiani, lo scopo è proprio tenerli fino a scadenza, almeno tutti quelli che finiscono in fondi istituzionali come i fondi pensione e gestioni separate.

Per il vantaggio che secondo le regole e norme contabili, i titoli sono conteggiati al prezzo storico di acquisto e non subiscono le variazioni dell'oscillazione del mercato.
Si fissa il prezzo e si incassa la cedola... l'eventuale perdita si evidenzia proprio se si vende il titolo prima della scadenza.
Estremamente sconveniente.

L'ultima emissione dei BTp a 50 anni, andava in questa direzione.
Così come altri titoli di altri paesi che superano che queste durate.

...è difficile competere in quei sistemi dove ci sono più ladri che cose da rubare
Paolo.Demidov
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 588
Merit: 269


View Profile
August 05, 2019, 12:43:25 PM
 #12509

Di tutti i focolai di tensione internazionale oggi è tornato in auge uno di quelli storicamente più importanti per le dinamiche di prezzo di btc: la svalutazione dello yuan che ha rotto all'improvviso ma non troppo la soglia dei 7 yuan per dollaro

Spingere questo dump per le autoritá cinesi significa contrastare i dazi americani ma con il rovescio della medaglia di incentivare le fughe di capitali e l'uso di bitcoin per tale scopo, attestato sul mercato otc almeno sin dal 2015. Sono dell' idea che tra i due mali preferiranno il primo anche se le dichiarazioni ufficiali andranno nell'altra direzione.

Alla faccia di chi dice che la Cina li ha bannati e non è più un fattore nel prezzo di bitcoin, la salita di 1000 dollari in poche ore ha la sua origine in gran parte in cosa è successo e sta succedendo da quelle parti.

La capitalizzazione di bitcoin è lo 0.7 percento dei depositi cinesi. Basta un utilizzo anche molto limitato in valore assoluto per incidere significativamente sul prezzo della criptovaluta.


Se dovessi estremizzare... io direi che la Cina, al momento, è l'unico fattore per Bitcoin... Grin

Ovviamente non è così... ma di certo le criptovalute non sono a trazione Europea.

Non sarei così sicuro...è un'azzardo chiaramente, ma interpreta questo passaggio
La regolamentazione è un passo inevitabile nel processo di maturazione del mercato, ed è un passo significativo verso un'adozione molto più ampia.
https://it.cointelegraph.com/news/fatf-regulations-is-it-the-end-of-crypto-anonymity

Mah... c'è una regione della Cina che detiene tutti i primati dell'attività di mining... che ha assunto dimensione colossali per varie ragioni.

Sono numericamente tanti... se tutti i cinesi fanno "pio !" tutti insieme si sposta l'asse terrestre... Grin

Non hanno sicuramente la visione occidentale del risparmio.

Hanno anche in mano tutte le tecnologie, per hardware e software... in Italia, come altre nazioni, ci fosse da produrre uno smartphone, mancherebbe tutto, figuriamoci altre tecnologie più rilevanti, più impegnative.

...è difficile competere in quei sistemi dove ci sono più ladri che cose da rubare
fillippone
Sr. Member
****
Online Online

Activity: 434
Merit: 963


Hero Member Wannabe


View Profile
August 05, 2019, 12:46:53 PM
 #12510

Di tutti i focolai di tensione internazionale oggi è tornato in auge uno di quelli storicamente più importanti per le dinamiche di prezzo di btc: la svalutazione dello yuan che ha rotto all'improvviso ma non troppo la soglia dei 7 yuan per dollaro

Spingere questo dump per le autoritá cinesi significa contrastare i dazi americani ma con il rovescio della medaglia di incentivare le fughe di capitali e l'uso di bitcoin per tale scopo, attestato sul mercato otc almeno sin dal 2015. Sono dell' idea che tra i due mali preferiranno il primo anche se le dichiarazioni ufficiali andranno nell'altra direzione.

Alla faccia di chi dice che la Cina li ha bannati e non è più un fattore nel prezzo di bitcoin, la salita di 1000 dollari in poche ore ha la sua origine in gran parte in cosa è successo e sta succedendo da quelle parti.

La capitalizzazione di bitcoin è lo 0.7 percento dei depositi cinesi. Basta un utilizzo anche molto limitato in valore assoluto per incidere significativamente sul prezzo della criptovaluta.


Se dovessi estremizzare... io direi che la Cina, al momento, è l'unico fattore per Bitcoin... Grin

Ovviamente non è così... ma di certo le criptovalute non sono a trazione Europea.

Non sarei così sicuro...è un'azzardo chiaramente, ma interpreta questo passaggio
La regolamentazione è un passo inevitabile nel processo di maturazione del mercato, ed è un passo significativo verso un'adozione molto più ampia.
https://it.cointelegraph.com/news/fatf-regulations-is-it-the-end-of-crypto-anonymity

Mah... c'è una regione della Cina che detiene tutti i primati dell'attività di mining... che ha assunto dimensione colossali per varie ragioni.

Sono numericamente tanti... se tutti i cinesi fanno "pio !" tutti insieme si sposta l'asse terrestre... Grin

Non hanno sicuramente la visione occidentale del risparmio.

Hanno anche in mano tutte le tecnologie, per hardware e software... in Italia, come altre nazioni, ci fosse da produrre uno smartphone, mancherebbe tutto, figuriamoci altre tecnologie più rilevanti, più impegnative.
è un problema pure per gli USA produrre negli USA (vedi dazi) , figuriamoci per l'Italia.

Paolo.Demidov
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 588
Merit: 269


View Profile
August 05, 2019, 08:13:56 PM
 #12511

Di tutti i focolai di tensione internazionale oggi è tornato in auge uno di quelli storicamente più importanti per le dinamiche di prezzo di btc: la svalutazione dello yuan che ha rotto all'improvviso ma non troppo la soglia dei 7 yuan per dollaro

Spingere questo dump per le autoritá cinesi significa contrastare i dazi americani ma con il rovescio della medaglia di incentivare le fughe di capitali e l'uso di bitcoin per tale scopo, attestato sul mercato otc almeno sin dal 2015. Sono dell' idea che tra i due mali preferiranno il primo anche se le dichiarazioni ufficiali andranno nell'altra direzione.

Alla faccia di chi dice che la Cina li ha bannati e non è più un fattore nel prezzo di bitcoin, la salita di 1000 dollari in poche ore ha la sua origine in gran parte in cosa è successo e sta succedendo da quelle parti.

La capitalizzazione di bitcoin è lo 0.7 percento dei depositi cinesi. Basta un utilizzo anche molto limitato in valore assoluto per incidere significativamente sul prezzo della criptovaluta.


Se dovessi estremizzare... io direi che la Cina, al momento, è l'unico fattore per Bitcoin... Grin

Ovviamente non è così... ma di certo le criptovalute non sono a trazione Europea.

Non sarei così sicuro...è un'azzardo chiaramente, ma interpreta questo passaggio
La regolamentazione è un passo inevitabile nel processo di maturazione del mercato, ed è un passo significativo verso un'adozione molto più ampia.
https://it.cointelegraph.com/news/fatf-regulations-is-it-the-end-of-crypto-anonymity

Mah... c'è una regione della Cina che detiene tutti i primati dell'attività di mining... che ha assunto dimensione colossali per varie ragioni.

Sono numericamente tanti... se tutti i cinesi fanno "pio !" tutti insieme si sposta l'asse terrestre... Grin

Non hanno sicuramente la visione occidentale del risparmio.

Hanno anche in mano tutte le tecnologie, per hardware e software... in Italia, come altre nazioni, ci fosse da produrre uno smartphone, mancherebbe tutto, figuriamoci altre tecnologie più rilevanti, più impegnative.
è un problema pure per gli USA produrre negli USA (vedi dazi) , figuriamoci per l'Italia.

Per questioni geo-politiche, chissà cosa succederebbe se gli USA per produrre smartphone ed altre cose... scegliessero di dare un po' di miliardi di dollari a qualche paese...
il Bangladesh ?

https://en.m.wikipedia.org/wiki/Bangladesh%E2%80%93United_States_relations

Senza strappi perché la Cina un po' di titoli USA li comprano... Grin

Chissà poi cosa accadrà se si svilupperà finalmente l'Africa che nonostante tutto è ancora un grande campo di guerra.

...è difficile competere in quei sistemi dove ci sono più ladri che cose da rubare
Paolo.Demidov
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 588
Merit: 269


View Profile
August 05, 2019, 08:32:55 PM
 #12512

I mercati finanziari si sono smossi, le quotazioni dell'oro sono ai massimi dal 2013, anche se non ai massimi storici, ben più alti, del 2011.

Wall Street ha avuto un calo, in questa tabella i cali maggiori al 5% ed i giorni necessari
Nell'ultima colonna i valori dell'indice VIX, detto anche l'indice della paura, realizzato a partire dai rilievi di ricorso all'uso di opzioni come copertura dei portafogli azionari.

Più il valore è alto e più è alta la paura di ulteriori cali,
viceversa più l'indice e basso e più tranquillità si prospetta.

Si può fare trading anche sull'indice VIX.




"Comprare" quote di ETN che seguono l'indice VIX
può essere usato come elemento nei copertura momentaneo.
Seguito anche per avere un po' il polso dei mercati...
...si è rivelato uno strumento a doppio taglio, perché ha dei picchi al rialzo o al ribasso, molto forti...

Ci sono dei fondi che hanno azzerato la propria liquidità prendendo posizione al momento sbagliato... Grin
( https://www.ilsole24ore.com/art/volatilita-grande-scommessa-ribasso-che-ha-bruciato-ali-fondi-AE3uxCwD )

Sui mercati finanziari tradizionali, si nota l'azione dei bot che creano non pochi flash al rialzo o al ribasso.

Alla fine, sul lungo termine, vince chi si muove meno
Notare come negli ultimi 10 anni lo S&P500 abbia triplicato i punti Smiley

...è difficile competere in quei sistemi dove ci sono più ladri che cose da rubare
Plutosky
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 630
Merit: 450


View Profile
August 06, 2019, 07:30:12 AM
 #12513

Sondaggio tra i lettori del thread.

Ultimamente io, ma anche altri, abbiamo inserito in questo thread molte news e opinioni riguardanti fatti economici generali.

Secondo me queste news sono tutt'altro che OT perchè fatti come  l'esplosiva bolla speculativa dei mercati azionari, i banchieri sottomessi ai politici, la moneta fiat sempre più easy o la  follia di un mondo dove per la prima volta nella storia indebitarsi produce reddito, sono eventi che dovrebbero motivare la conoscenza e l'acquisto di bitcoin molto più dell'halving o del numero di transazioni.

Siete della stessa opinione? O pensate che queste discussioni dovrebbero trovare un posto a parte?

Non tenete in euro più soldi di quelli che siete disposti a perdere.
www.bitcoinedintorni.org
Micio
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1048
Merit: 1250


Micio.io


View Profile WWW
August 06, 2019, 09:13:40 AM
Merited by fillippone (1)
 #12514

Il thread è specifico per questa tipologia di discussioni. News, analisi e opinioni riguardo l'andamento del mercato sono l'oggetto della discussione.

fillippone
Sr. Member
****
Online Online

Activity: 434
Merit: 963


Hero Member Wannabe


View Profile
August 06, 2019, 09:39:07 AM
Merited by duesoldi (1)
 #12515

Sondaggio tra i lettori del thread.

Ultimamente io, ma anche altri, abbiamo inserito in questo thread molte news e opinioni riguardanti fatti economici generali.

Secondo me queste news sono tutt'altro che OT perchè fatti come  l'esplosiva bolla speculativa dei mercati azionari, i banchieri sottomessi ai politici, la moneta fiat sempre più easy o la  follia di un mondo dove per la prima volta nella storia indebitarsi produce reddito, sono eventi che dovrebbero motivare la conoscenza e l'acquisto di bitcoin molto più dell'halving o del numero di transazioni.

Siete della stessa opinione? O pensate che queste discussioni dovrebbero trovare un posto a parte?

Essendo Bitcoin un argomento "trasversale", che attraversa quindi diversi campi del sapere umano (crittografia, teoria della moneta, calcolo distribuito, teoria dei giochi) ed uno shift di paradigma, dalla moneta statale alla sovranità finanziaria individuale, trovo davvero difficile trovare degli argomenti che NON c'entrino con Bitcoin.

Certe volte il thread diventa un pò dispersivo, ma è il MST (mega spam thread) della sezione italiana, va bene così.
Se non mi interessa salto, magari interessa a qualcun altro, la sezione italiana già è abbastanza asfittica così: se dovessimo censurare (come poi? a criterio di chi? quali argomenti?) non faremmo altro che peggiorare le cose.
Al limite se ho qualcosa di brillante da comunicare apro un nuovo thread (tipo il thread su Libra).






babo
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1876
Merit: 1208


View Profile WWW
August 06, 2019, 09:40:33 AM
Merited by fillippone (1)
 #12516


Alla fine, sul lungo termine, vince chi si muove meno
Notare come negli ultimi 10 anni lo S&P500 abbia triplicato i punti Smiley

quindi, chi holda? Tongue

e' una provocazione, ma seria
Neo_Coin
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 728
Merit: 176


"Be Your Own Bank"


View Profile
August 06, 2019, 11:04:39 AM
 #12517

Sondaggio tra i lettori del thread.

Ultimamente io, ma anche altri, abbiamo inserito in questo thread molte news e opinioni riguardanti fatti economici generali.

Secondo me queste news sono tutt'altro che OT perchè fatti come  l'esplosiva bolla speculativa dei mercati azionari, i banchieri sottomessi ai politici, la moneta fiat sempre più easy o la  follia di un mondo dove per la prima volta nella storia indebitarsi produce reddito, sono eventi che dovrebbero motivare la conoscenza e l'acquisto di bitcoin molto più dell'halving o del numero di transazioni.

Siete della stessa opinione? O pensate che queste discussioni dovrebbero trovare un posto a parte?

Assolutamente d'accordo, per me la circolazione delle notizie è il pane per il mercato e la diffusione dei Bitcoin.

Anche quelle che sembrano solo apparentemente OT, ma comunque di economia e finanza, più ne circolano più aumenta l'interesse delle discussioni e anche la partecipazione al gruppo italiano che, unico fra gli altri un po' generalista e non troppo tecnico e settoriale, se no rischia di essere troppo asfittico e limitato.

E' chiaro che bisogna stare attenti a non cadere nell'eccesso opposto di certi gruppi Telegram che sono davvero poco seri e infrequentabili, però più si favorisce la circolazione delle notizie utili a capire l'evolversi della situazione del settore, anche con i link originali per correttezza e rapidità, più si aumenta l'interesse e la diffusione del gruppo. Molte volte servono in tal senso anche le immagini che valgono più di 1.000 parole o le battute dei meme, perchè no, basta non cadere negli eccessi di cui sopra e nei ban indiscriminati e generalizzati.



- "Le decisioni giuste vengono dall'esperienza. L'esperienza viene dalle decisioni sbagliate".
jack0m
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1904
Merit: 1084


View Profile
August 06, 2019, 11:40:52 AM
 #12518

Sono d'accordo sul fatto di non porre limiti a priori, dato che ormai il bitcoin si intreccia con vicende di carattere macroeconomico e geopolitico, per esempio come questa:

https://cryptonomist.ch/2019/08/05/corea-del-nord-crypto-hack/
https://www.reuters.com/article/us-northkorea-cyber-un/north-korea-took-2-billion-in-cyberattacks-to-fund-weapons-program-u-n-report-idUSKCN1UV1ZX

Non che sia una novità, se ne parla da anni. Ma le cifre cominciano ad assumere proporzioni rilevanti.

Money is a hoax. Debt is slavery. Consumerism is toxic.
duesoldi
Hero Member
*****
Offline Offline

Activity: 854
Merit: 554


View Profile
August 06, 2019, 11:55:44 AM
 #12519

Sondaggio tra i lettori del thread.

Ultimamente io, ma anche altri, abbiamo inserito in questo thread molte news e opinioni riguardanti fatti economici generali.

Secondo me queste news sono tutt'altro che OT perchè fatti come  l'esplosiva bolla speculativa dei mercati azionari, i banchieri sottomessi ai politici, la moneta fiat sempre più easy o la  follia di un mondo dove per la prima volta nella storia indebitarsi produce reddito, sono eventi che dovrebbero motivare la conoscenza e l'acquisto di bitcoin molto più dell'halving o del numero di transazioni.

Siete della stessa opinione? O pensate che queste discussioni dovrebbero trovare un posto a parte?

Sono d'accordo anch'io nel tenerlo così com'è, aperto a "un po' tutto" ciò che può riguardare il mondo cripto.
Mi piace la definizione di Fillippone:
Quote
MST (mega spam thread) della sezione italiana
     Grin

E' anche diventato il thread nel quale si parla un po' del più e del meno, quasi da sezione "bar". Così se uno in quel momento non dovesse avere tempo da perdere, viene anche facile saltarne la lettura.


fillippone
Sr. Member
****
Online Online

Activity: 434
Merit: 963


Hero Member Wannabe


View Profile
August 06, 2019, 12:46:22 PM
Merited by Plutosky (4), babo (1)
 #12520


I rendimenti negativi non hanno mai un senso nemmeno in situazione di bassa inflazione. A meno che chi compra un titolo non lo faccia con lo scopo di rivenderlo prima della scadenza ad un prezzo maggiore a qualcun altro. In modo da compensare il rendimento negativo. Che è quello che sta succedendo.

Eccoti servito: totale del nominale dei titoli con rendimento dei titoli? 15 TRLN di USD.



Pages: « 1 ... 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587 588 589 590 591 592 593 594 595 596 597 598 599 600 601 602 603 604 605 606 607 608 609 610 611 612 613 614 615 616 617 618 619 620 621 622 623 624 625 [626] 627 628 629 630 631 632 633 634 »
  Print  
 
Jump to:  

Sponsored by , a Bitcoin-accepting VPN.
Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines Valid XHTML 1.0! Valid CSS!