Bitcoin Forum
January 26, 2022, 06:10:33 AM *
News: Latest Bitcoin Core release: 22.0 [Torrent]
 
   Home   Help Search Login Register More  
Pages: « 1 ... 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 [188] 189 190 191 192 193 194 195 196 197 »
  Print  
Author Topic: Fisco / Tasse / Legge sul Bitcoin  (Read 239345 times)
Plutosky
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1498
Merit: 2427


View Profile
October 18, 2021, 04:39:04 PM
 #3741

Hai voglia a dire "non ho problemi a farlo sapere all'AdE"... ogni ente statale non è qualcosa di astratto, ma è fatto da persone in carne e ossa che ci lavorano. Quanto pensate che ci metta la criminalità organizzata a trovare qualche dipendente pubblico infedele e farsi passare l'elenco dei contribuenti in possesso di > tot crypto? Come si fa a paragonare la ricchezza detenuta in bitcoin con quanto depositato sul conto corrente? Dopo 13 anni c'è ancora bisogno di ricordare che una transazione bitcoin è irreversibile, e se viene estorta sotto minaccia i bitcoin sono persi per sempre? Se invece avete un milione sul conto, è difficile che qualcuno vi punti una pistola alla tempia per farsi fare un bonifico, perché un bonifico è una transazione tracciabile che può anche essere revocata, e lascia comunque una pista per svolgere indagini e risalire ai colpevoli.

Quote
Questo è un argomento di cui abbiamo già parlato altre volte qui sul forum e sul punto sono totalmente d'accordo.
Il furto di questo tipo di dati viene sempre immaginato come un evento improbabile, un'ipotesi remota, perché "figuriamoci se non hanno preso forti misure di sicurezza per impedire accessi indesiderati".
Ma non dimentichiamoci che questi furti sono all'ordine del giorno, anche per le agenzie di riscossione.
Nel 2016 c'era stato questo ai danni di IRS:

https://www.cbsnews.com/news/irs-identity-theft-online-hackers-social-security-number-get-transcript/

e se è successo a loro dove la cultura della sicurezza è più diffusa, figuriamoci se non può capitare da noi!
Ecco, una volta accaduto sappiamo che queste liste vengono vendute su internet anche per pochi soldi..... a quel punto si sarebbe in una situazione di REALE pericolo.

Il rischio di attenzionare criminali è legato a qualsiasi forma di ricchezza, non solo quella personale di bitcoin.
Nel mondo fiat da che mondo è mondo i riscatti per sequestri di persona sono stati pagati tanti volte e con banconote fruscianti proprio per garantire l'irreversibilità della transazione.

Ma la soluzione a questo rischio non può essere vivo nell'ombra in eterno. La privacy deve essere una mia libera scelta non un obbligo autoimposto per evitare azioni criminali contro la mia persona. Bitcoin è moneta al portatore, questo rischio ci sarà sempre, AdE o non AdE. Ci sarà anche se depositate btc presso intermediari perchè una volta che avete dato istruzioni di pagare qualcuno sotto minaccia quei btc saranno andati per sempre lo stesso.

A me fa incazzare un altro rischio, ben peggiore di quello della sicurezza, quello di trasformare la migliore forma di moneta mai inventata in una moneta zoppa che può essere solo conservata perchè qualsiasi altro uso è rischioso. Io non ho intenzione di vendere, ma voglio essere libero di poterlo fare, anche domattina se mi va e soprattutto voglio essere libero di spendere. Di usare btc per comprare una casa, una macchina, una villa al mare o per aprire un'attività commerciale o imprenditoriale. Sono disposto a fare anche concessioni all'AdE per avere questa libertà fondamentale.

Non ho nessuna fretta, posso aspettare l'hyperbitcoinization, ma voglio che questa resti una scelta e non un'autoimposizione.

Il problema della sicurezza non si risolve vivendo come carbonari, si risolve prendendo forme di protezione e di difesa, come fanno i "ricchi" (date a questo termine la connotazione che preferite) da che mondo è mondo.

E come probabilmente fanno i vari Roger Ver, gemelli Winklevoss, Brian Armstrong, Changpeng Zhao, Justin Sun....e tutti i vari possessori conosciuti di tonnellate di cripto che nonostante questo non mi sembra vivano h24 trincerati in qualche bunker sotterraneo.

Il rischio esiste, è il modo di risolverlo che non mi trova d'accordo.

Per essere un milionario bitcoin basta possedere un centesimo di bitcoin. Few....
1643177433
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1643177433

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1643177433
Reply with quote  #2

1643177433
Report to moderator
Advertised sites are not endorsed by the Bitcoin Forum. They may be unsafe, untrustworthy, or illegal in your jurisdiction. Advertise here.
1643177433
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1643177433

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1643177433
Reply with quote  #2

1643177433
Report to moderator
Willer21
Newbie
*
Offline Offline

Activity: 16
Merit: 35


View Profile
October 18, 2021, 05:40:13 PM
 #3742

A me fa incazzare un altro rischio, ben peggiore di quello della sicurezza, quello di trasformare la migliore forma di moneta mai inventata in una moneta zoppa che può essere solo conservata perchè qualsiasi altro uso è rischioso. Io non ho intenzione di vendere, ma voglio essere libero di poterlo fare, anche domattina se mi va e soprattutto voglio essere libero di spendere. Di usare btc per comprare una casa, una macchina, una villa al mare o per aprire un'attività commerciale o imprenditoriale. Sono disposto a fare anche concessioni all'AdE per avere questa libertà fondamentale.

.....

Il rischio esiste, è il modo di risolverlo che non mi trova d'accordo.

Esattamente il tipo di considerazioni che mi hanno portato all'interpello; le preoccupazioni espresse, in ambito sicurezza e tassazione, sono assolutamente condivisibili ma non tanto (per me) da crearsi ulteriori casini.

  • I data leaks esistono da sempre (per dirne una, i miei dati personali sono bellamente entrati sul mercato nero con il leak Ledger; ... si sà chi ha comprato dei Ledgers nano e dove vive...)
  • Dichiarare RW non ti impone di pagare nulla, se domani mi uscissero zilioni di euro, me ne vado tranquillamente altrove e amen; tra l'altro, restando legale anche in Italia
  • Nella più normale eventualità di ricavarci un buon gain, ma non tale da farti decollare in elicottero dal tetto di casa, voglio poterli usare come voglio e non spenderli in avvocati tributaristi
  • Mi preoccupa molto di più la sicurezza digitale di quella fisica, almeno finchè parliamo di perdere i coins e non la vita; Sarà deformazione professionale, sicuro, ma spendo più tempo e soldi sull'evitare che qualcuno se li freghi (il cold wallet di acciaio sepolto in giardino è un conto, un wallet staking online H24 è molto diverso) che a combattere l'AdE  Grin.

Giustissimo essere riservati, ci mancherebbe; okkio solo a non mettersi in situazioni da cui non potete uscire. E' ovvio, assolutamente ovvio, che 100M di euro in Pippocoin ti permettono di pagarti la miglior strategia possibile per rientrare dove/come/quando vuoi...semplicemente l'interpello mi ha permesso di rientrare anche cifre più (molto più) modeste (se e quando volessi, cosa che oggi non voglio assolutamente). Sicuramente, l'interpello ha senso se il need è trovare un compromesso pacifico con l'AdE, non andarci in guerra!

Questo thread è molto utile per dare approcci e spunti diversi per affrontare un tema complesso; poi ognuno deve ragionare sui propri costi/benefici e scegliere di conseguenza.
jack0m
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 2786
Merit: 1550


View Profile
October 18, 2021, 08:32:05 PM
Last edit: October 18, 2021, 11:30:19 PM by jack0m
Merited by Dernoste (1)
 #3743

Hai voglia a dire "non ho problemi a farlo sapere all'AdE"... ogni ente statale non è qualcosa di astratto, ma è fatto da persone in carne e ossa che ci lavorano. Quanto pensate che ci metta la criminalità organizzata a trovare qualche dipendente pubblico infedele e farsi passare l'elenco dei contribuenti in possesso di > tot crypto? Come si fa a paragonare la ricchezza detenuta in bitcoin con quanto depositato sul conto corrente? Dopo 13 anni c'è ancora bisogno di ricordare che una transazione bitcoin è irreversibile, e se viene estorta sotto minaccia i bitcoin sono persi per sempre? Se invece avete un milione sul conto, è difficile che qualcuno vi punti una pistola alla tempia per farsi fare un bonifico, perché un bonifico è una transazione tracciabile che può anche essere revocata, e lascia comunque una pista per svolgere indagini e risalire ai colpevoli.

Quote
Questo è un argomento di cui abbiamo già parlato altre volte qui sul forum e sul punto sono totalmente d'accordo.
Il furto di questo tipo di dati viene sempre immaginato come un evento improbabile, un'ipotesi remota, perché "figuriamoci se non hanno preso forti misure di sicurezza per impedire accessi indesiderati".
Ma non dimentichiamoci che questi furti sono all'ordine del giorno, anche per le agenzie di riscossione.
Nel 2016 c'era stato questo ai danni di IRS:

https://www.cbsnews.com/news/irs-identity-theft-online-hackers-social-security-number-get-transcript/

e se è successo a loro dove la cultura della sicurezza è più diffusa, figuriamoci se non può capitare da noi!
Ecco, una volta accaduto sappiamo che queste liste vengono vendute su internet anche per pochi soldi..... a quel punto si sarebbe in una situazione di REALE pericolo.

Il rischio di attenzionare criminali è legato a qualsiasi forma di ricchezza, non solo quella personale di bitcoin.
Nel mondo fiat da che mondo è mondo i riscatti per sequestri di persona sono stati pagati tanti volte e con banconote fruscianti proprio per garantire l'irreversibilità della transazione.

Ma la soluzione a questo rischio non può essere vivo nell'ombra in eterno. La privacy deve essere una mia libera scelta non un obbligo autoimposto per evitare azioni criminali contro la mia persona. Bitcoin è moneta al portatore, questo rischio ci sarà sempre, AdE o non AdE. Ci sarà anche se depositate btc presso intermediari perchè una volta che avete dato istruzioni di pagare qualcuno sotto minaccia quei btc saranno andati per sempre lo stesso.

Il problema della sicurezza non si risolve vivendo come carbonari, si risolve prendendo forme di protezione e di difesa, come fanno i "ricchi" (date a questo termine la connotazione che preferite) da che mondo è mondo.

E come probabilmente fanno i vari Roger Ver, gemelli Winklevoss, Brian Armstrong, Changpeng Zhao, Justin Sun....e tutti i vari possessori conosciuti di tonnellate di cripto che nonostante questo non mi sembra vivano h24 trincerati in qualche bunker sotterraneo.

Il rischio esiste, è il modo di risolverlo che non mi trova d'accordo.

Nel mondo fiat un furto milionario non tracciabile richiede un effort ben maggiore, escludendo l'eventualità piuttosto improbabile che la vittima detenga in casa milioni in contanti. Certo, periodicamente sono riportati casi di cronaca di rapine in casa, soprattutto in ville isolate, ma tipicamente i malviventi si accontentano di razziare quello che trovano in casa. È molto più complicato e rischioso organizzare un rapimento con richiesta di riscatto, coinvolgendo la famiglia, ecc. Se invece ti estorcono un pagamento in bitcoin, basta una singola transazione per svuotarti tutto il wallet.

Comunque a parte questi "tecnicismi", visto che parli di libera scelta vs obbligo autoimposto, chiariamo che la mia È una libera scelta, coerente con una mia visione che riconosce un valore assoluto, primario e imprescindibile alla privacy, che personalmente considero fra i diritti più sacri e inviolabili della persona.
Per me non sussiste un problema di "vivere come carbonari", provo anzi profondo disgusto per una società permeata dal culto dell'apparire, e dall'esibizione e ostentazione di uno status, misurato in base al possesso di beni di consumo. Così come mi fa orrore l'idea di passare il tempo a postare sui vari social i dettagli della propria vita privata, in una ridicola competizione per strappare più like o follower.
È questa per come la vedo io la vera schiavitù: la schiavitù del conformismo e del consumo, mentre la libertà più grande è quella di rimanere invisibile, fuori dai radar, senza nessuno intorno che venga a ficcare il naso nei tuoi affari e chiedere conto di ciò che fai o che possiedi.

Poi possiamo anche discutere sul fatto che tenere un basso profilo aiuta, ma ovviamente non da una garanzia al 100% di non finire sotto attacco, e quindi non bisogna per questo trascurare le normali buone pratiche di sicurezza e difesa personale, ma questo vale in generale per chiunque, indipendentemente dalla percezione che si da all'esterno di essere più o meno "ricco". Ma non invidio chi deve girare armato e con la scorta perché è riconosciuto come appartenente a tale categoria.

Money is a hoax. Debt is slavery. Consumerism is toxic.
Filidi
Newbie
*
Offline Offline

Activity: 17
Merit: 8


View Profile
October 19, 2021, 08:00:06 AM
Merited by fillippone (1)
 #3744

Buongiorno a tutti, provo a porre un esempio pratico di quanto ho capito sino ad ora:
1 gennaio 2020 - possesso di 2 bitcoin
31 dicembre 2020 - possesso di 7 bitcoin
Incremento di 5 bitcoin durante l'hanno, frutto di varie compravendite sempre crypto-cripto.

Non si è tenuti al pagamento di tasse sulle plusvalenze in quanto durante l'anno non si sono mai superati i 51.200 euro (poiché valorizzati sempre al 1 gennaio, 7 btc x 6400 = 44.800 euro).
Sul quadro rw si indicherà al 1 gennaio 12800 euro (6400 euro btc x 2), al 31 dicembre 2020 si indicherà 164.500 euro (valore 31 dic 2020 23500x7 btc).


Paolo.Demidov
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1470
Merit: 1351



View Profile
October 19, 2021, 08:09:25 AM
 #3745



Nel mondo fiat un furto milionario non tracciabile richiede un effort ben maggiore, escludendo l'eventualità piuttosto improbabile che la vittima detenga in casa milioni in contanti. Certo, periodicamente sono riportati casi di cronaca di rapine in casa, soprattutto in ville isolate, ma tipicamente i malviventi si accontentano di razziare quello che trovano in casa. È molto più complicato e rischioso organizzare un rapimento con richiesta di riscatto, coinvolgendo la famiglia, ecc. Se invece ti estorcono un pagamento in bitcoin, basta una singola transazione per svuotarti tutto il wallet.

Comunque a parte questi "tecnicismi", visto che parli di libera scelta vs obbligo autoimposto, chiariamo che la mia È una libera scelta, coerente con una mia visione che riconosce un valore assoluto, primario e imprescindibile alla privacy, che personalmente considero fra i diritti più sacri e inviolabili della persona.
Per me non sussiste un problema di "vivere come carbonari", provo anzi profondo disgusto per una società permeata dal culto dell'apparire, e dall'esibizione e ostentazione di uno status, misurato in base al possesso di beni di consumo. Così come mi fa orrore l'idea di passare il tempo a postare sui vari social i dettagli della propria vita privata, in una ridicola competizione per strappare più like o follower.
È questa per come la vedo io la vera schiavitù: la schiavitù del conformismo e del consumo, mentre la libertà più grande è quella di rimanere invisibile, fuori dai radar, senza nessuno intorno che venga a ficcare il naso nei tuoi affari e chiedere conto di ciò che fai o che possiedi.

Poi possiamo anche discutere sul fatto che tenere un basso profilo aiuta, ma ovviamente non da una garanzia al 100% di non finire sotto attacco, e quindi non bisogna per questo trascurare le normali buone pratiche di sicurezza e difesa personale, ma questo vale in generale per chiunque, indipendentemente dalla percezione che si da all'esterno di essere più o meno "ricco". Ma non invidio chi deve girare armato e con la scorta perché è riconosciuto come appartenente a tale categoria.

Non è facile vivere con la scorta, però anche contare gli spiccioli alla cassa del supermercato e vedere che non bastano...

Certo, esistono molte più sane vie di mezzo, dipende dall'ambizione personale.

ehy ! ho un avatar tipo giapponese... Cool
...۞...|...òǥ72Ⱦ27ǥó...|...۞...
fillippone
Legendary
*
Online Online

Activity: 1316
Merit: 7889


Merit Rascal- Filthy, mustachioed, lustful Italian


View Profile
October 19, 2021, 10:08:49 AM
 #3746

Come promesso, riporto il parere del Famigerato Avella sul Sole 24 ore:



Cliccando sull’immagine potrete leggere tutto il contributo.

jack0m
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 2786
Merit: 1550


View Profile
October 19, 2021, 04:44:26 PM
 #3747



Nel mondo fiat un furto milionario non tracciabile richiede un effort ben maggiore, escludendo l'eventualità piuttosto improbabile che la vittima detenga in casa milioni in contanti. Certo, periodicamente sono riportati casi di cronaca di rapine in casa, soprattutto in ville isolate, ma tipicamente i malviventi si accontentano di razziare quello che trovano in casa. È molto più complicato e rischioso organizzare un rapimento con richiesta di riscatto, coinvolgendo la famiglia, ecc. Se invece ti estorcono un pagamento in bitcoin, basta una singola transazione per svuotarti tutto il wallet.

Comunque a parte questi "tecnicismi", visto che parli di libera scelta vs obbligo autoimposto, chiariamo che la mia È una libera scelta, coerente con una mia visione che riconosce un valore assoluto, primario e imprescindibile alla privacy, che personalmente considero fra i diritti più sacri e inviolabili della persona.
Per me non sussiste un problema di "vivere come carbonari", provo anzi profondo disgusto per una società permeata dal culto dell'apparire, e dall'esibizione e ostentazione di uno status, misurato in base al possesso di beni di consumo. Così come mi fa orrore l'idea di passare il tempo a postare sui vari social i dettagli della propria vita privata, in una ridicola competizione per strappare più like o follower.
È questa per come la vedo io la vera schiavitù: la schiavitù del conformismo e del consumo, mentre la libertà più grande è quella di rimanere invisibile, fuori dai radar, senza nessuno intorno che venga a ficcare il naso nei tuoi affari e chiedere conto di ciò che fai o che possiedi.

Poi possiamo anche discutere sul fatto che tenere un basso profilo aiuta, ma ovviamente non da una garanzia al 100% di non finire sotto attacco, e quindi non bisogna per questo trascurare le normali buone pratiche di sicurezza e difesa personale, ma questo vale in generale per chiunque, indipendentemente dalla percezione che si da all'esterno di essere più o meno "ricco". Ma non invidio chi deve girare armato e con la scorta perché è riconosciuto come appartenente a tale categoria.

Non è facile vivere con la scorta, però anche contare gli spiccioli alla cassa del supermercato e vedere che non bastano...

Certo, esistono molte più sane vie di mezzo, dipende dall'ambizione personale.

l'ambizione è conseguente a ciò che nella vita si distingue fra essenziale e superfluo. Non confondiamo il minimalismo con il pauperismo.

Money is a hoax. Debt is slavery. Consumerism is toxic.
Amph
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 2856
Merit: 1040



View Profile
October 19, 2021, 09:04:57 PM
 #3748

Come promesso, riporto il parere del Famigerato Avella sul Sole 24 ore:



Cliccando sull’immagine potrete leggere tutto il contributo.

perfetto quindi i bitcoin instaminati o ottenuti senza nessun tipo di acqusto(cointellect, regalati etc...) hanno valore zero quindi non tassabili, tutto risolto
alexrossi
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 2968
Merit: 1474


Join the world-leading crypto sportsbook NOW!


View Profile WWW
October 19, 2021, 10:07:44 PM
 #3749

Come promesso, riporto il parere del Famigerato Avella sul Sole 24 ore:



Cliccando sull’immagine potrete leggere tutto il contributo.

perfetto quindi i bitcoin instaminati o ottenuti senza nessun tipo di acqusto(cointellect, regalati etc...) hanno valore zero quindi non tassabili, tutto risolto

Lol, alcuni in questo thread ti diranno: ti piace vincere facile? Ponzi Ponzi po po po po

Sono BTC nell'ombra, con il vantaggio di non avere, almeno in entrata, il problema dell'antiriciclaggio. Poi in uscita... chi vivrà vedrà, e magari scriverà la sua esperienza in questo thread.

  ▄▄███████▄███████▄▄▄
 █████████████
▀▀▀▀▀▀████▄▄
███████████████
       ▀▀███▄
███████████████
          ▀███
 █████████████
             ███
███████████▀▀               ███
███                         ███
███                         ███
 ███                       ███
  ███▄                   ▄███
   ▀███▄▄             ▄▄███▀
     ▀▀████▄▄▄▄▄▄▄▄▄████▀▀
         ▀▀▀███████▀▀▀
▄▄▄▄▄█████████▄▄▄▄▄
█▌▐███████████████▌▐█
▐█ █▀▄▀ ▀▀▀ ▀ ▀ ▀  █ █▌
██ █ ▄   ▀▄ ▀  █ ▄ █ ██
███████████████████
████████████████████
██████▀ █ ▀███████
██████▀▀█▀▀██████
█████▄▄█▄▄█████
█████████████
▀█ █████████ █▀
▀█ █████ █▀
▀▀███▀▀
▄▄██████▄▄
▀█▀
█  █▀█▀
  ▄█  ██  █▄  ▄
█ ▄█ █▀█▄▄█▀█ █▄ █
▀▄█ █ ███▄▄▄▄███ █ █▄▀
▀▀ █    ▄▄▄▄    █ ▀▀
   ██████   █
█     ▀▀     █
▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄
▄ ██████▀▀██████ ▄
▄████████ ██ ████████▄
▀▀███████▄▄███████▀▀
▀▀▀████████▀▀▀
█▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀█
█ ██▀▀▀▀█▀▀▀▀█▀▀▀▀█▀▀▀▀██ █
█ ██ ▀▀▀█ ▀▀ █ ▀▀██ ██▄██ █
█ ██▀▀▀ █ ████ ████ ▀▀ ██ █
█ ▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀ █
██████████   ██████████ █
▀▄ ▀████████   ████████▀ ▄▀
▀▄ ▀██████   ██████▀ ▄▀
▀▄ ▀████   ████▀ ▄▀
▀▄ ▀██   ██▀ ▄▀
▀▄    ▀ ▄▀
▀▄   ▄▀
▀▄▀
█████████████LEADING CRYPTO SPORTSBOOK & CASINO█████████████
MULTI
CURRENCY
1500+
CASINO GAMES
CRYPTO EXCLUSIVE
CLUBHOUSE
FAST & SECURE
PAYMENTS
.
..PLAY NOW!..
fillippone
Legendary
*
Online Online

Activity: 1316
Merit: 7889


Merit Rascal- Filthy, mustachioed, lustful Italian


View Profile
October 19, 2021, 11:18:15 PM
 #3750

Come promesso, riporto il parere del Famigerato Avella sul Sole 24 ore:



Cliccando sull’immagine potrete leggere tutto il contributo.

perfetto quindi i bitcoin instaminati o ottenuti senza nessun tipo di acqusto(cointellect, regalati etc...) hanno valore zero quindi non tassabili, tutto risolto

Easy tiger.
Non stiamo parlando di tasse, o plusvalenze.
Stiamo parlando di dichiarazione nel quadro RW. É tutto ben chiarito nel pdf allegato.

Willer21
Newbie
*
Offline Offline

Activity: 16
Merit: 35


View Profile
October 20, 2021, 12:58:21 PM
Merited by fillippone (1)
 #3751

Buongiorno a tutti, provo a porre un esempio pratico di quanto ho capito sino ad ora:
1 gennaio 2020 - possesso di 2 bitcoin
31 dicembre 2020 - possesso di 7 bitcoin
Incremento di 5 bitcoin durante l'hanno, frutto di varie compravendite sempre crypto-cripto.

Non si è tenuti al pagamento di tasse sulle plusvalenze in quanto durante l'anno non si sono mai superati i 51.200 euro (poiché valorizzati sempre al 1 gennaio, 7 btc x 6400 = 44.800 euro).
Sul quadro rw si indicherà al 1 gennaio 12800 euro (6400 euro btc x 2), al 31 dicembre 2020 si indicherà 164.500 euro (valore 31 dic 2020 23500x7 btc).

Ciao, per me è corretto quello che indichi; è quanto ho fatto anche io. Ai fini plusvalenza:

Il valore in euro della giacenza media in valuta virtuale va calcolato secondo il cambio di riferimento all'inizio del periodo di imposta, e cioè al 1° gennaio dell'anno in cui si verifica il presupposto di tassazione (cfr. circolare 24 giugno 1998,n. 165).
Plutosky
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1498
Merit: 2427


View Profile
October 21, 2021, 08:27:13 AM
Merited by fillippone (2)
 #3752


Comunque a parte questi "tecnicismi", visto che parli di libera scelta vs obbligo autoimposto, chiariamo che la mia È una libera scelta, coerente con una mia visione che riconosce un valore assoluto, primario e imprescindibile alla privacy, che personalmente considero fra i diritti più sacri e inviolabili della persona.
Per me non sussiste un problema di "vivere come carbonari", provo anzi profondo disgusto per una società permeata dal culto dell'apparire, e dall'esibizione e ostentazione di uno status, misurato in base al possesso di beni di consumo. Così come mi fa orrore l'idea di passare il tempo a postare sui vari social i dettagli della propria vita privata, in una ridicola competizione per strappare più like o follower.
È questa per come la vedo io la vera schiavitù: la schiavitù del conformismo e del consumo, mentre la libertà più grande è quella di rimanere invisibile, fuori dai radar, senza nessuno intorno che venga a ficcare il naso nei tuoi affari e chiedere conto di ciò che fai o che possiedi.


Tra "passare il tempo sui social a postare la propria vita" e "rimanere invisibile" ci sono infinite vie di mezzo.
Bitcoin ti offre molti strumenti per rimanere invisibile (purtroppo non ancora abbastanza), ma la vita reale no.
E' bello immaginare un mondo futuro dove la privacy finanziaria sarà un valore riconosciuto, dove bitcoin sarà la moneta di riferimento mondiale e dove A pagherà B in modo tale che quella transazione, per qualsiasi importo, sarà nota solo e soltanto ad A e B.
Ma è un futuro che, sebbene possibile, è sicuramente molto lontano.
Nel frattempo io non voglio trasformarmi in una sorta di Zio Paperone in incognito che passa le giornate a lustrare i propri satoshi perchè l'unica cosa che può farci è vederli crescere di valore.
Bitcoin è un meraviglioso SOV ma è anche (anzi di più) un fantastico MOE.
E anche come mezzo di scambio e pagamento io voglio usarlo sebbene sia consapevole che questo, in relazione a  cosa comprerò, significhi uscire dall'anonimato e dare la possibilità a molti di spiare in eterno cosa entra ed esce da un mio address.
Sono compromessi che io faccio volentieri, ma siamo nel campo delle scelte personali e quindi ognuno ha diritto alle sue.  

Per essere un milionario bitcoin basta possedere un centesimo di bitcoin. Few....
fillippone
Legendary
*
Online Online

Activity: 1316
Merit: 7889


Merit Rascal- Filthy, mustachioed, lustful Italian


View Profile
October 21, 2021, 09:10:11 AM
 #3753


Bitcoin è un meraviglioso SOV ma è anche (anzi di più) un fantastico MOE.

Ricordiamoci anche, a margine di questo, che se tutti avessero sempre e solo hodlato Bitcoin, oggi probabilmente bitcoin varrebbe Zero. Pensate cosa sarebbe successo se non vi fossero stati i faucet, le pizze per bitcoin e se Hal, Laszlo e Gavin avessero sempre e solo hodlato i loro coins.

jack0m
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 2786
Merit: 1550


View Profile
October 21, 2021, 11:06:41 AM
 #3754


Comunque a parte questi "tecnicismi", visto che parli di libera scelta vs obbligo autoimposto, chiariamo che la mia È una libera scelta, coerente con una mia visione che riconosce un valore assoluto, primario e imprescindibile alla privacy, che personalmente considero fra i diritti più sacri e inviolabili della persona.
Per me non sussiste un problema di "vivere come carbonari", provo anzi profondo disgusto per una società permeata dal culto dell'apparire, e dall'esibizione e ostentazione di uno status, misurato in base al possesso di beni di consumo. Così come mi fa orrore l'idea di passare il tempo a postare sui vari social i dettagli della propria vita privata, in una ridicola competizione per strappare più like o follower.
È questa per come la vedo io la vera schiavitù: la schiavitù del conformismo e del consumo, mentre la libertà più grande è quella di rimanere invisibile, fuori dai radar, senza nessuno intorno che venga a ficcare il naso nei tuoi affari e chiedere conto di ciò che fai o che possiedi.


Tra "passare il tempo sui social a postare la propria vita" e "rimanere invisibile" ci sono infinite vie di mezzo.
Bitcoin ti offre molti strumenti per rimanere invisibile (purtroppo non ancora abbastanza), ma la vita reale no.
E' bello immaginare un mondo futuro dove la privacy finanziaria sarà un valore riconosciuto, dove bitcoin sarà la moneta di riferimento mondiale e dove A pagherà B in modo tale che quella transazione, per qualsiasi importo, sarà nota solo e soltanto ad A e B.
Ma è un futuro che, sebbene possibile, è sicuramente molto lontano.
Nel frattempo io non voglio trasformarmi in una sorta di Zio Paperone in incognito che passa le giornate a lustrare i propri satoshi perchè l'unica cosa che può farci è vederli crescere di valore.
Bitcoin è un meraviglioso SOV ma è anche (anzi di più) un fantastico MOE.
E anche come mezzo di scambio e pagamento io voglio usarlo sebbene sia consapevole che questo, in relazione a  cosa comprerò, significhi uscire dall'anonimato e dare la possibilità a molti di spiare in eterno cosa entra ed esce da un mio address.
Sono compromessi che io faccio volentieri, ma siamo nel campo delle scelte personali e quindi ognuno ha diritto alle sue.  

Non cambia il succo del discorso: posso tranquillamente spendere parte dei miei satoshi attingendo da un wallet dedicato, mentre le riserve restano al sicuro e al riparo da sguardi indiscreti in un cold wallet. Prendendo le dovute precauzioni quando devo ricaricare il primo dal secondo. Così come per fare la spesa usi cash che tieni nel portafoglio, e non ti porti in giro tutto il tuo patrimonio fiat in banconote.
Sono appunto scelte personali, quindi il livello di anonimato che pretendo sia online che nel mondo fisico è quello che rispecchia le mie esigenze e il mio stile di vita in generale.

Money is a hoax. Debt is slavery. Consumerism is toxic.
Plutosky
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1498
Merit: 2427


View Profile
October 21, 2021, 12:44:33 PM
 #3755


Non cambia il succo del discorso: posso tranquillamente spendere parte dei miei satoshi attingendo da un wallet dedicato, mentre le riserve restano al sicuro e al riparo da sguardi indiscreti in un cold wallet. Prendendo le dovute precauzioni quando devo ricaricare il primo dal secondo. Così come per fare la spesa usi cash che tieni nel portafoglio, e non ti porti in giro tutto il tuo patrimonio fiat in banconote.
Sono appunto scelte personali, quindi il livello di anonimato che pretendo sia online che nel mondo fisico è quello che rispecchia le mie esigenze e il mio stile di vita in generale.

Se possiedi più dei famosi 100 milioni di lire, ogni pagamento (anche piccolissimo) è un evento fiscalmente rilevante, se genera plusvalenza rispetto all'ultimo acquisto (e al momento tutti i bitcoin esistenti  sono in plusvalenza ).
E allora addio anonimato.
Per non parlare se il pagamento riguarda un importo rilevante o un bene da registrare.
Lo Stato italiano  per come funziona adesso non è compatibile con un uso monetario di bitcoin che mantenga la privacy assoluta del possessore. Nessuno Stato occidentale. A meno di vivere al di fuori delle regole e sarebbe molto complicato lo stesso.

Per essere un milionario bitcoin basta possedere un centesimo di bitcoin. Few....
jack0m
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 2786
Merit: 1550


View Profile
October 21, 2021, 01:08:02 PM
 #3756


Non cambia il succo del discorso: posso tranquillamente spendere parte dei miei satoshi attingendo da un wallet dedicato, mentre le riserve restano al sicuro e al riparo da sguardi indiscreti in un cold wallet. Prendendo le dovute precauzioni quando devo ricaricare il primo dal secondo. Così come per fare la spesa usi cash che tieni nel portafoglio, e non ti porti in giro tutto il tuo patrimonio fiat in banconote.
Sono appunto scelte personali, quindi il livello di anonimato che pretendo sia online che nel mondo fisico è quello che rispecchia le mie esigenze e il mio stile di vita in generale.

Se possiedi più dei famosi 100 milioni di lire, ogni pagamento (anche piccolissimo) è un evento fiscalmente rilevante, se genera plusvalenza rispetto all'ultimo acquisto (e al momento tutti i bitcoin esistenti  sono in plusvalenza ).
E allora addio anonimato.
Per non parlare se il pagamento riguarda un importo rilevante o un bene da registrare.
Lo Stato italiano  per come funziona adesso non è compatibile con un uso monetario di bitcoin che mantenga la privacy assoluta del possessore. Nessuno Stato occidentale. A meno di vivere al di fuori delle regole e sarebbe molto complicato lo stesso.


se si volesse essere così scrupolosi si pagherebbe il 26% ad ogni minima spesa in bitcoin, sarebbe un'ammissione di possedere più dei 100M, ma senza per questo rivelare di preciso quanti. Ma questo problema lo avresti comunque anche se li hai dichiarati nel RW, e di fatto ostacolerebbe l'adozione come MOE, a prescindere da considerazioni sulla privacy.

Money is a hoax. Debt is slavery. Consumerism is toxic.
bitcoin-shark
Hero Member
*****
Offline Offline

Activity: 2016
Merit: 585



View Profile
October 21, 2021, 05:15:33 PM
 #3757

non si puo continuare cosi nel incertezza, non cè dubbio che serva una regolamentazione sulle crypto ma non basata su interpelli, consigli/suggerimenti del ade ai contribuenti, servono delle leggi scritte attinenti alla materia redate da esperti del settore non supposizioni alla meno peggio su come procedere, intanto guardatevi questo
https://www.youtube.com/watch?v=yn8-FO51r58
 

HostFat
Moderator
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 3836
Merit: 1154


I support freedom of choice


View Profile
October 22, 2021, 02:45:58 PM
 #3758

https://www.econopoly.ilsole24ore.com/2021/10/22/criptovalute-agenzia-entrate/

NON DO ASSISTENZA PRIVATA
bitcoin-shark
Hero Member
*****
Offline Offline

Activity: 2016
Merit: 585



View Profile
October 22, 2021, 04:50:47 PM
 #3759

ho letto l'articolo ma mi ha incasinato ancora di piu quindi la bce dice che le monete virtuali non possono essere considerate valuta,due direttive ue dicono che non possegono lo stato giuridico,anche il testo unico valutario e contrario,nonostante tutto questo l'ade sostiene che sono valute estere per poterle tassare,comunque fino a 51000 euro non si paga niente vero? al eventuale uscita in fiat ci sarebbero tasse sulle sempre eventuali plusvalenze? le minus valenze dimostrabili si possono detrarre come credito d'imposta?

Plutosky
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1498
Merit: 2427


View Profile
October 22, 2021, 05:13:26 PM
 #3760

Come promesso, riporto il parere del Famigerato Avella sul Sole 24 ore:



Cliccando sull’immagine potrete leggere tutto il contributo.

Da quello che leggo anche secondo questo Avella nel quadro RW vanno dichiarati pure i bitcoin posseduti su wallet personali non-custodial

Per essere un milionario bitcoin basta possedere un centesimo di bitcoin. Few....
Pages: « 1 ... 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 [188] 189 190 191 192 193 194 195 196 197 »
  Print  
 
Jump to:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines Valid XHTML 1.0! Valid CSS!