Bitcoin Forum
August 02, 2021, 06:24:35 PM *
News: Latest Bitcoin Core release: 0.21.1 [Torrent]
 
   Home   Help Search Login Register More  
Pages: « 1 ... 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 [143] 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 »
  Print  
Author Topic: Fisco / Tasse / Legge sul Bitcoin  (Read 235600 times)
duesoldi
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1568
Merit: 1610


View Profile
August 10, 2020, 03:55:10 PM
Merited by fillippone (2)
 #2841

Devono per forza esistere  metodi più efficienti per fare cash-in!


Hai appena scritto il titolo di un nuovo thread che se venisse creato spopolerebbe ! 

Advertised sites are not endorsed by the Bitcoin Forum. They may be unsafe, untrustworthy, or illegal in your jurisdiction. Advertise here.
1627928675
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1627928675

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1627928675
Reply with quote  #2

1627928675
Report to moderator
Amph
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 2702
Merit: 1030



View Profile
August 10, 2020, 07:06:04 PM
Last edit: August 10, 2020, 07:16:08 PM by Amph
 #2842

ma un esempio pratico aiuterebbe meglio invece di lanciare video inutili

se tizio facesse uscire 100k euro(poniamo il caso soli 2-3 btc visto che tizio aspetta che il btc arrivi a 30-50k prima di vendere xche ovviamente ha un certo iq) in un anno rispettando il limite di 51k in 7 giorni(quindi rimanendo sotto questo limite) a che cosa andrebbe incontro?

deve solo dichiarare e non viene tassato, scattano controlli di GF per antiriciclaggio etc? deve dimostrare cosa esattamente? ponendo il fatto che la provenienza di alcuni bitcoin in possesso da molti anni non è dimostrabile per tutta una serie di ragioni legate al mining e scamexchange che sparivano etc...

Se vendi i BTC su un exchange con KYC e te li bonifichi sul tuo conto però, scusami, te lo vai a cercare se lo va a cercare (il tizio) l'accertamento fiscale però... a discapito del suo alto QI.
Devono per forza esistere  metodi più efficienti per fare cash-in!


di cosa parli... è tutto monitorato dal momento in cui converti in cash sei gia schedato

va beh trollate a parte qualcuno ha fatto uscire grosse somme qui, tipo più di 100k euro? a me interessano gli esempi pratici che a blaterare all'infinito non risolvi nulla
fillippone
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1148
Merit: 6120


Merit Rascal wannabe Merit Cycler


View Profile
August 10, 2020, 07:56:17 PM
 #2843

ma un esempio pratico aiuterebbe meglio invece di lanciare video inutili

se tizio facesse uscire 100k euro(poniamo il caso soli 2-3 btc visto che tizio aspetta che il btc arrivi a 30-50k prima di vendere xche ovviamente ha un certo iq) in un anno rispettando il limite di 51k in 7 giorni(quindi rimanendo sotto questo limite) a che cosa andrebbe incontro?

deve solo dichiarare e non viene tassato, scattano controlli di GF per antiriciclaggio etc? deve dimostrare cosa esattamente? ponendo il fatto che la provenienza di alcuni bitcoin in possesso da molti anni non è dimostrabile per tutta una serie di ragioni legate al mining e scamexchange che sparivano etc...

Se vendi i BTC su un exchange con KYC e te li bonifichi sul tuo conto però, scusami, te lo vai a cercare se lo va a cercare (il tizio) l'accertamento fiscale però... a discapito del suo alto QI.
Devono per forza esistere  metodi più efficienti per fare cash-in!


di cosa parli... è tutto monitorato dal momento in cui converti in cash sei gia schedato

va beh trollate a parte qualcuno ha fatto uscire grosse somme qui, tipo più di 100k euro? a me interessano gli esempi pratici che a blaterare all'infinito non risolvi nulla
Non ci siamo capiti.
Non ho mai cashato più di 100k, ma se mi trovassi a farlo, di certo non lo vorrei fare con una banca italiana.
Di certo come minimo con una banca straniera. Di modo che sono si schedato, ma almeno lo stato italiano deve andare per lo meno a chiedere i miei dati, non se li ritrova in automatico.

Altre cose di cui ho sentito parlare e che sono da verificare

  • Società in accomandita Svizzera
  • Trust in North Dakota (controlla Jameson Loop)
  • Indirizzo donazioni: se hai un blog e la gente ti regala le crypto, tu cosa puoi farci? (Tipo Andrea Anonopolous ed i sui 21 BTC di donazioni).

Paolo.Demidov
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1302
Merit: 1048



View Profile
August 10, 2020, 09:21:45 PM
Merited by fillippone (2)
 #2844

ma un esempio pratico aiuterebbe meglio invece di lanciare video inutili

se tizio facesse uscire 100k euro(poniamo il caso soli 2-3 btc visto che tizio aspetta che il btc arrivi a 30-50k prima di vendere xche ovviamente ha un certo iq) in un anno rispettando il limite di 51k in 7 giorni(quindi rimanendo sotto questo limite) a che cosa andrebbe incontro?

deve solo dichiarare e non viene tassato, scattano controlli di GF per antiriciclaggio etc? deve dimostrare cosa esattamente? ponendo il fatto che la provenienza di alcuni bitcoin in possesso da molti anni non è dimostrabile per tutta una serie di ragioni legate al mining e scamexchange che sparivano etc...

Se vendi i BTC su un exchange con KYC e te li bonifichi sul tuo conto però, scusami, te lo vai a cercare se lo va a cercare (il tizio) l'accertamento fiscale però... a discapito del suo alto QI.
Devono per forza esistere  metodi più efficienti per fare cash-in!


di cosa parli... è tutto monitorato dal momento in cui converti in cash sei gia schedato

va beh trollate a parte qualcuno ha fatto uscire grosse somme qui, tipo più di 100k euro? a me interessano gli esempi pratici che a blaterare all'infinito non risolvi nulla
Non ci siamo capiti.
Non ho mai cashato più di 100k, ma se mi trovassi a farlo, di certo non lo vorrei fare con una banca italiana.
Di certo come minimo con una banca straniera. Di modo che sono si schedato, ma almeno lo stato italiano deve andare per lo meno a chiedere i miei dati, non se li ritrova in automatico.

Altre cose di cui ho sentito parlare e che sono da verificare

  • Società in accomandita Svizzera
  • Trust in North Dakota (controlla Jameson Loop)
  • Indirizzo donazioni: se hai un blog e la gente ti regala le crypto, tu cosa puoi farci? (Tipo Andrea Anonopolous ed i sui 21 BTC di donazioni).



Direi nessuna delle tre soluzioni.

Fermo restando che sfugge un concetto l'antiriciclaggio o segnalazione da parte delle banche per operazione anomala, avviene per tipologia di transazione e profilo di rischio, non per entità dell'importo, esempio pratico:

Una persona impiego ufficiale studente, disoccupato, precario, interinale a chiamata che movimenta entrata e/o uscita su un conto corrente € 7.000 in contanti... rischia di dover dare spiegazioni.

Un miliardario che conclude una operazione di trading, o più operazioni, per 50 milioni di euro, tutto tracciato per bonifico, con i log delle operazioni di trading... ok.


Detto questo, qualcuno può fare anche cash-in con architetture finanziarie borderline... dovrebbe evitare di acquistare cose come auto, immobili e din generale fare operazioni in Italia, Europa...
...poi se uno sposta tutto in un paese fuori controllo e va più ad abitare... è un altro discorso.

Svizzera, Europa... per una persona normale non cambia quasi niente dall'Italia.

ehy ! ho un avatar tipo giapponese... Cool
Amph
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 2702
Merit: 1030



View Profile
August 11, 2020, 04:50:37 AM
Last edit: August 11, 2020, 05:20:56 AM by Amph
 #2845

a parte che i bitcoin truffati sono gia tutti segnati mi pare, quindi cosa dovrebbe dimostrare esattamente un privato per l'antiriciclaggio?

nel caso venissero dal mining fatto anni fa ad esempio, fatto minando scamcoin...leggendo in giro in caso di vendita da un exchange sarà l'exchange stesso a segnalare quindi non mi pare sussista l'obbligo di dimostraziore che quei bitcoin li ho minati con l'amiga nel 2013 vendendo lolcoin
fillippone
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1148
Merit: 6120


Merit Rascal wannabe Merit Cycler


View Profile
August 11, 2020, 05:33:14 AM
 #2846

a parte che i bitcoin truffati sono gia tutti segnati mi pare, quindi cosa dovrebbe dimostrare esattamente un privato per l'antiriciclaggio?

nel caso venissero dal mining fatto anni fa ad esempio, fatto minando scamcoin...leggendo in giro in caso di vendita da un exchange sarà l'exchange stesso a segnalare quindi non mi pare sussista l'obbligo di dimostraziore che quei bitcoin li ho minati con l'amiga nel 2013 vendendo lolcoin

La segnalazione per operazione sospetta non è una condanna, in primo luogo, ma solo una richiesta di chiarimenti.
Di certo però se vendi 100K di bitcoin e nel quadro RW non avevi mai messo nulla, qualche problema lo avrai, dato che sussiste l’obbligo di inserire in quel quadro le crittovalute detenute (senza alcuna tassazione)

Amph
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 2702
Merit: 1030



View Profile
August 11, 2020, 07:11:41 AM
 #2847

a parte che i bitcoin truffati sono gia tutti segnati mi pare, quindi cosa dovrebbe dimostrare esattamente un privato per l'antiriciclaggio?

nel caso venissero dal mining fatto anni fa ad esempio, fatto minando scamcoin...leggendo in giro in caso di vendita da un exchange sarà l'exchange stesso a segnalare quindi non mi pare sussista l'obbligo di dimostraziore che quei bitcoin li ho minati con l'amiga nel 2013 vendendo lolcoin

La segnalazione per operazione sospetta non è una condanna, in primo luogo, ma solo una richiesta di chiarimenti.
Di certo però se vendi 100K di bitcoin e nel quadro RW non avevi mai messo nulla, qualche problema lo avrai, dato che sussiste l’obbligo di inserire in quel quadro le crittovalute detenute (senza alcuna tassazione)

detenute anche in wallet privati? quindi non su exchange
Plutosky
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1330
Merit: 2001


View Profile
August 11, 2020, 07:52:34 AM
Merited by fillippone (2)
 #2848

ma un esempio pratico aiuterebbe meglio invece di lanciare video inutili

se tizio facesse uscire 100k euro(poniamo il caso soli 2-3 btc visto che tizio aspetta che il btc arrivi a 30-50k prima di vendere xche ovviamente ha un certo iq) in un anno rispettando il limite di 51k in 7 giorni(quindi rimanendo sotto questo limite) a che cosa andrebbe incontro?

deve solo dichiarare e non viene tassato, scattano controlli di GF per antiriciclaggio etc? deve dimostrare cosa esattamente? ponendo il fatto che la provenienza di alcuni bitcoin in possesso da molti anni non è dimostrabile per tutta una serie di ragioni legate al mining e scamexchange che sparivano etc...

La dichiarazione nel quadro RW deve essere fatta a prescindere dal cashout. Secondo me non si è tenuti a fare la dichiarazione per valori posseduti su wallet privati (la legge è chiara e va contro AdE) ma vari commercialisti interpellati mi hanno consigliato di farla in via "prudenziale" (che è un termine che mi fa incazzare, ma tant'è)

Gli accertamenti per l'antiriciclaggio possono essere attivati anche a seguito del semplice RW non è necessario convertire in fiat.  Vale quanto detto da fillippone: un accertamento non è una condanna, il riciclaggio è un reato e nessuno può condannarti sulla base di un semplice sospetto, senza prove. L'onere della prova, nel diritto, è ovviamente a carico dell'accusa. Per exchange su cui hai fatto KYC e bonificato da conti intestati, i problemi stanno a zero.

Il caso di guadagni fatti su exchange che non esistono più o tramite mining agli albori è quello più critico. Io stesso ho btc (per fortuna in piccola quantità) guadagnati sui vari Criptsy e Mintpal, senza KYC e senza avere "estratti conto" di quegli exchange prima che sparissero nel nulla. O minati nel 2013 con chiavi USB. Per questi aspetto periodi più chiari.

Per i restanti invece, se mai farò cashout non ho problemi a fare tutto alla luce del sole: sono iscritto ad exchange che mi hanno "schedato", i soldi degli acquisti provengono da conti a me intestati e il 26% è un'aliquota che ritengo "giusta" per plusvalenze stratosferiche e per evitare noie,  considerando che in Italia le tasse sul lavoro  sono il doppio (e lì sì che la disobbedienza fiscale sarebbe una cosa buona e giusta)

Per essere un milionario bitcoin basta possedere un centesimo di bitcoin. Few....
Amph
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 2702
Merit: 1030



View Profile
August 11, 2020, 07:57:17 AM
 #2849

ma un esempio pratico aiuterebbe meglio invece di lanciare video inutili

se tizio facesse uscire 100k euro(poniamo il caso soli 2-3 btc visto che tizio aspetta che il btc arrivi a 30-50k prima di vendere xche ovviamente ha un certo iq) in un anno rispettando il limite di 51k in 7 giorni(quindi rimanendo sotto questo limite) a che cosa andrebbe incontro?

deve solo dichiarare e non viene tassato, scattano controlli di GF per antiriciclaggio etc? deve dimostrare cosa esattamente? ponendo il fatto che la provenienza di alcuni bitcoin in possesso da molti anni non è dimostrabile per tutta una serie di ragioni legate al mining e scamexchange che sparivano etc...

La dichiarazione nel quadro RW deve essere fatta a prescindere dal cashout. Secondo me non si è tenuti a fare la dichiarazione per valori posseduti su wallet privati (la legge è chiara e va contro AdE) ma vari commercialisti interpellati mi hanno consigliato di farla in via "prudenziale" (che è un termine che mi fa incazzare, ma tant'è)

Gli accertamenti per l'antiriciclaggio possono essere attivati anche a seguito del semplice RW non è necessario convertire in fiat.  Vale quanto detto da fillippone: un accertamento non è una condanna, il riciclaggio è un reato e nessuno può condannarti sulla base di un semplice sospetto, senza prove. L'onere della prova, nel diritto, è ovviamente a carico dell'accusa. Per exchange su cui hai fatto KYC e bonificato da conti intestati, i problemi stanno a zero.


ecco è come ho poi aggiunto, quindi il problema non sussiste visto che è il mio caso utilizzando kraken per i bonifici
fillippone
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1148
Merit: 6120


Merit Rascal wannabe Merit Cycler


View Profile
August 11, 2020, 09:20:19 AM
 #2850

ma un esempio pratico aiuterebbe meglio invece di lanciare video inutili

se tizio facesse uscire 100k euro(poniamo il caso soli 2-3 btc visto che tizio aspetta che il btc arrivi a 30-50k prima di vendere xche ovviamente ha un certo iq) in un anno rispettando il limite di 51k in 7 giorni(quindi rimanendo sotto questo limite) a che cosa andrebbe incontro?

deve solo dichiarare e non viene tassato, scattano controlli di GF per antiriciclaggio etc? deve dimostrare cosa esattamente? ponendo il fatto che la provenienza di alcuni bitcoin in possesso da molti anni non è dimostrabile per tutta una serie di ragioni legate al mining e scamexchange che sparivano etc...

La dichiarazione nel quadro RW deve essere fatta a prescindere dal cashout. Secondo me non si è tenuti a fare la dichiarazione per valori posseduti su wallet privati (la legge è chiara e va contro AdE) ma vari commercialisti interpellati mi hanno consigliato di farla in via "prudenziale" (che è un termine che mi fa incazzare, ma tant'è)

Gli accertamenti per l'antiriciclaggio possono essere attivati anche a seguito del semplice RW non è necessario convertire in fiat.  Vale quanto detto da fillippone: un accertamento non è una condanna, il riciclaggio è un reato e nessuno può condannarti sulla base di un semplice sospetto, senza prove. L'onere della prova, nel diritto, è ovviamente a carico dell'accusa. Per exchange su cui hai fatto KYC e bonificato da conti intestati, i problemi stanno a zero.


ecco è come ho poi aggiunto, quindi il problema non sussiste visto che è il mio caso utilizzando kraken per i bonifici

A quanto  ho capito io, se hai comprato da exchange con KYC, inviando con Bonifico, non hai mai dichiarato nulla nel quadro RW e poi fai cashout con Bonifico, non hai problemi con antiriciclaggio, ma di certo hai problemi con AdE. Problemi, come dice Plutosky, dovuti allo "strapotere" di AdE nella gestione dei contenziosi fiscali, anche oltre le leggi comunitarie, del quale sono dotati verso il privato cittadino.

dearBTC
Jr. Member
*
Offline Offline

Activity: 59
Merit: 56


View Profile
August 11, 2020, 10:03:13 AM
Merited by fillippone (2)
 #2851

se tizio facesse uscire 100k euro(poniamo il caso soli 2-3 btc visto che tizio aspetta che il btc arrivi a 30-50k prima di vendere xche ovviamente ha un certo iq) in un anno rispettando il limite di 51k in 7 giorni(quindi rimanendo sotto questo limite) a che cosa andrebbe incontro?

Il rischio è un accertamento fiscale. In realtà non c'è tanto la regola dei 51k che regga... Se ti bonificano 100k e hai una dichiarazione dei redditi da 30k è facile avere qualche accertamento, poi non sto dicendo che per forza lo avrai ma di sicuro rischi.
Secondo me finchè fate cash-out miseri tipo stando nei 5k all'anno potete vedervela voi (potrebbe non configurarsi la natura speculativa essendo importi piccoli...), nel senso se non dichiarate al limite avrete poi una piccola sanzione da pagare, per importi di molto superiori è conveniente rivolgersi ad un commercialista.
Amph
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 2702
Merit: 1030



View Profile
August 11, 2020, 11:08:50 AM
 #2852

ma un esempio pratico aiuterebbe meglio invece di lanciare video inutili

se tizio facesse uscire 100k euro(poniamo il caso soli 2-3 btc visto che tizio aspetta che il btc arrivi a 30-50k prima di vendere xche ovviamente ha un certo iq) in un anno rispettando il limite di 51k in 7 giorni(quindi rimanendo sotto questo limite) a che cosa andrebbe incontro?

deve solo dichiarare e non viene tassato, scattano controlli di GF per antiriciclaggio etc? deve dimostrare cosa esattamente? ponendo il fatto che la provenienza di alcuni bitcoin in possesso da molti anni non è dimostrabile per tutta una serie di ragioni legate al mining e scamexchange che sparivano etc...

La dichiarazione nel quadro RW deve essere fatta a prescindere dal cashout. Secondo me non si è tenuti a fare la dichiarazione per valori posseduti su wallet privati (la legge è chiara e va contro AdE) ma vari commercialisti interpellati mi hanno consigliato di farla in via "prudenziale" (che è un termine che mi fa incazzare, ma tant'è)

Gli accertamenti per l'antiriciclaggio possono essere attivati anche a seguito del semplice RW non è necessario convertire in fiat.  Vale quanto detto da fillippone: un accertamento non è una condanna, il riciclaggio è un reato e nessuno può condannarti sulla base di un semplice sospetto, senza prove. L'onere della prova, nel diritto, è ovviamente a carico dell'accusa. Per exchange su cui hai fatto KYC e bonificato da conti intestati, i problemi stanno a zero.


ecco è come ho poi aggiunto, quindi il problema non sussiste visto che è il mio caso utilizzando kraken per i bonifici

A quanto  ho capito io, se hai comprato da exchange con KYC, inviando con Bonifico, non hai mai dichiarato nulla nel quadro RW e poi fai cashout con Bonifico, non hai problemi con antiriciclaggio, ma di certo hai problemi con AdE. Problemi, come dice Plutosky, dovuti allo "strapotere" di AdE nella gestione dei contenziosi fiscali, anche oltre le leggi comunitarie, del quale sono dotati verso il privato cittadino.


fin ora ho fatto uscire poco max 10k, non mi hanno ancora rotto le palle e son passati gia 3 anni, penso sia cmq legato anche alla cifra se uno fa uscire 1k euro all'anno per loro non vale la pena di fare accertamenti, che ricordiamo non sono gratuiti

se tizio facesse uscire 100k euro(poniamo il caso soli 2-3 btc visto che tizio aspetta che il btc arrivi a 30-50k prima di vendere xche ovviamente ha un certo iq) in un anno rispettando il limite di 51k in 7 giorni(quindi rimanendo sotto questo limite) a che cosa andrebbe incontro?

Il rischio è un accertamento fiscale. In realtà non c'è tanto la regola dei 51k che regga... Se ti bonificano 100k e hai una dichiarazione dei redditi da 30k è facile avere qualche accertamento, poi non sto dicendo che per forza lo avrai ma di sicuro rischi.
Secondo me finchè fate cash-out miseri tipo stando nei 5k all'anno potete vedervela voi (potrebbe non configurarsi la natura speculativa essendo importi piccoli...), nel senso se non dichiarate al limite avrete poi una piccola sanzione da pagare, per importi di molto superiori è conveniente rivolgersi ad un commercialista.

quindi conviene dichiarare i btc nel wallet privato prima di fare uscire grosse somme
Paolo.Demidov
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1302
Merit: 1048



View Profile
August 11, 2020, 07:08:17 PM
 #2853

ma un esempio pratico aiuterebbe meglio invece di lanciare video inutili

se tizio facesse uscire 100k euro(poniamo il caso soli 2-3 btc visto che tizio aspetta che il btc arrivi a 30-50k prima di vendere xche ovviamente ha un certo iq) in un anno rispettando il limite di 51k in 7 giorni(quindi rimanendo sotto questo limite) a che cosa andrebbe incontro?

deve solo dichiarare e non viene tassato, scattano controlli di GF per antiriciclaggio etc? deve dimostrare cosa esattamente? ponendo il fatto che la provenienza di alcuni bitcoin in possesso da molti anni non è dimostrabile per tutta una serie di ragioni legate al mining e scamexchange che sparivano etc...

La dichiarazione nel quadro RW deve essere fatta a prescindere dal cashout. Secondo me non si è tenuti a fare la dichiarazione per valori posseduti su wallet privati (la legge è chiara e va contro AdE) ma vari commercialisti interpellati mi hanno consigliato di farla in via "prudenziale" (che è un termine che mi fa incazzare, ma tant'è)

Gli accertamenti per l'antiriciclaggio possono essere attivati anche a seguito del semplice RW non è necessario convertire in fiat.  Vale quanto detto da fillippone: un accertamento non è una condanna, il riciclaggio è un reato e nessuno può condannarti sulla base di un semplice sospetto, senza prove. L'onere della prova, nel diritto, è ovviamente a carico dell'accusa. Per exchange su cui hai fatto KYC e bonificato da conti intestati, i problemi stanno a zero.

Il caso di guadagni fatti su exchange che non esistono più o tramite mining agli albori è quello più critico. Io stesso ho btc (per fortuna in piccola quantità) guadagnati sui vari Criptsy e Mintpal, senza KYC e senza avere "estratti conto" di quegli exchange prima che sparissero nel nulla. O minati nel 2013 con chiavi USB. Per questi aspetto periodi più chiari.

Per i restanti invece, se mai farò cashout non ho problemi a fare tutto alla luce del sole: sono iscritto ad exchange che mi hanno "schedato", i soldi degli acquisti provengono da conti a me intestati e il 26% è un'aliquota che ritengo "giusta" per plusvalenze stratosferiche e per evitare noie,  considerando che in Italia le tasse sul lavoro  sono il doppio (e lì sì che la disobbedienza fiscale sarebbe una cosa buona e giusta)


Magari...  Grin

Si potrebbe far mattina, sulla prova, l'onere della prova, l'inversione dell'onere della prova, i reati di pericolo presunto...


[...]
Si ha inversione dell'onere della prova quando una delle parti di un processo eccepisce l'inefficacia dei fatti dedotti in giudizio e di cui l'altra parte ha dato prova, ovvero quando una delle parti eccepisce che il divieto, che l'altra parte gli contesta di non aver rispettato, si è modificato o estinto. La parte che propone l'eccezione che comporta l'inversione dell'onere della prova ha l'onere di provare i fatti su cui l'eccezione stessa si fonda. In campo tributario, le presunzioni, gli accertamenti induttivi, gli studi di settore comportano un'inversione dell'onere della prova a carico del contribuente in relazione alla sussistenza di una manifestazione di capacità contributiva.


https://www.odcec.mi.it/docs/default-source/materiale-convegni/MasterDifesaTributariaDott_Brecciaroli_11ottobre.pdf?sfvrsn=0

ehy ! ho un avatar tipo giapponese... Cool
Paolo.Demidov
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1302
Merit: 1048



View Profile
August 11, 2020, 07:28:05 PM
 #2854

ma un esempio pratico aiuterebbe meglio invece di lanciare video inutili

se tizio facesse uscire 100k euro(poniamo il caso soli 2-3 btc visto che tizio aspetta che il btc arrivi a 30-50k prima di vendere xche ovviamente ha un certo iq) in un anno rispettando il limite di 51k in 7 giorni(quindi rimanendo sotto questo limite) a che cosa andrebbe incontro?

deve solo dichiarare e non viene tassato, scattano controlli di GF per antiriciclaggio etc? deve dimostrare cosa esattamente? ponendo il fatto che la provenienza di alcuni bitcoin in possesso da molti anni non è dimostrabile per tutta una serie di ragioni legate al mining e scamexchange che sparivano etc...

La dichiarazione nel quadro RW deve essere fatta a prescindere dal cashout. Secondo me non si è tenuti a fare la dichiarazione per valori posseduti su wallet privati (la legge è chiara e va contro AdE) ma vari commercialisti interpellati mi hanno consigliato di farla in via "prudenziale" (che è un termine che mi fa incazzare, ma tant'è)

Gli accertamenti per l'antiriciclaggio possono essere attivati anche a seguito del semplice RW non è necessario convertire in fiat.  Vale quanto detto da fillippone: un accertamento non è una condanna, il riciclaggio è un reato e nessuno può condannarti sulla base di un semplice sospetto, senza prove. L'onere della prova, nel diritto, è ovviamente a carico dell'accusa. Per exchange su cui hai fatto KYC e bonificato da conti intestati, i problemi stanno a zero.


ecco è come ho poi aggiunto, quindi il problema non sussiste visto che è il mio caso utilizzando kraken per i bonifici

A quanto  ho capito io, se hai comprato da exchange con KYC, inviando con Bonifico, non hai mai dichiarato nulla nel quadro RW e poi fai cashout con Bonifico, non hai problemi con antiriciclaggio, ma di certo hai problemi con AdE. Problemi, come dice Plutosky, dovuti allo "strapotere" di AdE nella gestione dei contenziosi fiscali, anche oltre le leggi comunitarie, del quale sono dotati verso il privato cittadino.


fin ora ho fatto uscire poco max 10k, non mi hanno ancora rotto le palle e son passati gia 3 anni, penso sia cmq legato anche alla cifra se uno fa uscire 1k euro all'anno per loro non vale la pena di fare accertamenti, che ricordiamo non sono gratuiti

se tizio facesse uscire 100k euro(poniamo il caso soli 2-3 btc visto che tizio aspetta che il btc arrivi a 30-50k prima di vendere xche ovviamente ha un certo iq) in un anno rispettando il limite di 51k in 7 giorni(quindi rimanendo sotto questo limite) a che cosa andrebbe incontro?

Il rischio è un accertamento fiscale. In realtà non c'è tanto la regola dei 51k che regga... Se ti bonificano 100k e hai una dichiarazione dei redditi da 30k è facile avere qualche accertamento, poi non sto dicendo che per forza lo avrai ma di sicuro rischi.
Secondo me finchè fate cash-out miseri tipo stando nei 5k all'anno potete vedervela voi (potrebbe non configurarsi la natura speculativa essendo importi piccoli...), nel senso se non dichiarate al limite avrete poi una piccola sanzione da pagare, per importi di molto superiori è conveniente rivolgersi ad un commercialista.

quindi conviene dichiarare i btc nel wallet privato prima di fare uscire grosse somme


Personalmente abbandonerei l'idea molto diffusa del concetto "somma piccola/somma grande".


Dal punto di vista oggettivo meritano attenzione le ipotesi di costituzione anomala della
provvista
impiegata in acquisti di Virtual asset e, in particolare, le figure di collettori che operano
una raccolta di fondi da una pluralità di soggetti, mediante:
 ricariche, anche frazionate, di carte prepagate eseguite in contanti od online, anche da
diverse zone del territorio nazionale;
 accrediti di bonifici, anche esteri;
ripetuti versamenti di contanti, singolarmente di importo non significativo, ma
complessivamente di ammontare rilevante
.
È necessario valutare se l’attività di raccolta possa essere messa in relazione con fondi di
provenienza illecita.


Gli elementi informativi riportati nella presente Comunicazione hanno natura
esemplificativa.
L’impossibilità di ricondurre operazioni o comportamenti a uno o più di essi non è
sufficiente a escludere l’obbligo di segnalazione alla UIF
ai sensi dell’articolo 35 del D.lgs.
231/2007; tutti i destinatari del predetto decreto devono pertanto valutare con la massima attenzione
anche ulteriori comportamenti e caratteristiche delle operatività connesse con l’utilizzo di Virtual
asset che siano sintomatici di profili di sospetto.
D’altra parte, la mera ricorrenza di operazioni o comportamenti descritti non è motivo di per sé sufficiente per la qualificazione dell’operazione come sospetta, rendendosi comunque necessario svolgere un’analisi in concreto e una valutazione complessiva dell’operatività con l’utilizzo di tutte le informazioni disponibili.


https://uif.bancaditalia.it/normativa/norm-indicatori-anomalia/Comunicazione_VV_2019.pdf


Una banca, un qualsiasi altro operatore finanziario o anche alcuni operatori finanziari, sono obbligati a fornire una segnalazione di operazione anomala all'UIF, Unità d'Informazione Finanziaria,
alcuni criteri guida, base:

https://uif.bancaditalia.it/adempimenti-operatori/segnalazioni-sos/Indicazioni_SOS_VV_2019.pdf


Questo è il punto critico.
Alla UIF vanno segnalati tutta una serie di altre anomalie, non solo di criptovalute.

Alcuni tipi di anomalie partono in "automatico", per esempio chi opera nel commercio e fa prelievi in contanti per più di € 1.000 al giorno, € 5.000 al mese.
https://www.theitaliantimes.it/economia/prelievi-bancomat-tetto-denaro-contante-1000-5000-controlli-multa_070719/

ehy ! ho un avatar tipo giapponese... Cool
dearBTC
Jr. Member
*
Offline Offline

Activity: 59
Merit: 56


View Profile
August 11, 2020, 08:29:50 PM
 #2855


Personalmente abbandonerei l'idea molto diffusa del concetto "somma piccola/somma grande".


Non posso che darti ragione sul fatto che sia un'idea sbagliata quella di "somma piccola / somma grande" e che a livello giuridico probabilmente vale zero, è però certo che a livello pratico cashare 5k sia diverso da 25k e ancora diverso da 100k. Poi hai idea con tutti gli strumenti che ci sono oggi giorno: paypal per dividere con gli amici, ebay per vendere online, chi gioca ai casinò online, regali dai parenti etc, 5k non sono di certo un grosso campanello di allarme.

Il concetto è sbagliato ma nella pratica 5k sono diversi da 25k.
Paolo.Demidov
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1302
Merit: 1048



View Profile
August 11, 2020, 10:10:58 PM
 #2856


Personalmente abbandonerei l'idea molto diffusa del concetto "somma piccola/somma grande".


Non posso che darti ragione sul fatto che sia un'idea sbagliata quella di "somma piccola / somma grande" e che a livello giuridico probabilmente vale zero, è però certo che a livello pratico cashare 5k sia diverso da 25k e ancora diverso da 100k. Poi hai idea con tutti gli strumenti che ci sono oggi giorno: paypal per dividere con gli amici, ebay per vendere online, chi gioca ai casinò online, regali dai parenti etc, 5k non sono di certo un grosso campanello di allarme.

Il concetto è sbagliato ma nella pratica 5k sono diversi da 25k.



La cifra è da rapportare al reddito.

Ragionando con il metro della "normalità media", cifre piccole... possono passare inosservate, se comunque diluite nel tempo.
Un'alta frequenza di piccole operazioni... e si torna al punto di partenza.


C'è un concetto generale, in base al proprio tenore di vita e a quanto dichiarato si deve essere congrui...
... € 5.000 per un disoccupato sono una cifra immensa.
Ma anche un normale impiegato con solo reddito da lavoro dipendente che in 2/3 anni si mette a movimentare piccole cifre per un totale di € 100.000... è abbastanza anomalo...


Chi è su un'aliquota IRPEF alta e gli arriva sul conto € 100.000... ok.

C'è poi da fare un discorso qualitativo oltre che quantitativo.

Così come poi è un po' anomalo che un conto corrente di un normale lavoratore dipendente... che ha avuto accrediti di stipendio e spese bancomat, improvvisamente si popoli di movimenti frequenti e consistenti...

Gli indicatori di anomalia potrebbero essere molti.





Tornando al vecchio "when Lambo ?"...

Era una idea molto casereccia di fare i soldi, improvvisamente e comprarsi una Lamborghini...
...una Lamborghini per chi la vuole comprare e intestarsela personalmente... primo è un bene "sequestrabilissimo", secondo non anonimo, terzo misurabile...
ecc... ecc...


Una volta avevo in ufficio un cartello: non è difficile diventare ricchi, difficile è rimanerci  Grin


In generale c'è una idea di gestione del denaro molto... così... apro il cassetto prendo i soldi, ci metto i soldi, boh... il cugino del portiere di un palazzo dove lavora un commercialista mi ha detto che...
sono pochi quelli che si mettono a fare una seria valutazione.

ehy ! ho un avatar tipo giapponese... Cool
Plutosky
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1330
Merit: 2001


View Profile
August 12, 2020, 07:02:32 AM
 #2857


Gli accertamenti per l'antiriciclaggio possono essere attivati anche a seguito del semplice RW non è necessario convertire in fiat.  Vale quanto detto da fillippone: un accertamento non è una condanna, il riciclaggio è un reato e nessuno può condannarti sulla base di un semplice sospetto, senza prove. L'onere della prova, nel diritto, è ovviamente a carico dell'accusa. Per exchange su cui hai fatto KYC e bonificato da conti intestati, i problemi stanno a zero.



Magari...  Grin

Si potrebbe far mattina, sulla prova, l'onere della prova, l'inversione dell'onere della prova, i reati di pericolo presunto...


[...]
Si ha inversione dell'onere della prova quando una delle parti di un processo eccepisce l'inefficacia dei fatti dedotti in giudizio e di cui l'altra parte ha dato prova, ovvero quando una delle parti eccepisce che il divieto, che l'altra parte gli contesta di non aver rispettato, si è modificato o estinto. La parte che propone l'eccezione che comporta l'inversione dell'onere della prova ha l'onere di provare i fatti su cui l'eccezione stessa si fonda. In campo tributario, le presunzioni, gli accertamenti induttivi, gli studi di settore comportano un'inversione dell'onere della prova  a carico del contribuente in relazione alla sussistenza di una manifestazione di capacità contributiva.


https://www.odcec.mi.it/docs/default-source/materiale-convegni/MasterDifesaTributariaDott_Brecciaroli_11ottobre.pdf?sfvrsn=0

Non è necessario far mattina, basterebbe leggere che mi riferivo al reato di riciclaggio e non al diritto tributario.

Per essere un milionario bitcoin basta possedere un centesimo di bitcoin. Few....
Paolo.Demidov
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1302
Merit: 1048



View Profile
August 12, 2020, 10:47:43 AM
 #2858


Gli accertamenti per l'antiriciclaggio possono essere attivati anche a seguito del semplice RW non è necessario convertire in fiat.  Vale quanto detto da fillippone: un accertamento non è una condanna, il riciclaggio è un reato e nessuno può condannarti sulla base di un semplice sospetto, senza prove. L'onere della prova, nel diritto, è ovviamente a carico dell'accusa. Per exchange su cui hai fatto KYC e bonificato da conti intestati, i problemi stanno a zero.



Magari...  Grin

Si potrebbe far mattina, sulla prova, l'onere della prova, l'inversione dell'onere della prova, i reati di pericolo presunto...


[...]
Si ha inversione dell'onere della prova quando una delle parti di un processo eccepisce l'inefficacia dei fatti dedotti in giudizio e di cui l'altra parte ha dato prova, ovvero quando una delle parti eccepisce che il divieto, che l'altra parte gli contesta di non aver rispettato, si è modificato o estinto. La parte che propone l'eccezione che comporta l'inversione dell'onere della prova ha l'onere di provare i fatti su cui l'eccezione stessa si fonda. In campo tributario, le presunzioni, gli accertamenti induttivi, gli studi di settore comportano un'inversione dell'onere della prova  a carico del contribuente in relazione alla sussistenza di una manifestazione di capacità contributiva.


https://www.odcec.mi.it/docs/default-source/materiale-convegni/MasterDifesaTributariaDott_Brecciaroli_11ottobre.pdf?sfvrsn=0

Non è necessario far mattina, basterebbe leggere che mi riferivo al reato di riciclaggio e non al diritto tributario.

Scusami Plutosky...

Secondo te una persona che fino ad ieri ha fatto il lavoratore dipendente, ha un stipendio, anche sostanzioso... ma normale; che improvvisamente ha sul suo conto corrente o incrementa di molto il proprio tenore di vita...

...e non sa giustificare bene... la provenienza di tutto quel denaro in "più"... non rischia nulla ?

Almeno di non avere l'illusione di vivere a Paperopoli.

In ogni caso, anche in sede civile, c'è l'onore della prova invertito.

Se un figlio minore dà un pugno ad un altro minore e gli spezza un dente, la responsabilità di default è del genitore e paga il genitore.


Non voglio divagare sul tema dell'onere della prova,
la constatazione semplice è questa, a chi gli spunta in mano una cifra che non è giustificabile dal reddito...
...gli possono puntare il dito e si va dall'evasione fiscale, all'autoriciclaggio o al riciclaggio...

Poi che queste somme siano in fiat, Bitcoin, cocomeri o Lamborghini, non ha molto rilievo.


ehy ! ho un avatar tipo giapponese... Cool
Plutosky
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1330
Merit: 2001


View Profile
August 13, 2020, 08:54:18 AM
Merited by fillippone (2)
 #2859


Gli accertamenti per l'antiriciclaggio possono essere attivati anche a seguito del semplice RW non è necessario convertire in fiat.  Vale quanto detto da fillippone: un accertamento non è una condanna, il riciclaggio è un reato e nessuno può condannarti sulla base di un semplice sospetto, senza prove. L'onere della prova, nel diritto, è ovviamente a carico dell'accusa. Per exchange su cui hai fatto KYC e bonificato da conti intestati, i problemi stanno a zero.



Magari...  Grin

Si potrebbe far mattina, sulla prova, l'onere della prova, l'inversione dell'onere della prova, i reati di pericolo presunto...


[...]
Si ha inversione dell'onere della prova quando una delle parti di un processo eccepisce l'inefficacia dei fatti dedotti in giudizio e di cui l'altra parte ha dato prova, ovvero quando una delle parti eccepisce che il divieto, che l'altra parte gli contesta di non aver rispettato, si è modificato o estinto. La parte che propone l'eccezione che comporta l'inversione dell'onere della prova ha l'onere di provare i fatti su cui l'eccezione stessa si fonda. In campo tributario, le presunzioni, gli accertamenti induttivi, gli studi di settore comportano un'inversione dell'onere della prova  a carico del contribuente in relazione alla sussistenza di una manifestazione di capacità contributiva.


https://www.odcec.mi.it/docs/default-source/materiale-convegni/MasterDifesaTributariaDott_Brecciaroli_11ottobre.pdf?sfvrsn=0

Non è necessario far mattina, basterebbe leggere che mi riferivo al reato di riciclaggio e non al diritto tributario.

Scusami Plutosky...

Secondo te una persona che fino ad ieri ha fatto il lavoratore dipendente, ha un stipendio, anche sostanzioso... ma normale; che improvvisamente ha sul suo conto corrente o incrementa di molto il proprio tenore di vita...

...e non sa giustificare bene... la provenienza di tutto quel denaro in "più"... non rischia nulla ?

Almeno di non avere l'illusione di vivere a Paperopoli.

In ogni caso, anche in sede civile, c'è l'onore della prova invertito.

Se un figlio minore dà un pugno ad un altro minore e gli spezza un dente, la responsabilità di default è del genitore e paga il genitore.


Non voglio divagare sul tema dell'onere della prova,
la constatazione semplice è questa, a chi gli spunta in mano una cifra che non è giustificabile dal reddito...
...gli possono puntare il dito e si va dall'evasione fiscale, all'autoriciclaggio o al riciclaggio...

Poi che queste somme siano in fiat, Bitcoin, cocomeri o Lamborghini, non ha molto rilievo.




E' fondamentale distinguere il piano fiscale e civile da quello penale, soprattutto legata al riciclaggio di denaro sporco.

Sono d'accordo che se qualcuno all'improvviso iniziasse dal nulla a fare la bella vita, giustificazioni, sul piano fiscale, dovrebbe darle eccome e in assenza di quest'ultime le conseguenze sarebbero decisamente negative, anche perchè nel 2020 è abbastanza chiaro quanto e come pagare di tasse sui guadagni da compravendita di cripto.

Ma il riciclaggio è tutta un'altra storia. Nel diritto penale vale innanzitutto la presunzione di innocenza che è un diritto costituzionale e il riciclaggio non è una fattispecie su cui può essere applicato alcuna inversione dell' onere della prova.

Anche perchè è un reato basato su un dolo diretto da parte dell'autore: il colpevole deve essere a conoscenza che i fondi incriminati derivano da attività illecite e deve avere scientemente e volutamente occultato questa provenienza. Tutte cose che devono essere provate da un'accusa.

Un paio di anni fa un tizio fu fermato in aeroporto con una valigia contenente 162.940 euro in contanti. La somma veniva sequestrata e contestato il reato di riciclaggio.

A seguito di ricorso la Cassazione disponeva il dissequestro e contestava l'accusa di riciclaggio per mancanza di prove:

Quote
Secondo gli Ermellini, tali principi non appaiono osservati nel caso in esame perché, come osservato dal ricorrente, il reato presupposto del contestato riciclaggio nel provvedimento di sequestro, è totalmente frutto di una mera ipotesi astratta basata esclusivamente sulla quantità del denaro rinvenuto e non confortata da alcun elemento concreto.

In assenza, quindi, di qualsiasi elemento idoneo a specificare l’esistenza o meno di un delitto presupposto, dal quale abbia avuto origine quella somma tratta in sequestro, il mero possesso di una ingente somma di denaro non può giustificare l'integrazione del reato di riciclaggio.

https://www.altalex.com/documents/news/2018/09/26/riciclaggio-il-possesso-di-ingente-quantita-di-denaro-fa-scattare-il-reato

Tra l'altro il reato di riciclaggio si prescrive dopo 12 anni dalla consumazione. Tra qualche anno, qualcuno che ha comprato bitcoin nei primi anni di esistenza della criptovaluta non potrà più essere condannato (ai fini del reato in questione) anche se l'acquisto è stato effettivamente finanziato con denaro sporco a condizione che riesca a circostanziare la data dell'acquisto.

Per essere un milionario bitcoin basta possedere un centesimo di bitcoin. Few....
Paolo.Demidov
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1302
Merit: 1048



View Profile
August 15, 2020, 02:14:07 AM
 #2860


Gli accertamenti per l'antiriciclaggio possono essere attivati anche a seguito del semplice RW non è necessario convertire in fiat.  Vale quanto detto da fillippone: un accertamento non è una condanna, il riciclaggio è un reato e nessuno può condannarti sulla base di un semplice sospetto, senza prove. L'onere della prova, nel diritto, è ovviamente a carico dell'accusa. Per exchange su cui hai fatto KYC e bonificato da conti intestati, i problemi stanno a zero.



Magari...  Grin

Si potrebbe far mattina, sulla prova, l'onere della prova, l'inversione dell'onere della prova, i reati di pericolo presunto...


[...]
Si ha inversione dell'onere della prova quando una delle parti di un processo eccepisce l'inefficacia dei fatti dedotti in giudizio e di cui l'altra parte ha dato prova, ovvero quando una delle parti eccepisce che il divieto, che l'altra parte gli contesta di non aver rispettato, si è modificato o estinto. La parte che propone l'eccezione che comporta l'inversione dell'onere della prova ha l'onere di provare i fatti su cui l'eccezione stessa si fonda. In campo tributario, le presunzioni, gli accertamenti induttivi, gli studi di settore comportano un'inversione dell'onere della prova  a carico del contribuente in relazione alla sussistenza di una manifestazione di capacità contributiva.


https://www.odcec.mi.it/docs/default-source/materiale-convegni/MasterDifesaTributariaDott_Brecciaroli_11ottobre.pdf?sfvrsn=0

Non è necessario far mattina, basterebbe leggere che mi riferivo al reato di riciclaggio e non al diritto tributario.

Scusami Plutosky...

Secondo te una persona che fino ad ieri ha fatto il lavoratore dipendente, ha un stipendio, anche sostanzioso... ma normale; che improvvisamente ha sul suo conto corrente o incrementa di molto il proprio tenore di vita...

...e non sa giustificare bene... la provenienza di tutto quel denaro in "più"... non rischia nulla ?

Almeno di non avere l'illusione di vivere a Paperopoli.

In ogni caso, anche in sede civile, c'è l'onore della prova invertito.

Se un figlio minore dà un pugno ad un altro minore e gli spezza un dente, la responsabilità di default è del genitore e paga il genitore.


Non voglio divagare sul tema dell'onere della prova,
la constatazione semplice è questa, a chi gli spunta in mano una cifra che non è giustificabile dal reddito...
...gli possono puntare il dito e si va dall'evasione fiscale, all'autoriciclaggio o al riciclaggio...

Poi che queste somme siano in fiat, Bitcoin, cocomeri o Lamborghini, non ha molto rilievo.




E' fondamentale distinguere il piano fiscale e civile da quello penale, soprattutto legata al riciclaggio di denaro sporco.

Sono d'accordo che se qualcuno all'improvviso iniziasse dal nulla a fare la bella vita, giustificazioni, sul piano fiscale, dovrebbe darle eccome e in assenza di quest'ultime le conseguenze sarebbero decisamente negative, anche perchè nel 2020 è abbastanza chiaro quanto e come pagare di tasse sui guadagni da compravendita di cripto.

Ma il riciclaggio è tutta un'altra storia. Nel diritto penale vale innanzitutto la presunzione di innocenza che è un diritto costituzionale e il riciclaggio non è una fattispecie su cui può essere applicato alcuna inversione dell' onere della prova.

Anche perchè è un reato basato su un dolo diretto da parte dell'autore: il colpevole deve essere a conoscenza che i fondi incriminati derivano da attività illecite e deve avere scientemente e volutamente occultato questa provenienza. Tutte cose che devono essere provate da un'accusa.

Un paio di anni fa un tizio fu fermato in aeroporto con una valigia contenente 162.940 euro in contanti. La somma veniva sequestrata e contestato il reato di riciclaggio.

A seguito di ricorso la Cassazione disponeva il dissequestro e contestava l'accusa di riciclaggio per mancanza di prove:

Quote
Secondo gli Ermellini, tali principi non appaiono osservati nel caso in esame perché, come osservato dal ricorrente, il reato presupposto del contestato riciclaggio nel provvedimento di sequestro, è totalmente frutto di una mera ipotesi astratta basata esclusivamente sulla quantità del denaro rinvenuto e non confortata da alcun elemento concreto.

In assenza, quindi, di qualsiasi elemento idoneo a specificare l’esistenza o meno di un delitto presupposto, dal quale abbia avuto origine quella somma tratta in sequestro, il mero possesso di una ingente somma di denaro non può giustificare l'integrazione del reato di riciclaggio.

https://www.altalex.com/documents/news/2018/09/26/riciclaggio-il-possesso-di-ingente-quantita-di-denaro-fa-scattare-il-reato

Tra l'altro il reato di riciclaggio si prescrive dopo 12 anni dalla consumazione. Tra qualche anno, qualcuno che ha comprato bitcoin nei primi anni di esistenza della criptovaluta non potrà più essere condannato (ai fini del reato in questione) anche se l'acquisto è stato effettivamente finanziato con denaro sporco a condizione che riesca a circostanziare la data dell'acquisto.

La "presunzione d'innocenza" come la intende il senso comune, non esiste.

Prova a stirare un passante sulle strisce e ad ucciderlo.
Si fa il processo per stabilire quanto sia la colpa...
...ma direi che non si sfugge alla condanna, nemmeno se il passante si fosse gettato di proposito.


Sulla prescrizione non dico molto, ad occhio mi sembrerebbe un po' di più... ma non sto a fare i conti.
Sarebbe interessante stabilire se una persona ha 3 Bitcoin se fosse in grado di dimostrare che li abbia ricevuti 12 anni fa piuttosto che ieri.


Sul discorso riciclaggio... l'ordinamento italiano distingue due reati riciclaggio e autoriciclaggio.

Diciamo che non pagare le tasse e poi usare quei valori...
fa cadere più facilmente nel reato di autoriciclaggio che di riciclaggio.

Ma non vado oltre, perché rischio di non farmi comprendere.

Chi avrebbe velleità di gestione in proprio il proprio patrimonio, dovrebbe valutare il mero costo di un procedimento amministrativo, civile e/o penale, anche solo per dire "non sono stato io", in ambito cripto, fra perizie e controperizie, accertamenti tecnici, ricerche, ecc... la storia ha un costo.

Gestione del problema ?
lasciata al caso e/o al destino.

La cosa viene risolta all'italiana....si strizza l'occhio e si cerca di fare tutto sottobanco... è il modo con cui sono finiti molti patrimoni rilevanti o si sono di molto ridimensionati, prendo casi clamorosi anche se sono esempi un po' impropri: Tanzi, Gaucci, Riccucci, Cragnotti... generazione di fenomeni ( cit. )

Come dice il saggio: piccolo ladro non rubare che il grande ladro ti farà impiccare.

In ambito cripto prendo in esame la vicenda MtGox e Bitgrail.


Per patrimoni più o meno rilevanti, oserei dire, patrimoni un po' più esperti, in dotazione, tra gli altri elementi possibili, viene suggerita una polizza assicurativa di tutela legale.
Nel caso... in particolare per chi svolge particolari professioni o per chi ha certi ruoli.
In alcuni contratti di lavoro viene richiesta obbligatoriamente.

Bitgrail e MtGox, se fossero statto assicurati contro il furto o anche l'ammanco, sarebbero ancora operativi.
Invece dopo anni di discussione chissà dove si arriverà.
Con un Covid-19 di mezzo, ci sta di stare in tribunale una vita.

Su questo forum, in ambito, cripto in generale, la discussione è incentrata alla fin fine, sul mero rendimento.
Le tasse ?
Ma cosa vogliono ?
Ma non lo so...
Il mio amico commercialista...



C'è questo sentiment anti-sistema, comprensibile, ma non vedo affrontare il problema in maniera seria, definitiva, tranne andare da un commercialista... uno dice una cosa, uno dice un'altra... e si capisce che siamo in una società molto improvvisata.
Dietro io successo di società come Amazon e altri big dobbiamo rilevare la grande professionalità di chi costruisce e gestisce le strutture societarie e fiscali.

Mi tocca ripetere ancora un vecchio adagio:
non è difficile diventare ricco, difficile è rimanerci.


Sono tutti rilievi che faccio io a voce alta, ognuno è in grado di valutare la propria posizione.

Sono rilievi utili per capire però... che...
chi volesse attaccare un dato mercato, trovandosi davanti persone inesperte o non abituate alla gestione dei soldi, trova la via facile.
Questo elemento andrebbe considerato per l'andamento delle quotazioni prossime.

Se ci fosse una stretta fiscale suo detentori di criptovaluta, se ne troverebbe un buon 75/80% con il culo scoperto all'aria...
...cosa che avrebbe una ripercussione immediata sulle quotazioni.

La percentuale sopra descritta è un mio rilievo personale.
Va presa per com'è.

ehy ! ho un avatar tipo giapponese... Cool
Pages: « 1 ... 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 [143] 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 »
  Print  
 
Jump to:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines Valid XHTML 1.0! Valid CSS!