Bitcoin Forum
December 07, 2016, 10:32:44 PM *
News: To be able to use the next phase of the beta forum software, please ensure that your email address is correct/functional.
 
   Home   Help Search Donate Login Register  
Pages: « 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 [49] 50 »
  Print  
Author Topic: Fisco / Tasse / Legge sul Bitcoin  (Read 131732 times)
ZuonKing
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 345


View Profile
May 30, 2016, 01:00:38 PM
 #961

Può essere utile...
http://www.fisco7.it/2014/03/per-lrw-torna-la-soglia-dei-10-000-euro/

- Fatto affari con: ZioMik, coinjedi, Paci (tramite PosteB.it), ghibly79, btcxcg, GIANNAT, cosacipwr, Pitchotto, MassimoBTC, eug3nio

----------------
Advertised sites are not endorsed by the Bitcoin Forum. They may be unsafe, untrustworthy, or illegal in your jurisdiction. Advertise here.
1481149964
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1481149964

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1481149964
Reply with quote  #2

1481149964
Report to moderator
BitNow
Hero Member
*****
Offline Offline

Activity: 546


- www.bitnow.it -


View Profile WWW
May 30, 2016, 01:04:17 PM
 #962


Scusami eh,ma vedo che gestisci un sito di compravendita...tu come ti comporti fiscalmente?


Ho appena risposto a questa domanda: per favore legga le risposte almeno prima di rispondere "nebulosamente".


Hai avuto rogne,grattacapi?O le tasse le paghi altrove?


È 3 mesi che BitNow (www.bitnow.it) è live e 9 mesi che faccio l'attività di trader: la prima dichiarazione la farò nel 2017 se supererò la soglia di PROFITTO di €8.000,00.


Cordiali saluti.

IdiDiMarzo2016
Newbie
*
Offline Offline

Activity: 26


View Profile
May 30, 2016, 01:05:44 PM
 #963


Scusami eh,ma vedo che gestisci un sito di compravendita...tu come ti comporti fiscalmente?


Ho appena risposto a questa domanda: per favore legga le risposte almeno prima di rispondere "nebulosamente".


Hai avuto rogne,grattacapi?O le tasse le paghi altrove?


È 3 mesi che BitNow (www.bitnow.it) è live e 9 mesi che faccio l'attività di trader: la prima dichiarazione la farò nel 2017 se supererò la soglia di PROFITTO di €8.000,00.


Cordiali saluti.


Chiedo scusa,avevo editato infatti,volevo capire se tale interpretazione derivava da un professionista fiscale o meno
pompatore
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 429


View Profile
May 30, 2016, 02:41:07 PM
 #964



Personalmente mi oriento in questo modo.
Attività principale: trading bitcoin (Localbitcoins, piattaforma personale, altro...) -> dichiarazione dei redditi normale per PROFITTO superiore a €8.000,00
Attività principale: lavoro subordinato o altro e trading bitcoin nel tempo libero -> dichiarazione dei redditi normale e aggiunta nel modello RW per PROFITTO di trading superiore a €10.000,00 nell'anno solare

La chiave è il PROFITTO: se il profitto che hai fatto nell'anno corrente supera certi limiti dichiara nella dichiarazione dei redditi o nel modello RW se tradi bitcoin a "tempo perso". Se non superi quelle soglie non dichiarare.


Cordiali saluti.
[/quote]



e nel quadro rw cosa scrivi? " profitto da trading bitcoin"? e non devi portare nessuna pezza giustificativa? nemmeno un estratto conto , niente di niente?
2016 ho speso parecchio per comprare casa quindi se nel 2015 non dichiaro nulla rischio controlli, quindi devo dichiarare.
Ma non c'è qualche commercialista scaltro esperto in materia che può aiutarmi dietro pagamento?

BitNow
Hero Member
*****
Offline Offline

Activity: 546


- www.bitnow.it -


View Profile WWW
May 30, 2016, 02:44:47 PM
 #965


e nel quadro rw cosa scrivi? " profitto da trading bitcoin"? e non devi portare nessuna pezza giustificativa? nemmeno un estratto conto , niente di niente?
2016 ho speso parecchio per comprare casa quindi se nel 2015 non dichiaro nulla rischio controlli, quindi devo dichiarare


Se l'obbiettivo è di dichiarare il meno possibile chieda al suo commercialista di fiducia.

Fare fede ad informazioni prese da un forum su Internet per sconfiggere l'ADE non è la scelta migliore.


Cordiali saluti.


EDIT: personalmente riporterei gli stampati dell'exchange con la variazione di prezzo tra data di acquisto / data di vendita con breve aggiunta scritta a mano con i passaggi per calcolare il profitto dalla sua operazione di trading.
I report degli exchange non hanno valore fiscale, ma un pezzo di carta in più è sempre utile.

pompatore
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 429


View Profile
June 01, 2016, 02:59:36 PM
 #966


e nel quadro rw cosa scrivi? " profitto da trading bitcoin"? e non devi portare nessuna pezza giustificativa? nemmeno un estratto conto , niente di niente?
2016 ho speso parecchio per comprare casa quindi se nel 2015 non dichiaro nulla rischio controlli, quindi devo dichiarare


Se l'obbiettivo è di dichiarare il meno possibile chieda al suo commercialista di fiducia.

Fare fede ad informazioni prese da un forum su Internet per sconfiggere l'ADE non è la scelta migliore.


Cordiali saluti.


EDIT: personalmente riporterei gli stampati dell'exchange con la variazione di prezzo tra data di acquisto / data di vendita con breve aggiunta scritta a mano con i passaggi per calcolare il profitto dalla sua operazione di trading.
I report degli exchange non hanno valore fiscale, ma un pezzo di carta in più è sempre utile.

io i miei btc non li ho acquistati ma minati

pompatore
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 429


View Profile
June 30, 2016, 03:34:25 PM
 #967

se io ricevo btc in donazione da mio padre e li vendo, devo pagarci delle tasse? che tasse?

newbbo
Newbie
*
Offline Offline

Activity: 2


View Profile
July 09, 2016, 10:33:31 AM
 #968

Una domanda. 2 anni fa ho registrato un dominio rimasto inutilizzato fino ad oggi. Qualche settimana fa sono stato contattato da un indiano molto interessato a questo dominio e adesso sono in procinto di venderlo. Considerando che lo venderei per 15 o 16 BTC (non voglio convertire in euro, voglio tenerli per il lungo periodo), come dovrei comportarmi per fare tutto nella legge dal punto di vista fiscale? Intendo dire che, tra 10 o 20 anni, a prescindere da quanto varranno, vorrei poterli liquidare nel rispetto della legge. Al momento sono uno studente a carico dei miei.

Grazie in anticipo
xxxgoodgirls
Hero Member
*****
Offline Offline

Activity: 686



View Profile
July 09, 2016, 03:38:18 PM
 #969

Una domanda. 2 anni fa ho registrato un dominio rimasto inutilizzato fino ad oggi. Qualche settimana fa sono stato contattato da un indiano molto interessato a questo dominio e adesso sono in procinto di venderlo. Considerando che lo venderei per 15 o 16 BTC (non voglio convertire in euro, voglio tenerli per il lungo periodo), come dovrei comportarmi per fare tutto nella legge dal punto di vista fiscale? Intendo dire che, tra 10 o 20 anni, a prescindere da quanto varranno, vorrei poterli liquidare nel rispetto della legge. Al momento sono uno studente a carico dei miei.

Grazie in anticipo

Se posso, di che dominio si è trattato?
newbbo
Newbie
*
Offline Offline

Activity: 2


View Profile
July 09, 2016, 03:41:32 PM
 #970

Una domanda. 2 anni fa ho registrato un dominio rimasto inutilizzato fino ad oggi. Qualche settimana fa sono stato contattato da un indiano molto interessato a questo dominio e adesso sono in procinto di venderlo. Considerando che lo venderei per 15 o 16 BTC (non voglio convertire in euro, voglio tenerli per il lungo periodo), come dovrei comportarmi per fare tutto nella legge dal punto di vista fiscale? Intendo dire che, tra 10 o 20 anni, a prescindere da quanto varranno, vorrei poterli liquidare nel rispetto della legge. Al momento sono uno studente a carico dei miei.

Grazie in anticipo

Se posso, di che dominio si è trattato?

Un dominio .com

Mi interesserebbe il vostro parere, spero mi aiutate.
dave00
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 282


View Profile
July 09, 2016, 05:59:27 PM
 #971

in teoria tra 10-20 anni se li vendi pagherai le tasse sulla plusvalenza, se ci hai guadagnato

To the moon!!! ┗(°0°)┛
pompatore
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 429


View Profile
July 18, 2016, 04:39:44 PM
 #972

Da oggi, infatti, l’Agenzia delle Entrate è raggiungibile su Facebook alla pagina www.facebook.com/agenziadelleentrate/.

Saranno possibili anche conversazioni private attraverso Facebook Messenger. L’agenzia non chiede alcun dato personale ma “si limita a rispondere ai dubbi  fiscali più comuni per aiutare i contribuenti ad adempiere correttamente agli obblighi fiscali”

Melupira89
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 378


BIM BUM...... SCAM!!!


View Profile
September 03, 2016, 06:36:31 PM
 #973

https://coinlexit.wordpress.com/2016/09/03/ris-min-72e-trattamento-fiscale-applicabile-alle-societa-che-svolgono-attivita-di-servizi-relativi-a-monete-virtuali/





BE YOUR OWN BANK
pompatore
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 429


View Profile
September 04, 2016, 06:23:36 AM
 #974

 https://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.it/

COINLEX (STEFANO CAPACCIOLI, NOSTRO PARTNER E SOCIO FONDATORE IN ASSOBIT) INTERPRETA LA NOTA DELLA AGENZIA DELLE ENTRATE SUL TRATTAMENTO FISCALE DEL BITCOIN! PRIMO IN ITALIA!
Ris. Min. 72/E – Trattamento fiscale applicabile alle società che svolgono attività di servizi relativi a monete virtuali.
L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la RM 72/E (sotto) prendendo per la prima volta posizione in merito al trattamento tributario delle valute virtuali, a seguito di un interpello presentato da una società che intende eseguire (per conto della propria clientela), operazioni di acquisto e vendita di bitcoin e aveva chiesto:

    Corretto trattamento a fini IVA, Ires e Irap
    Se in relazione alla predetta attività fosse soggetta ad adempimenti quale sostituto di imposta.

L’Agenzia ha risposto indicando l’esenzione IVA ai sensi dell’art. 10 primo comma nr. 3), in ossequio alla Sentenza C-264/14.
Le questioni problematiche che la RM pone sono:

    A fini delle imposte dirette sembra che l’Agenzia li consideri alla stregua di valute straniere (il riferimento all’art. 9 del TUIR) con valutazione a fine anno sulla base del valore corrente, contrariamente a quanto ricostruito sulla base dei principi contabili nazionale e internazionali che non considerano né possono considerare le valute virtuali quale moneta.
    Ad avviso dell’Agenzia delle Entrate tale attività sia assimilabile ai soggetti di cui all’art. 11 comma 2 lettera c) del DPR 231/02 (attività di cambiavalute) e estranei alla normativa del sostituto di imposta.

Orbene, l’assimilazione a valuta estera ai fini delle imposte dirette non è esplicitata chiaramente, ma ciò comporta che ai fini delle imposte dirette per le persone fisiche le eventuali plusvalenze siano redditi diversi di capitale derivanti dall’utilizzo di valute (Art. 67 TUIR  lettera c-ter) le plusvalenze, diverse da quelle di cui alle lettere c) e c-bis), realizzate mediante cessione a titolo oneroso ovvero rimborso di titoli non rappresentativi di merci, di certificati di massa, di valute estere, oggetto di cessione a termine o rivenienti da depositi o conti correnti, di metalli preziosi, sempreché siano allo stato grezzo o monetato, e di quote di partecipazione ad organismi d’investimento collettivo. Agli effetti dell’applicazione della presente lettera si considera cessione a titolo oneroso anche il prelievo delle valute estere dal deposito o conto corrente;
Ciò comporta difficoltà interpretative e di applicazione  in merito all’art. 67 del TUIR comma  1-ter TUIR che prevede la tassazione delle plusvalenze realizzate a fronte di prelievi di valuta è dovuta solo a condizione che, nell’anno solare, la giacenza complessiva di tutti i depositi e conti correnti in valuta intrattenuti sia superiore a 51.645,69 euro per almeno 7 giorni lavorativi continui (ved. RM 67/E del 6 luglio 2010).
Il secondo punto relativo all’assimilazione quale cambiavalute desta molti dubbi:

    L’Agenzia delle Entrate non ha alcun potere interpretativo del D.lgs 231/07 che spetta a Banca d’Italia (che peraltro si è già espressa).
    Pur apprezzando la categoria proposta quale cambiavalute (proposta in vari convegni e mie pubblicazioni), le riflessioni sottostanti sono superate dalla proposta di modifica presentata dalla Commissione Europea alla Direttiva AML4: se fosse applicabile la normativa di cui all’art, 11 comma secondo lettera c) quale cambiavalute (previsto nelle Direttiva AML4 come bureau d’exchange, come in quelle precedenti), che senso aveva proporre modifica per introdurre quali soggetti destinatari della normativa Exchanger e Custodian Wallet.

In definitiva lo sforzo dell’Agenzia delle Entrate è positivo ai fini IVA, ma lascia spazi di incertezza  (e posizioni non condivisibili) in merito alle imposte dirette e alla normativa AML.
Stefano Capaccioli


    RISOLUZIONE N. 72 /E
    ROMA 02/09/2016
    OGGETTO:
    Interpello ai sensi dell’art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212.
    Trattamento fiscale applicabile alle società che svolgono attività di servizi relativi a monete virtuali.
    Con l’interpello specificato in oggetto è stato esposto il seguente
    QUESITO
    La XXX S.r.l. (di seguito, “Società”) vorrebbe svolgere un’attività di servizi relativi alla moneta virtuale denominata “bitcoin”.
    In particolare, la Società intende eseguire, per conto della propria clientela, operazioni di acquisto/vendita di bitcoin e, tal fine, ha chiesto di conoscere:
    – il corretto trattamento applicabile alle predette operazioni di acquisto e di cessione di moneta virtuale, ai fini dell’Iva e delle imposte dirette (Ires ed Irap);
    – se, in relazione alla predetta attività, sia soggetta agli adempimenti in qualità di sostituto d’imposta.
    SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE
    Con riferimento alla attività di acquisto e vendita di bitcoin effettuata per conto dei propri clienti, la Società ritiene corretto assumere il seguente comportamento:
    – ai fini dell’Iva, applicare il regime di esenzione in quanto trattasi di operazioni relative a divise, banconote e monete con valore liberatorio di cui all’articolo 135, paragrafo 1, lettera e), della Direttiva 2006/112/CE;
    – ai fini delle imposte dirette, considerare i capital gain (ovvero capital loss) realizzati, ricavi e costi dell’attività caratteristica e, pertanto, farli concorrere, unitamente agli altri costi e ricavi conseguiti, alla determinazione del risultato d’esercizio civilistico e della base imponibile Ires ed Irap. Inoltre, nell’ipotesi in cui la Società detenga in proprio bitcoin a fine esercizio, la stessa sarà obbligata a fornirne adeguata informazione in bilancio, tenendo conto del fair value o valore corrente (come per le valute estere tradizionali). In tale ipotesi, gli utili e le perdite su cambi di natura solo valutativa non assumeranno rilevanza fiscale se non al momento del loro effettivo realizzo;
    – non assumere il ruolo di sostituto d’imposta nei confronti della propria clientela e, dunque, non applicare alcuna ritenuta di imposta sulle somme corrisposte ai clienti.
    PARERE DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE
    Il bitcoin è una tipologia di moneta “virtuale”, o meglio “criptovaluta”, utilizzata come “moneta” alternativa a quella tradizionale avente corso legale emessa da una Autorità monetaria.
    La circolazione dei bitcoin, quale mezzo di pagamento si fonda sull’accettazione volontaria da parte degli operatori del mercato che, sulla base della fiducia, la ricevono come corrispettivo nello scambio di beni e servizi, riconoscendone, quindi, il valore di scambio indipendentemente da un obbligo di legge.
    Si tratta, pertanto, di sistema di pagamento decentralizzato, che utilizza una rete di soggetti paritari (peer to peer) non soggetto ad alcuna disciplina regolamentare specifica né ad una Autorità centrale che ne governa la stabilità nella circolazione.
    Le criptovalute, inoltre, hanno due ulteriori fondamentali caratteristiche.
    In primo luogo, non hanno natura fisica, bensì digitale, essendo create, memorizzate e utilizzate non su supporto fisico bensì su dispositivi elettronici (ad esempio smartphone), nei quali vengono conservate in “portafogli elettronici” (cd. wallet) e sono pertanto liberamente accessibili e trasferibili dal titolare, in possesso delle necessarie credenziali, in qualsiasi momento, senza bisogno dell’intervento di terzi.
    In secondo luogo, i bitcoin vengono emessi e funzionano grazie a dei codici crittografici e a dei complessi calcoli algoritmici.
    In sostanza, i bitcoin vengono generati grazie alla creazione di algoritmi matematici, tramite un processo di mining (letteralmente “estrazione”) e i soggetti che creano e sviluppano tali algoritmi sono detti miner.
    Lo scambio dei predetti codici criptati tra gli utenti (user), operatori sia economici che privati, avviene per mezzo di una applicazione software. Per utilizzare i bitcoin, gli utenti devono entrarne in possesso:
    – acquistandoli da altri soggetti in cambio di valuta legale;
    – accettandoli come corrispettivo per la vendita di beni o servizi.
    Gli user utilizzano le monete virtuali, in alterativa alle valute tradizionali principalmente come mezzo di pagamento per regolare gli scambi di beni e servizi ma anche per fini speculativi attraverso piattaforme on line che consentono lo scambio di bitcoin con altre valute tradizionali sulla base del relativo tasso cambio (ad esempio, è possibile scambiare bitcoin con euro al tasso BTC/EURO).
    Con riferimento al trattamento fiscale applicabile alle operazioni relative ai bitcoin e, in generale, alle valute virtuali, non si può prescindere da quanto affermato dalla Corte di Giustizia dell’Unione europea nella sentenza 22 ottobre 2015, causa C-264/14.
    In tale occasione, sebbene agli effetti dell’Iva, la Corte europea ha riconosciuto che le operazioni che consistono nel cambio di valuta tradizionale contro unità della valuta virtuale bitcoin e viceversa, effettuate a fronte del pagamento di una somma corrispondente al margine costituito dalla differenza tra il prezzo di acquisto delle valute e quello di vendita praticato dall’operatore ai propri clienti, costituiscono prestazioni di servizio a titolo oneroso.
    Più precisamente, secondo i giudici europei, tali operazioni rientrano tra le operazioni “relative a divise, banconote e monete con valore liberatorio” di cui all’articolo 135, paragrafo 1, lettera e), della direttiva 2006/112/CE.
    In assenza di una specifica normativa applicabile al sistema delle monete virtuali, la predetta sentenza della Corte di Giustizia costituisce necessariamente un punto di riferimento sul piano della disciplina fiscale applicabile alle monete virtuali e, nello specifico ai bitcoin.
    In ossequio a quanto affermato dai giudici europei, pertanto, si ritiene che l’attività di intermediazione di valute tradizionali con bitcoin, svolta in modo professionale ed abituale, costituisce una attività rilevante oltre agli effetti dell’Iva anche dell’Ires e dell’Irap.
    In particolare, ai fini del trattamento Iva, si fa presente che il caso analizzato dai giudici europei (simile a quello descritto nell’istanza in esame), riguarda un soggetto che svolge l’attività di cessione e acquisto di valuta virtuale (bitcoin) in cambio di valuta “tradizionale”. Il compenso per tale attività è determinato in misura pari al margine che scaturisce dalla differenza (ipotizzando il caso di vendita di bitcoin da parte dell’operatore), da un lato, tra il prezzo che il cliente è disposto a pagare per acquistare una unità di moneta virtuale e, dall’altro, la miglior quotazione del bitcoin stesso disponibile sul mercato.
    La Corte, al riguardo, stabilisce:
    – in primo luogo, che l’attività di commercializzazione di bitcoin deve essere qualificata quale prestazione di servizi effettuata a titolo oneroso e, inoltre,
    – che le prestazioni in esame, pur riguardando operazioni relative a valute non tradizionali (e cioè diverse dalle monete con valore liberatorio in uno o più Paesi), “costituiscono operazioni finanziarie in quanto tali valute siano state accettate dalle parti di una transazione quale mezzo di pagamento alternativo ai mezzi di pagamento legali e non abbiano altre finalità oltre a quella di un mezzo di pagamento”.
    Sussistendo tali condizioni, le prestazioni di servizi in esame rientrano nella previsione di esenzione di cui all’articolo 135, paragrafo 1, lettera e), della direttiva 2006/112/CE. Secondo la Corte, infatti, “risulta …. che un’interpretazione di tale disposizione secondo la quale essa disciplina le operazioni relative alle sole valute tradizionali si risolverebbe nel privarla di parte dei suoi effetti.
    Nel procedimento principale, è pacifico che la valuta virtuale «bitcoin» non abbia altre finalità oltre a quella di un mezzo di pagamento e che essa sia accettata a tal fine da alcuni operatori.
    Conseguentemente, si deve concludere che l’articolo 135, paragrafo 1, lettera e), della direttiva Iva disciplina anche le prestazioni di servizi come quelle oggetto del procedimento principale, che consistono nel cambio di valuta tradizionale contro unità della valuta virtuale «bitcoin» e viceversa, effettuate a fronte del pagamento di una somma corrispondente al margine costituito dalla differenza tra, da una parte, il prezzo al quale l’operatore interessato acquista le valute e, dall’altra, il prezzo al quale le vende ai suoi clienti”.
    Alla luce di tali principi, si deve ritenere, per quanto concerne il caso illustrato con l’istanza di interpello, che l’attività che la Società intende porre in essere, remunerata attraverso commissioni pari alla differenza tra l’importo corrisposto dal cliente che intende acquistare/vendere bitcoin e la migliore quotazione reperita dalla Società sul mercato, debba essere considerata ai fini Iva quale prestazione di servizi esenti ai sensi dell’articolo 10, primo comma, n. 3), del d.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633.
    Coerentemente all’inquadramento giurisprudenziale europeo, ai fini della tassazione diretta, si ritiene che la Società debba assoggettare ad imposizione i componenti di reddito derivanti dalla attività di intermediazione nell’acquisto e vendita di bitcoin, al netto dei relativi costi inerenti a detta attività.
    Nella fattispecie in esame, in particolare, operativamente:
    – in caso di ordine di acquistare, il cliente anticipa le risorse finanziarie alla Società che, effettuato l’acquisto di bitcoin, provvede a registrare nel wallet (“borsellino”) del cliente i codici relativi ai bitcoin acquistati;
    – in caso di ordine di vendere, la Società preleva dal cliente i bitcoin e gli accredita, successivamente al completamento effettivo della vendita, la somma convenuta.
    Il guadagno (o la perdita) di competenza della Società è rappresentato dalla differenza tra quanto anticipato dal cliente e quanto speso dalla Società per l’acquisto o tra quanto incassato dalla Società per la vendita e quanto riversato al cliente.
    Tale elemento di reddito – derivante dalla differenza (positiva o negativa) tra prezzi di acquisto sostenuti dall’istante e costi di acquisto a cui si è impegnato il cliente (nel caso in cui quest’ultimo abbia affidato alla Società l’incarico a comprare) o tra prezzi di vendita praticati dall’istante e ricavi di vendita garantiti al cliente (nel caso di affidamento di incarico a vendere) – è ascrivibile ai ricavi (o ai costi) caratteristici di esercizio dell’attività di intermediazione esercitata e, pertanto, contribuiscono quali elementi positivi (o negativi) alla formazione della materia imponibile soggetta ad ordinaria tassazione ai fini Ires (ed Irap).
    Con riferimento, ai bitcoin che a fine esercizio sono nella disponibilità (a titolo di proprietà) della Società si ritiene che gli stessi debbano essere valutati secondo il cambio in vigore alla data di chiusura dell’esercizio e tale valutazione assume rilievo ai fini fiscali ai sensi dell’articolo 9 del testo unico delle imposte sui redditi approvato con d.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 (Tuir). Occorre, quindi, far riferimento al valore normale, intendendosi per tale il valore corrispondente alla quotazione degli stessi bitcoin al termine dell’esercizio.
    A tal fine potrebbe ben farsi riferimento alla media delle quotazioni ufficiali rinvenibili sulle piattaforme on line in cui avvengono le compravendite di bitcoin.
    Per quanto riguarda, la tassazione ai fini delle imposte sul reddito dei clienti della Società, persone fisiche che detengono i bitcoin al di fuori dell’attività d’impresa, si ricorda che le operazioni a pronti (acquisti e vendite) di valuta non generano redditi imponibili mancando la finalità speculativa.
    La Società, pertanto, non è tenuta ad alcun adempimento come sostituto d’imposta.
    Resta inteso, che l’Amministrazione Finanziaria ha facoltà, in sede di controllo, di acquisire le liste della clientela al fine di porre in essere le opportune verifiche anche a seguito di richieste da parte della Autorità giudiziaria.
    Da ultimo, si ritiene che la Società istante, intenzionata ad esercitare professionalmente l’attività di negoziazione a pronti di valuta, sia assimilabile ai soggetti di cui all’articolo 11, comma 2, lettera c), del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231.
    Pertanto, l’istante sarà tenuta agli obblighi di adeguata verifica della clientela, di registrazione nonché di segnalazione ai sensi del medesimo decreto legislativo n. 231 del 2007.
    Le Direzioni regionali vigileranno affinché i principi enunciati e le istruzioni fornite con la presente risoluzione vengano puntualmente osservati dalle Direzioni provinciali e dagli Uffici dipendenti.
    IL DIRETTORE CENTRALE


IdiDiMarzo2016
Newbie
*
Offline Offline

Activity: 26


View Profile
September 04, 2016, 09:15:10 AM
 #975

Insomma migliaia di parole per fare lo scaricabarile su banca d'italia e dire che ogni società che accetta bitcoin per ora lo fa a suo rischio e pericolo  Roll Eyes Poi dicono che cresciamo dello 0,1%,stiamo perdendo l'ennesimo treno e questi si rigirano i pollici
IdiDiMarzo2016
Newbie
*
Offline Offline

Activity: 26


View Profile
September 07, 2016, 12:34:11 PM
 #976

qua http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2016-09-06/le-operazioni-bitcoin-non-tassabili-come--banconote--215301.shtml?uuid=ADjn9vFB

è spiegato un pò meglio il tutto.

Quote
La risoluzione 72/E del 2016 – che ha esaminato alcune problematiche tributarie inerenti il bitcoin (la più nota fra le oltre 500 “valute virtuali” conosciute) – sancisce, in generale, che «le operazioni a pronti (acquisti e vendite) di valuta non generano redditi imponibili mancando la finalità speculativa». L’affermazione (corretta) deve essere letta nel contesto della risposta. L’Agenzia, in primo luogo, aderisce all’impostazione secondo cui le valute virtuali sono comunque “valute”, approccio, peraltro, coerente con la sentenza della Corte di giustizia C-264/14 che le assimila alle divise, banconote e monete con valore liberatorio in generale.

[...]

Fatta questa premessa, si deve considere l’articolo 67 del Testo unico; in particolare il comma 1, lettera c-ter) e il comma 1-quater. La lettera c-ter) annovera fra i «redditi diversi di natura finanziaria» le plusvalenze realizzate mediante cessione a titolo oneroso di valute estere, quando sono oggetto di cessione a termine o sono rivenienti da depositi o conti correnti, e assimila i prelievi da depositi e conti correnti alle cessioni a titolo oneroso. Il comma 1-quater introduce un limite alla rilevanza fiscale delle cessioni di valute estere. La tassazione opera solo se, nel periodo d’imposta, la giacenza dei depositi e conti correnti complessivamente intrattenuti dal contribuente, calcolata secondo il cambio vigente all’inizio del periodo di riferimento sia superiore a 51.645,69 euro per almeno sette giorni lavorativi continui.
Il Sole 24 Ore - leggi su http://24o.it/DqGREh

Come al solito tocca scartabellare tra leggi ed interpretazioni bizantine.In pratica da quel che ho capito se avete acquistato bitcoin e li usate per acquistare merci non c'è nessuna tassazione o dichiarazione da fare,idem se li avete conservati in luoghi diversi da conti corrente,a prescindere dal loro valore.Gli exchange da quel che so sono considerati "cambiavalute" e pertanto se li tenete in deposito là (pessima idea) siete esentati dalla dichiarazione.Infine sull'acquisto/vendita a fini speculativi facendo transitare il tutto via conto corrente:se ho capito bene fino al limite dell'equivalente di 51.645,69 euro detenuti per 7 giorni continuativi (incluse altre valute eventualmente detenute) non c'è tassazione da applicare.Il problema è però stabilire il cambio,visto che non è valuta riconosciuta.

Non solo

Quote
Una conseguenza di questa ricostruzione è che se una banca italiana riceverà dal cliente un ordine di bonifico verso un conto corrente estero per l’acquisto di moneta virtuale applicherà, come di consueto, le norme sul monitoraggio fiscale dei trasferimenti da e verso l’estero, mentre se l’ordine sarà indirizzato a un conto italiano dovrà ulteriormente distinguere: se il conto addebitato è in valuta estera, dovrà compilare il quadro SO del 770, codice G o K, in presenza degli ulteriori presupposti; altrimenti non effettuerà alcuna specifica comunicazione.
Il Sole 24 Ore - leggi su http://24o.it/DqGREh

Insomma acquistando bitcoin facendo bonifici da e verso l'italia decade anche il monitoraggio fiscale!
robitax
Newbie
*
Offline Offline

Activity: 3


View Profile
September 08, 2016, 03:26:14 AM
 #977

Buone notizie

http://punto-informatico.it/4338076/PI/News/bitcoin-niente-iva-anche-italia.aspx
Black_Scipio
Newbie
*
Offline Offline

Activity: 4

Per Aspera ad Astra


View Profile
September 11, 2016, 09:31:44 PM
 #978

Ciao a tutti.
In realtà, pur essendo iscritto al forum da poco, seguo da tempo le discussioni e frequento il mondo bitcoin da un paio di anni.  Cheesy

Sapete per caso qual'è l'importo massimo di flat che posso depositare in banca, avendoli precedentemente scambiati con bitcoin, oltre il quale scattano i controlli fiscali?  Huh

Grazie.
pompatore
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 429


View Profile
September 14, 2016, 05:11:18 PM
 #979

Dilemma fiscale

Proprio per risolvere questo dilemma Dattilo ha presentato un interpello all’Agenzia delle Entrate ottenendo una risposta molto precisa: «Per quanto riguarda la tassazione ai fini delle imposte sul reddito dei clienti della Società, persone fisiche che detengono i bitcoin al di fuori dell’attività d’impresa, si ricorda che le operazioni a pronti (acquisti e vendite) di valuta non generano redditi imponibili mancando la finalità speculativa» si legge nel documento fresco di pubblicazione. Dunque: niente tasse. Niente capital gain. Niente. Un risultato non da poco se si considera che le fluttuazioni dei bitcoin possono essere notevoli. Solo negli ultimi dodici mesi siamo passati da una quotazione di circa 220 dollari per bitcoin a oltre 600 (ragione per cui bisogna fare molta attenzione, visto che, come sono saliti i bitcoin, in passato, sono anche scesi drasticamente, soprattutto quando è emersa qualche frode come il crac della Borsa giapponese, Mt Gox, due anni fa). Inoltre, ciliegina sulla torta, niente Iva, in quanto il bitcoin come valuta non può essere considerato un bene. Unica accortezza: per evitare di essere considerati speculatori, e uscire così dalla definizione data nel documento, bisognerebbe evitare di tenere una giacenza media di 51 mila euro per sette giorni. L’Agenzia, comunque, non ne fa cenno. La sensazione è che per ora si sia aperta una finestra molto favorevole che non è detto che rimanga. Per Dattilo e Miccoli si tratta anche di un ottimo risultato per il Paese: «L’Italia è il primo Paese, sicuramente in Europa, che ha dato una interpretazione chiara dal punto di vista fiscale sulla compravendita dei bitcoin. È una pietra miliare. Anche negli Stati Uniti bisogna mettere i guadagni nella dichiarazione dei redditi, vista l’incertezza interpretativa. Questo documento dell’Agenzia rende più facile l’adozione dei bitcoin in Italia». Il bitcoin nel nostro Paese non ha mai scaldato particolarmente gli animi, almeno non quello dei piccoli risparmiatori. Per la moneta senza banca si apre ora la prova del mercato.

http://www.corriere.it/economia/16_settembre_10/conio-prima-societa-italiana-che-vende-prodotti-bitcoin-edfce7f0-7796-11e6-a5b1-4fe0f4da1c53.shtml

ghibly79_temp
Jr. Member
*
Offline Offline

Activity: 31

ghibly79, vedi trust/see trust


View Profile
September 16, 2016, 03:42:48 PM
 #980

Rimando alla mia risposta qui ---> https://bitcointalk.org/index.php?topic=1616996.msg16268525#msg16268525

(Account temporaneo di ghibly79, vedi trust)
Pages: « 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 [49] 50 »
  Print  
 
Jump to:  

Sponsored by , a Bitcoin-accepting VPN.
Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines Valid XHTML 1.0! Valid CSS!