Bitcoin Forum
July 17, 2018, 01:12:29 AM *
News: Latest stable version of Bitcoin Core: 0.16.1  [Torrent]. (New!)
 
   Home   Help Search Donate Login Register  
Pages: « 1 ... 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 [97] 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 »
  Print  
Author Topic: Fisco / Tasse / Legge sul Bitcoin  (Read 203874 times)
lorol
Jr. Member
*
Offline Offline

Activity: 60
Merit: 0


View Profile
January 26, 2018, 12:44:15 PM
 #1921

Infatti, io li ho fatti con il mining......almeno è quello che gli dico ahahah. Tanto a questo punto o scoppia una rivoluzione in questo paese per sistemare le cose oppure diventa un paese islamico.
Automated Bitcoin Fork Extraction Tool WE DO TOUGH WALLETS: BCH | BTG | BCD | SBTC | UBTC | B2X | BCX | BTF Electrum 2FA, Trezor, Ledger, SegWit, Bech32
Advertised sites are not endorsed by the Bitcoin Forum. They may be unsafe, untrustworthy, or illegal in your jurisdiction. Advertise here.
1531789949
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1531789949

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1531789949
Reply with quote  #2

1531789949
Report to moderator
lorol
Jr. Member
*
Offline Offline

Activity: 60
Merit: 0


View Profile
January 26, 2018, 01:14:43 PM
 #1922

Certo che quando sento questi discorsi mi incazzo proprio.....Ecco perchè questo paese va male, perchè ci sono dei poveri pazzi come voi che vogliono pagare il 26 per cento di tasse, anzi no facciamo un bel 50%, di cui una buona parte va allo stato illegale del vaticano, QUANDO IN ITALIA NON ESISTE ALCUNA LEGGE IN MERITO AL PAGAMENTO DI TASSE DALLE CRIPTOMONETE. Se mi arriva un bonifico da 100k io incasso in contanti e buonanotte. Che il fisco poi faccia da solo ,se vuole, le sue verifiche per accertarsi da dove venga io mio denaro. Tanto quando poi vede che è stato fatto da un exchange finisce tutto li, e poi non pago di sicuro tasse per una LEGGE CHE NON ESISTE.

Ma sei fuori? Le cose stanno esattamente al contrario.

Non è previsto che esista una legge per ogni modo di guadagnare; una legge per far pagare le tasse a chi vende detersivi, una diversa per far pagare le tasse a chi vende magliette e così via...
Esistono invece norme che inquadrano i diversi tipi di guadagno (reddito da lavoro, rendita da capitale) e quanto è previsto pagare per ciascuna categoria.

Se non esistesse alcuna legge, ci sarebbe da pagare il 26% perché si rientrerebbe nella rendita da capitale.
Al contrario, esiste una normativa (non è proprio una legge): la mitica risoluzione 72/e del 02/09/2016. Questa sostiene proprio che i privati cittadini non sono tenuti a pagare o dichiarare i proventi della vendita di valute virtuali. E' solo grazie a questa che possiamo evitare di pagare il 26%.

Anche per quanto concerne le verifiche ti sbagli di grosso: l'onere della prova spetta a te!
In caso di verifica, tocca te DIMOSTRARE la provenienza del denaro altrimenti sono guai.

Questo è il vero punto dolente: fino a che punto si vorranno spingere i controlli?
Ok, il bonifico viene dall'exchage ma le monete che hai venduto da dove le hai prese? Riesci a dimostrarlo?
Bada bene: non importa se hai torto o ragione, importa solo quello che riesci a dimostrare.



Ero già a conoscenza più o meno di questa normativa. Quindi in questa normativa ricadono anche i bonifici superiori a 51k? Se me lo confermi allora avevo ragione io, ALTRO CHE CONTRARIO!! STATE DISCUTENDO SUL NULLA NELLA SPERANZA DI PAGARE TASSE. ROBA DA NON CREDERE. Se hanno introdotto questa normativa di sicuro non la toglieranno mai. Nessuno partito vorrebbe introdurre ancora tasse per vedersi diminuire quei pochi voti che ancora possiede in questo caos parlamentare. Vedete di mettere la normativa in evidenza così da non spaventare i nuovi arrivati.
Andreitos97
Jr. Member
*
Offline Offline

Activity: 82
Merit: 0


View Profile
January 26, 2018, 02:09:56 PM
 #1923

Infatti, io li ho fatti con il mining......almeno è quello che gli dico ahahah. Tanto a questo punto o scoppia una rivoluzione in questo paese per sistemare le cose oppure diventa un paese islamico.

Eh ma se gli dici che provengono dal mining... Come fai a dimostrarlo?

gnigno77
Jr. Member
*
Offline Offline

Activity: 74
Merit: 1


View Profile
January 26, 2018, 02:18:43 PM
 #1924

Infatti, io li ho fatti con il mining......almeno è quello che gli dico ahahah. Tanto a questo punto o scoppia una rivoluzione in questo paese per sistemare le cose oppure diventa un paese islamico.

come fai a dimostrarlo che fai mining se non fai mining?
conspirosphere.tk
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 2352
Merit: 1064


Bitcoin is antisemitic


View Profile
January 26, 2018, 02:50:01 PM
 #1925

come fai a dimostrarlo che fai mining se non fai mining?

Io ne ho fatti con il mining quando si minavano btc con le vga (su qualche pool ormai chiuso), da allora ho spostato questi btc tra diversi wallet ed exchange (di cui qualcuno ormai svanito). Come potrei dimostrare qualcosa?
Andreitos97
Jr. Member
*
Offline Offline

Activity: 82
Merit: 0


View Profile
January 26, 2018, 02:54:51 PM
 #1926

come fai a dimostrarlo che fai mining se non fai mining?

Io ne ho fatti con il mining quando si minavano btc con le vga (su qualche pool ormai chiuso), da allora ho spostato questi btc tra diversi wallet ed exchange (di cui qualcuno ormai svanito). Come potrei dimostrare qualcosa?

Infatti ma in caso di accusa di antiriciclaggio, sei tu a dover dimostrare la provenienza lecita.
conspirosphere.tk
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 2352
Merit: 1064


Bitcoin is antisemitic


View Profile
January 26, 2018, 03:19:00 PM
 #1927

come fai a dimostrarlo che fai mining se non fai mining?

Io ne ho fatti con il mining quando si minavano btc con le vga (su qualche pool ormai chiuso), da allora ho spostato questi btc tra diversi wallet ed exchange (di cui qualcuno ormai svanito). Come potrei dimostrare qualcosa?

Infatti ma in caso di accusa di antiriciclaggio, sei tu a dover dimostrare la provenienza lecita.

Infatti é percio' che in Italia non vedranno mai una lira dei miei guadagni.
gnigno77
Jr. Member
*
Offline Offline

Activity: 74
Merit: 1


View Profile
January 26, 2018, 03:55:04 PM
 #1928

come fai a dimostrarlo che fai mining se non fai mining?

Io ne ho fatti con il mining quando si minavano btc con le vga (su qualche pool ormai chiuso), da allora ho spostato questi btc tra diversi wallet ed exchange (di cui qualcuno ormai svanito). Come potrei dimostrare qualcosa?

Semplicemente gli dici la verità.
Sarà previsto nelle future tassazioni il caso del mining.
Ma tanto sinchè tenete tutto nei wallet e/o sinchè non arrivate a controvalori in euro alti non c'è nessun problema  Grin
Sampey
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1848
Merit: 1016



View Profile
January 26, 2018, 04:04:01 PM
 #1929

come fai a dimostrarlo che fai mining se non fai mining?

Io ne ho fatti con il mining quando si minavano btc con le vga (su qualche pool ormai chiuso), da allora ho spostato questi btc tra diversi wallet ed exchange (di cui qualcuno ormai svanito). Come potrei dimostrare qualcosa?

Infatti ma in caso di accusa di antiriciclaggio, sei tu a dover dimostrare la provenienza lecita.

Ma non è vero.
Non confondiamo un'accusa di riciclaggio con la busta dell' ADE.
Cioè vi è chiaro cosa è il riciclaggio? https://it.wikipedia.org/wiki/Riciclaggio_di_denaro
Un controllo AML non è un'ACCUSA di riciclaggio.

lukax8
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 616
Merit: 261



View Profile
January 26, 2018, 06:16:30 PM
 #1930

Ti parlo del mio caso personale:
ho effettuato diversi bonifici dal mio conto corrente bancario verso Coinbase per acquistare ETH e BTC.
Questi miei movimenti sono tracciati.
Successivamente ho utilizzato BTC per acquistare altre criptovalute su Bittrex.
E anche questi movimenti sono tracciati sull'exchange.
Ho successivamente venduto le criptovalute in BTC e poi venduto questi ultimi con pagamento tramite bonifico bancario sul mio conto corrente.
Anche queste operazioni sono tracciate.
Quindi non vedo quale sia il problema di dimostrare la provenienza di soldi e monete.......

Tutto bene se:
hai traccia delle transazioni da Coinbase a Bittrex
hai almeno uno screenshot delle vendite effettuate su Bittrex

Ti conviene raccoglierla subito la documentazione, metti che domani Bittrex chiude.

Non serve che bittrex chiuda, basta che eliminano lo storico come hanno fatto qualche settimana fa... Se avevi uno screenshot bene, altrimenti ciao... hanno fatto tutto senza preavviso. Non so se via ticket ti inviano lo storico delle transazioni

██████████████████████████████████████████████████
████████████████████▀▀▀    ▀▀▀████████████████████
██████████████▀      ▄▄▄▄▄▄▄▄      ▀██████████████
███████████▀   ▄██████████████████▄   ▀███████████
█████████    █████████████████████████   █████████
███████`  █████▀      █▌  ██████████████   ███████
██████  █████▀  ▄██████▌  ███████▀▀███████  ▀█████
████▀  ██████  ████████▌  █████▀   ▄███████  ▐████
████  ███████  ████████▌  ███▀   ▄██████████  ████
███  ████████  ▀███████▌  ██   ▄█████████████  ███
███  █████████▄  ▀█████▌  ███████████████████  ███
███  ███████████▄    ▐█▌  ██     ▀███████████  ███
███  ██████████████████▌  ██████▄  ▀█████████  ███
███  ██████████████████▌  ████████▄  ████████  ███
███▌  ████████▌               █████  ███████  ▐███
████▄  ████████████████▌  █████████  ██████▀  ████
█████▄  ███████████████▌  ███████▀  ▄█████   █████
███████  ▀█████████████▌  ███▀▀▀  ▄█████▀  ███████
████████▄   ████████████▄▄███▄▄▄▄█████▀  ▄████████
███████████   ▀████████████████████▀    ██████████
██████████████     ▀▀████████▀▀      █████████████
██████████████████▄▄          ▄▄██████████████████
██████████████████████████████████████████████████
Pool of Stake









ICO Starts
▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀
May 2nd




▬  LinkedIn   II   BitcoinTalk  ▬
Medium   II   Telegram   II   Facebook
▬  Twitter   II   YouTube  ▬


BamBam78
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 280
Merit: 100


View Profile
January 27, 2018, 01:59:33 AM
 #1931

Ti parlo del mio caso personale:
ho effettuato diversi bonifici dal mio conto corrente bancario verso Coinbase per acquistare ETH e BTC.
Questi miei movimenti sono tracciati.
Successivamente ho utilizzato BTC per acquistare altre criptovalute su Bittrex.
E anche questi movimenti sono tracciati sull'exchange.
Ho successivamente venduto le criptovalute in BTC e poi venduto questi ultimi con pagamento tramite bonifico bancario sul mio conto corrente.
Anche queste operazioni sono tracciate.
Quindi non vedo quale sia il problema di dimostrare la provenienza di soldi e monete.......

Tutto bene se:
hai traccia delle transazioni da Coinbase a Bittrex
hai almeno uno screenshot delle vendite effettuate su Bittrex

Ti conviene raccoglierla subito la documentazione, metti che domani Bittrex chiude.

Non serve che bittrex chiuda, basta che eliminano lo storico come hanno fatto qualche settimana fa... Se avevi uno screenshot bene, altrimenti ciao... hanno fatto tutto senza preavviso. Non so se via ticket ti inviano lo storico delle transazioni

A me lo storico delle transazione su bittrex è ben visibile...
trader34
Member
**
Offline Offline

Activity: 224
Merit: 37

RAWG Don’t mine. Play!


View Profile WWW
January 27, 2018, 04:34:57 AM
 #1932

Certo che quando sento questi discorsi mi incazzo proprio.....Ecco perchè questo paese va male, perchè ci sono dei poveri pazzi come voi che vogliono pagare il 26 per cento di tasse, anzi no facciamo un bel 50%, di cui una buona parte va allo stato illegale del vaticano, QUANDO IN ITALIA NON ESISTE ALCUNA LEGGE IN MERITO AL PAGAMENTO DI TASSE DALLE CRIPTOMONETE. Se mi arriva un bonifico da 100k io incasso in contanti e buonanotte. Che il fisco poi faccia da solo ,se vuole, le sue verifiche per accertarsi da dove venga io mio denaro. Tanto quando poi vede che è stato fatto da un exchange finisce tutto li, e poi non pago di sicuro tasse per una LEGGE CHE NON ESISTE.

Ma sei fuori? Le cose stanno esattamente al contrario.

Non è previsto che esista una legge per ogni modo di guadagnare; una legge per far pagare le tasse a chi vende detersivi, una diversa per far pagare le tasse a chi vende magliette e così via...
Esistono invece norme che inquadrano i diversi tipi di guadagno (reddito da lavoro, rendita da capitale) e quanto è previsto pagare per ciascuna categoria.

Se non esistesse alcuna legge, ci sarebbe da pagare il 26% perché si rientrerebbe nella rendita da capitale.
Al contrario, esiste una normativa (non è proprio una legge): la mitica risoluzione 72/e del 02/09/2016. Questa sostiene proprio che i privati cittadini non sono tenuti a pagare o dichiarare i proventi della vendita di valute virtuali. E' solo grazie a questa che possiamo evitare di pagare il 26%.

Anche per quanto concerne le verifiche ti sbagli di grosso: l'onere della prova spetta a te!
In caso di verifica, tocca te DIMOSTRARE la provenienza del denaro altrimenti sono guai.

Questo è il vero punto dolente: fino a che punto si vorranno spingere i controlli?
Ok, il bonifico viene dall'exchage ma le monete che hai venduto da dove le hai prese? Riesci a dimostrarlo?
Bada bene: non importa se hai torto o ragione, importa solo quello che riesci a dimostrare.



Ero già a conoscenza più o meno di questa normativa. Quindi in questa normativa ricadono anche i bonifici superiori a 51k? Se me lo confermi allora avevo ragione io, ALTRO CHE CONTRARIO!! STATE DISCUTENDO SUL NULLA NELLA SPERANZA DI PAGARE TASSE. ROBA DA NON CREDERE. Se hanno introdotto questa normativa di sicuro non la toglieranno mai. Nessuno partito vorrebbe introdurre ancora tasse per vedersi diminuire quei pochi voti che ancora possiede in questo caos parlamentare. Vedete di mettere la normativa in evidenza così da non spaventare i nuovi arrivati.


C'è un errore di fondo, non c'è nessuna normativa riguardo alle criptovalute. C'è solo la risoluzione n. 72 del 2016, in risposta ad un interpello fatto da un'azienda, dove si evidenzia che la cessione a pronti (semplice compravendita) di criptovalute non è soggetta a tassazione per le persone fisiche (non per le imprese) perchè non c'è intento speculativo, con riferimento al discorso della legge sulla detenzione di valuta estera (quindi non c'è intento speculativo se non si detiene più di € 51.000 in valuta estera per più di 7 giorni consecutivi nel corso dell'anno solare).

Questa risoluzione, essendo un'interpello, non ha il benchè minimo valore legale. Vale solo per chi ha fatto l'interpello (e questa persona in teoria, nel suo caso specifico, dovrebbe essere tranquillo). Può fornire un'indicazione di massima su come comportarsi, ma ripeto, non essendo legge, non ha valore legale... In qualunque momento, una volta fatta la legge, quest'ultima avrebbe valore retroattivo e lo stato andrebbe a controllare e recuperare tutti i tributi non pagati negli anni precedenti.

Certo che la ratio di tutto il discorso che stiamo facendo è per l'appunto l'intento speculativo: se uno fa trading continuamente, difficile negare l'intento speculativo per mia opinione personale... Infatti vari commercialisti non interpretano letteralmente questa risoluzione. Per esempio, qua c'è un commento interessante ad opera di uno studio di commercialisti esperti in criptovalute:

http://www.mysolution.it/fisco/approfondimenti/commenti/2017/06/commento-30-giugno-2017-n.-1220/

Per il discorso dei 51.000 euro, bisogna considerare l'intero ammontare di tutte le proprie detenzioni in valuta estera nello stesso momento: se tale ammontare supera € 51.000 per almeno 7 giorni consecutivi, sulla cifra eccedente è necessario pagare le tasse sul capital gain (26%).

Il problema è che non c'è un tasso di cambio ufficiale per le criptovalute: per cui sarebbe un gran casino anche calcolare la fantomatica soglia dei 51.000 euro in un dato momento, considerando poi la volatilità di questo mercato... Inoltre, l'Unione Europea, con un'importante risoluzione (non me la ricordo ora, basta cercarla) ha escluso l'equiparazione delle criptovalute a valuta estera, assimilandole invece a degli strumenti finanziari.

La nostra Agenzia delle Entrate, con la risoluzione citata prima (72/2006) sembra orientarsi in maniera differente al momento, orientandosi verso l'assimilazione a valuta estera (per cui il discorso dei € 51.000), ma era solo la risposta ad un interpello: quando gli stati europei normeranno la materia con delle leggi, probabilmente dovranno attenersi a quanto già stabilito dall'Unione Europea e le criptovalute saranno considerati strumenti finanziari. Probabilmente le prime leggi ci saranno già da quest'anno, ormai a sentire le news è considerato da molti stati una priorità (vedi anche Francia e Germania)...

Anche altre persone (privati) hanno fatto un'interpello ed è stata confermata la non tassabilità per le operazioni a pronti: ma si trattava sempre, mi pare di ricordare, di una singola operazione fatta in un investimento in bitcoin (non a leva ovviamente, a leva = speculazione), ritrasformato in euro dopo un pò di tempo. Non mi pare che nessuno abbia mai fatto un interpello relativo all'attività di trading costante sulle altcoin (che difficilmente credo si possa evitare di considerarla speculativa...), ma più che altro su un'investimento che poi è salito di valore nel 2017.

Diciamo che allo stato attuale non c'è chiarezza sul dà farsi nel trading, d'altronde come potrebbe esserci visto che non ci sono leggi? Il mio consiglio è che se si fa cash out di somme anche solo un minimo consistenti, conviene sempre rivolgersi ad un commercialista che dirà come meglio procedere. Qualunque legge uscirà a breve, uno almeno così facendo si evita problemi successivi (almeno c'è la buona volontà che il fisco dovrebbe riconoscere  Wink)...

Questo ovviamente è il discorso per quanto riguarda l'Agenzia delle Entrate, e quindi la fiscalità. Leggendo però alcuni alcuni post precedenti, si fa confusione invece con quanto invece attiene la Guardia di Finanza: quest'ultima ha un'altro compito, cioè valutare eventuali usi illeciti del denaro (per esempio riciclaggio). Per cui se ci fosse un controllo da parte loro, sarà necessario dimostrare la provenienza lecita del denaro e attenzione, in Italia l'onere della prova spetta sempre al contribuente (non spetta a loro dimostrare le loro accuse, ma a te cittadino dimostrare che non hai fatto niente di male). Chiaro che se uno ha fatto bonifici a Coinbase è tutto tracciato e il problema non sussiste, ma se uno ha fatto mining, ha comprato per contanti da privati o altro non tracciato da chissà dove e da chissà chi, è diverso: cosa bisognerebbe fare in questi casi, in caso di controlli, non ne ho la più pallida idea.

Per cui è tutto abbastanza incasinato ancora: probabilmente quando uscirà una legge, si prevederanno vari modi di mettersi in regola...

Spero che sia utile, anche se risposte definitive ancora non ce ne sono!  Wink

RAWG ▓ Video Game Discovery Platform ▓ RAWG
▓Don’t Mine. Play!▓
mattonebit
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 308
Merit: 122


View Profile
January 27, 2018, 07:29:08 AM
 #1933

Buongiorno  Huh Roll Eyes

bitcoin-esentasse-per-ora
https://www.milanofinanza.it/news-preview/bitcoin-esentasse-per-ora-201801261731109131
gnigno77
Jr. Member
*
Offline Offline

Activity: 74
Merit: 1


View Profile
January 27, 2018, 08:26:36 AM
 #1934

Ti parlo del mio caso personale:
ho effettuato diversi bonifici dal mio conto corrente bancario verso Coinbase per acquistare ETH e BTC.
Questi miei movimenti sono tracciati.
Successivamente ho utilizzato BTC per acquistare altre criptovalute su Bittrex.
E anche questi movimenti sono tracciati sull'exchange.
Ho successivamente venduto le criptovalute in BTC e poi venduto questi ultimi con pagamento tramite bonifico bancario sul mio conto corrente.
Anche queste operazioni sono tracciate.
Quindi non vedo quale sia il problema di dimostrare la provenienza di soldi e monete.......

Tutto bene se:
hai traccia delle transazioni da Coinbase a Bittrex
hai almeno uno screenshot delle vendite effettuate su Bittrex

Ti conviene raccoglierla subito la documentazione, metti che domani Bittrex chiude.

Non serve che bittrex chiuda, basta che eliminano lo storico come hanno fatto qualche settimana fa... Se avevi uno screenshot bene, altrimenti ciao... hanno fatto tutto senza preavviso. Non so se via ticket ti inviano lo storico delle transazioni

A me su Bittrex fa vedere tutte le mie transazioni dal 2017.
Non so per quanto riguarda i periodi precedenti; qualcuno sa qualcosa in merito?
gnigno77
Jr. Member
*
Offline Offline

Activity: 74
Merit: 1


View Profile
January 27, 2018, 08:35:39 AM
 #1935

Certo che quando sento questi discorsi mi incazzo proprio.....Ecco perchè questo paese va male, perchè ci sono dei poveri pazzi come voi che vogliono pagare il 26 per cento di tasse, anzi no facciamo un bel 50%, di cui una buona parte va allo stato illegale del vaticano, QUANDO IN ITALIA NON ESISTE ALCUNA LEGGE IN MERITO AL PAGAMENTO DI TASSE DALLE CRIPTOMONETE. Se mi arriva un bonifico da 100k io incasso in contanti e buonanotte. Che il fisco poi faccia da solo ,se vuole, le sue verifiche per accertarsi da dove venga io mio denaro. Tanto quando poi vede che è stato fatto da un exchange finisce tutto li, e poi non pago di sicuro tasse per una LEGGE CHE NON ESISTE.

Ma sei fuori? Le cose stanno esattamente al contrario.

Non è previsto che esista una legge per ogni modo di guadagnare; una legge per far pagare le tasse a chi vende detersivi, una diversa per far pagare le tasse a chi vende magliette e così via...
Esistono invece norme che inquadrano i diversi tipi di guadagno (reddito da lavoro, rendita da capitale) e quanto è previsto pagare per ciascuna categoria.

Se non esistesse alcuna legge, ci sarebbe da pagare il 26% perché si rientrerebbe nella rendita da capitale.
Al contrario, esiste una normativa (non è proprio una legge): la mitica risoluzione 72/e del 02/09/2016. Questa sostiene proprio che i privati cittadini non sono tenuti a pagare o dichiarare i proventi della vendita di valute virtuali. E' solo grazie a questa che possiamo evitare di pagare il 26%.

Anche per quanto concerne le verifiche ti sbagli di grosso: l'onere della prova spetta a te!
In caso di verifica, tocca te DIMOSTRARE la provenienza del denaro altrimenti sono guai.

Questo è il vero punto dolente: fino a che punto si vorranno spingere i controlli?
Ok, il bonifico viene dall'exchage ma le monete che hai venduto da dove le hai prese? Riesci a dimostrarlo?
Bada bene: non importa se hai torto o ragione, importa solo quello che riesci a dimostrare.



Ero già a conoscenza più o meno di questa normativa. Quindi in questa normativa ricadono anche i bonifici superiori a 51k? Se me lo confermi allora avevo ragione io, ALTRO CHE CONTRARIO!! STATE DISCUTENDO SUL NULLA NELLA SPERANZA DI PAGARE TASSE. ROBA DA NON CREDERE. Se hanno introdotto questa normativa di sicuro non la toglieranno mai. Nessuno partito vorrebbe introdurre ancora tasse per vedersi diminuire quei pochi voti che ancora possiede in questo caos parlamentare. Vedete di mettere la normativa in evidenza così da non spaventare i nuovi arrivati.


C'è un errore di fondo, non c'è nessuna normativa riguardo alle criptovalute. C'è solo la risoluzione n. 72 del 2016, in risposta ad un interpello fatto da un'azienda, dove si evidenzia che la cessione a pronti (semplice compravendita) di criptovalute non è soggetta a tassazione per le persone fisiche (non per le imprese) perchè non c'è intento speculativo, con riferimento al discorso della legge sulla detenzione di valuta estera (quindi non c'è intento speculativo se non si detiene più di € 51.000 in valuta estera per più di 7 giorni consecutivi nel corso dell'anno solare).

Questa risoluzione, essendo un'interpello, non ha il benchè minimo valore legale. Vale solo per chi ha fatto l'interpello (e questa persona in teoria, nel suo caso specifico, dovrebbe essere tranquillo). Può fornire un'indicazione di massima su come comportarsi, ma ripeto, non essendo legge, non ha valore legale... In qualunque momento, una volta fatta la legge, quest'ultima avrebbe valore retroattivo e lo stato andrebbe a controllare e recuperare tutti i tributi non pagati negli anni precedenti.

Certo che la ratio di tutto il discorso che stiamo facendo è per l'appunto l'intento speculativo: se uno fa trading continuamente, difficile negare l'intento speculativo per mia opinione personale... Infatti vari commercialisti non interpretano letteralmente questa risoluzione. Per esempio, qua c'è un commento interessante ad opera di uno studio di commercialisti esperti in criptovalute:

http://www.mysolution.it/fisco/approfondimenti/commenti/2017/06/commento-30-giugno-2017-n.-1220/

Per il discorso dei 51.000 euro, bisogna considerare l'intero ammontare di tutte le proprie detenzioni in valuta estera nello stesso momento: se tale ammontare supera € 51.000 per almeno 7 giorni consecutivi, sulla cifra eccedente è necessario pagare le tasse sul capital gain (26%).

Il problema è che non c'è un tasso di cambio ufficiale per le criptovalute: per cui sarebbe un gran casino anche calcolare la fantomatica soglia dei 51.000 euro in un dato momento, considerando poi la volatilità di questo mercato... Inoltre, l'Unione Europea, con un'importante risoluzione (non me la ricordo ora, basta cercarla) ha escluso l'equiparazione delle criptovalute a valuta estera, assimilandole invece a degli strumenti finanziari.

La nostra Agenzia delle Entrate, con la risoluzione citata prima (72/2006) sembra orientarsi in maniera differente al momento, orientandosi verso l'assimilazione a valuta estera (per cui il discorso dei € 51.000), ma era solo la risposta ad un interpello: quando gli stati europei normeranno la materia con delle leggi, probabilmente dovranno attenersi a quanto già stabilito dall'Unione Europea e le criptovalute saranno considerati strumenti finanziari. Probabilmente le prime leggi ci saranno già da quest'anno, ormai a sentire le news è considerato da molti stati una priorità (vedi anche Francia e Germania)...

Anche altre persone (privati) hanno fatto un'interpello ed è stata confermata la non tassabilità per le operazioni a pronti: ma si trattava sempre, mi pare di ricordare, di una singola operazione fatta in un investimento in bitcoin (non a leva ovviamente, a leva = speculazione), ritrasformato in euro dopo un pò di tempo. Non mi pare che nessuno abbia mai fatto un interpello relativo all'attività di trading costante sulle altcoin (che difficilmente credo si possa evitare di considerarla speculativa...), ma più che altro su un'investimento che poi è salito di valore nel 2017.

Diciamo che allo stato attuale non c'è chiarezza sul dà farsi nel trading, d'altronde come potrebbe esserci visto che non ci sono leggi? Il mio consiglio è che se si fa cash out di somme anche solo un minimo consistenti, conviene sempre rivolgersi ad un commercialista che dirà come meglio procedere. Qualunque legge uscirà a breve, uno almeno così facendo si evita problemi successivi (almeno c'è la buona volontà che il fisco dovrebbe riconoscere  Wink)...

Questo ovviamente è il discorso per quanto riguarda l'Agenzia delle Entrate, e quindi la fiscalità. Leggendo però alcuni alcuni post precedenti, si fa confusione invece con quanto invece attiene la Guardia di Finanza: quest'ultima ha un'altro compito, cioè valutare eventuali usi illeciti del denaro (per esempio riciclaggio). Per cui se ci fosse un controllo da parte loro, sarà necessario dimostrare la provenienza lecita del denaro e attenzione, in Italia l'onere della prova spetta sempre al contribuente (non spetta a loro dimostrare le loro accuse, ma a te cittadino dimostrare che non hai fatto niente di male). Chiaro che se uno ha fatto bonifici a Coinbase è tutto tracciato e il problema non sussiste, ma se uno ha fatto mining, ha comprato per contanti da privati o altro non tracciato da chissà dove e da chissà chi, è diverso: cosa bisognerebbe fare in questi casi, in caso di controlli, non ne ho la più pallida idea.

Per cui è tutto abbastanza incasinato ancora: probabilmente quando uscirà una legge, si prevederanno vari modi di mettersi in regola...

Spero che sia utile, anche se risposte definitive ancora non ce ne sono!  Wink

Volevo fare una precisazione in merito al tuo discorso (che condivido appieno):
ho parlato col mio avvocato in merito alla tassazione di Bitcoin e criptovalute, visto che mi riguarda e che sta facendo dei corsi di aggiornamento in merito, e mi conferma che se faranno qualche legge in proposito NON SARà RETROATTIVA.
quindi non dovremmo preoccuparci per tutte le operazioni a pronti che abbiamo fatto.
Andreitos97
Jr. Member
*
Offline Offline

Activity: 82
Merit: 0


View Profile
January 27, 2018, 09:40:18 AM
 #1936

Ragazzi la soluzione per il fatto di poter essere accusati di riciclaggio se si fa mining, è cambiare paese. Stop
lorol
Jr. Member
*
Offline Offline

Activity: 60
Merit: 0


View Profile
January 27, 2018, 09:53:38 AM
 #1937

Certo che quando sento questi discorsi mi incazzo proprio.....Ecco perchè questo paese va male, perchè ci sono dei poveri pazzi come voi che vogliono pagare il 26 per cento di tasse, anzi no facciamo un bel 50%, di cui una buona parte va allo stato illegale del vaticano, QUANDO IN ITALIA NON ESISTE ALCUNA LEGGE IN MERITO AL PAGAMENTO DI TASSE DALLE CRIPTOMONETE. Se mi arriva un bonifico da 100k io incasso in contanti e buonanotte. Che il fisco poi faccia da solo ,se vuole, le sue verifiche per accertarsi da dove venga io mio denaro. Tanto quando poi vede che è stato fatto da un exchange finisce tutto li, e poi non pago di sicuro tasse per una LEGGE CHE NON ESISTE.

Ma sei fuori? Le cose stanno esattamente al contrario.

Non è previsto che esista una legge per ogni modo di guadagnare; una legge per far pagare le tasse a chi vende detersivi, una diversa per far pagare le tasse a chi vende magliette e così via...
Esistono invece norme che inquadrano i diversi tipi di guadagno (reddito da lavoro, rendita da capitale) e quanto è previsto pagare per ciascuna categoria.

Se non esistesse alcuna legge, ci sarebbe da pagare il 26% perché si rientrerebbe nella rendita da capitale.
Al contrario, esiste una normativa (non è proprio una legge): la mitica risoluzione 72/e del 02/09/2016. Questa sostiene proprio che i privati cittadini non sono tenuti a pagare o dichiarare i proventi della vendita di valute virtuali. E' solo grazie a questa che possiamo evitare di pagare il 26%.

Anche per quanto concerne le verifiche ti sbagli di grosso: l'onere della prova spetta a te!
In caso di verifica, tocca te DIMOSTRARE la provenienza del denaro altrimenti sono guai.

Questo è il vero punto dolente: fino a che punto si vorranno spingere i controlli?
Ok, il bonifico viene dall'exchage ma le monete che hai venduto da dove le hai prese? Riesci a dimostrarlo?
Bada bene: non importa se hai torto o ragione, importa solo quello che riesci a dimostrare.



Ero già a conoscenza più o meno di questa normativa. Quindi in questa normativa ricadono anche i bonifici superiori a 51k? Se me lo confermi allora avevo ragione io, ALTRO CHE CONTRARIO!! STATE DISCUTENDO SUL NULLA NELLA SPERANZA DI PAGARE TASSE. ROBA DA NON CREDERE. Se hanno introdotto questa normativa di sicuro non la toglieranno mai. Nessuno partito vorrebbe introdurre ancora tasse per vedersi diminuire quei pochi voti che ancora possiede in questo caos parlamentare. Vedete di mettere la normativa in evidenza così da non spaventare i nuovi arrivati.


C'è un errore di fondo, non c'è nessuna normativa riguardo alle criptovalute. C'è solo la risoluzione n. 72 del 2016, in risposta ad un interpello fatto da un'azienda, dove si evidenzia che la cessione a pronti (semplice compravendita) di criptovalute non è soggetta a tassazione per le persone fisiche (non per le imprese) perchè non c'è intento speculativo, con riferimento al discorso della legge sulla detenzione di valuta estera (quindi non c'è intento speculativo se non si detiene più di € 51.000 in valuta estera per più di 7 giorni consecutivi nel corso dell'anno solare).

Questa risoluzione, essendo un'interpello, non ha il benchè minimo valore legale. Vale solo per chi ha fatto l'interpello (e questa persona in teoria, nel suo caso specifico, dovrebbe essere tranquillo). Può fornire un'indicazione di massima su come comportarsi, ma ripeto, non essendo legge, non ha valore legale... In qualunque momento, una volta fatta la legge, quest'ultima avrebbe valore retroattivo e lo stato andrebbe a controllare e recuperare tutti i tributi non pagati negli anni precedenti.

Certo che la ratio di tutto il discorso che stiamo facendo è per l'appunto l'intento speculativo: se uno fa trading continuamente, difficile negare l'intento speculativo per mia opinione personale... Infatti vari commercialisti non interpretano letteralmente questa risoluzione. Per esempio, qua c'è un commento interessante ad opera di uno studio di commercialisti esperti in criptovalute:

http://www.mysolution.it/fisco/approfondimenti/commenti/2017/06/commento-30-giugno-2017-n.-1220/

Per il discorso dei 51.000 euro, bisogna considerare l'intero ammontare di tutte le proprie detenzioni in valuta estera nello stesso momento: se tale ammontare supera € 51.000 per almeno 7 giorni consecutivi, sulla cifra eccedente è necessario pagare le tasse sul capital gain (26%).

Il problema è che non c'è un tasso di cambio ufficiale per le criptovalute: per cui sarebbe un gran casino anche calcolare la fantomatica soglia dei 51.000 euro in un dato momento, considerando poi la volatilità di questo mercato... Inoltre, l'Unione Europea, con un'importante risoluzione (non me la ricordo ora, basta cercarla) ha escluso l'equiparazione delle criptovalute a valuta estera, assimilandole invece a degli strumenti finanziari.

La nostra Agenzia delle Entrate, con la risoluzione citata prima (72/2006) sembra orientarsi in maniera differente al momento, orientandosi verso l'assimilazione a valuta estera (per cui il discorso dei € 51.000), ma era solo la risposta ad un interpello: quando gli stati europei normeranno la materia con delle leggi, probabilmente dovranno attenersi a quanto già stabilito dall'Unione Europea e le criptovalute saranno considerati strumenti finanziari. Probabilmente le prime leggi ci saranno già da quest'anno, ormai a sentire le news è considerato da molti stati una priorità (vedi anche Francia e Germania)...

Anche altre persone (privati) hanno fatto un'interpello ed è stata confermata la non tassabilità per le operazioni a pronti: ma si trattava sempre, mi pare di ricordare, di una singola operazione fatta in un investimento in bitcoin (non a leva ovviamente, a leva = speculazione), ritrasformato in euro dopo un pò di tempo. Non mi pare che nessuno abbia mai fatto un interpello relativo all'attività di trading costante sulle altcoin (che difficilmente credo si possa evitare di considerarla speculativa...), ma più che altro su un'investimento che poi è salito di valore nel 2017.

Diciamo che allo stato attuale non c'è chiarezza sul dà farsi nel trading, d'altronde come potrebbe esserci visto che non ci sono leggi? Il mio consiglio è che se si fa cash out di somme anche solo un minimo consistenti, conviene sempre rivolgersi ad un commercialista che dirà come meglio procedere. Qualunque legge uscirà a breve, uno almeno così facendo si evita problemi successivi (almeno c'è la buona volontà che il fisco dovrebbe riconoscere  Wink)...

Questo ovviamente è il discorso per quanto riguarda l'Agenzia delle Entrate, e quindi la fiscalità. Leggendo però alcuni alcuni post precedenti, si fa confusione invece con quanto invece attiene la Guardia di Finanza: quest'ultima ha un'altro compito, cioè valutare eventuali usi illeciti del denaro (per esempio riciclaggio). Per cui se ci fosse un controllo da parte loro, sarà necessario dimostrare la provenienza lecita del denaro e attenzione, in Italia l'onere della prova spetta sempre al contribuente (non spetta a loro dimostrare le loro accuse, ma a te cittadino dimostrare che non hai fatto niente di male). Chiaro che se uno ha fatto bonifici a Coinbase è tutto tracciato e il problema non sussiste, ma se uno ha fatto mining, ha comprato per contanti da privati o altro non tracciato da chissà dove e da chissà chi, è diverso: cosa bisognerebbe fare in questi casi, in caso di controlli, non ne ho la più pallida idea.

Per cui è tutto abbastanza incasinato ancora: probabilmente quando uscirà una legge, si prevederanno vari modi di mettersi in regola...

Spero che sia utile, anche se risposte definitive ancora non ce ne sono!  Wink

Ma nel mio caso non faccio trading, compro e vendo dopo tanto tempo. In particolare su litebit.eu che te li converte in litebit credits e poi ti fa il bonifico. Quindi in questo caso, per come stanno messe ora le cose, posso eccedere i 51k annuali?
DenFox
Jr. Member
*
Offline Offline

Activity: 45
Merit: 0


View Profile
January 27, 2018, 09:59:21 AM
 #1938

Parlate sempre di fare screenshot, ma vi sfugge un piccolo dettaglio: gli screenshot NON hanno valore legale. Per avercelo, dovete andare dal notaio per farli certificare e, sinceramente, non so quanto venga a costare, ma penso che l'importo sia tutto fuorché basso... Vorrei sinceramente sapere anch'io quanto possa venire a costare, solo in questo modo si potrebbe essere veramente tutelati.
Fabrizio89
Hero Member
*****
Offline Offline

Activity: 919
Merit: 1000


View Profile
January 27, 2018, 11:45:07 AM
 #1939

Non è vero che è impossibile da calcolare, c'è un totale capitale ad un inizio anno ed un capitale finale a fine anno. Il capital gain va pagato su quello, non ci sono storie che tengano sull'impossibilità di vedere tutti i trade delle altcoin. Il 26% di ogni operazione è pari al 26% del totale guadagnato, quindi non so in cosa vi stiate impelagando.

https://1broker.com/?r=2479
 

Trade stocks, commodities, currencies with bitcoins! Up to 200x Leverage.
HostFat
Moderator
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 2870
Merit: 1062


I support freedom of choice


View Profile WWW
January 27, 2018, 12:32:15 PM
 #1940

Domanda al sole 24 ore, visto che chiedevano di farle, e ovviamente non è arrivata risposta Smiley
https://www.facebook.com/ilsole24ore/videos/10155405064738517/?comment_id=10155405080573517&reply_comment_id=10155405331373517&comment_tracking=%7B%22tn%22%3A%22R9%22%7D

Quote
La situazione da chiarire, è quella di una persona i cui soldi si trovano tutti in Bitcoin, non in euro.
Una persona che magari vive in Italia, con normale contratto di lavoro (quindi NON in nero), MA ogni volta (sempre) che riceve la sua paga in euro, questi vengano da lui immediatamente convertiti in Bitcoin.

Questo, può portare anche ad avere da parte, sul proprio portafoglio bitcoin digitale, "sul proprio computer", e quindi NON all'estero su servizi terzi, anche un controvalore in euro, oltre i 51k.

Poi, però, nel caso ci sia qualcosa da pagare, tipo una bolletta, l'acquisto di un computer ecc ... tale persona vada a convertire una piccola quantità di Bitcoin, in euro, al solo fine di fare quell'acquisto o pagare tale bolletta.

Ripeto quindi, niente trading/speculazione, semplicemente in quel momento, la persona ha bisogno di usare euro, e quindi converte una piccola parte dei Bitcoin per quei corrispondenti euro, che andranno a pagare quel prodotto/servizio di cui ha bisogno.

Se nell'arco dell'anno, il prezzo in euro dei Bitcoin è salito, nel momento in cui converte ad esempio quei pochi bitcoin per avere tipo 1000 euro per comprarsi un computer, che non mi pare sia a fine speculativo, dovrà pagare la plusvalenza?

NON DO ASSISTENZA PRIVATA - The Rock Trading (ref): A good exchange since 2007. 
https://bitcointa.lk: Bitcointalk backup if offline - Bitcoin Foundation Italia - Blog: http://theupwind.blogspot.it
Pages: « 1 ... 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 [97] 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 »
  Print  
 
Jump to:  

Sponsored by , a Bitcoin-accepting VPN.
Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines Valid XHTML 1.0! Valid CSS!